Le piastre in ghisa per camini vengono usate per migliorare l’efficienza del riscaldamento e per proteggere il pavimento circostante dalle scintile e dalla dispersione del calore.

Il motivo per cui vengono realizzate in ghisa è dovuto alla grande resistenza che caratterizza questo materiale, il cui vantaggio principale è quello di riuscire ad accumulare calore per poi rilasciarlo gradualmente nel tempo.

Ciò detto, è doveroso specificare che i pannelli in ghisa non sono certo tutti uguali, ed è quindi importante scegliere quelli che si addicono meglio al tuo caminetto. Scopo della nostra guida è infatti quello di guidarti nella scelta delle migliori piastre in ghisa per camino, aiutandoti così a trovare quelle perfette per te.

– Perché scegliere piastre in ghisa per il camino

Il motivo che rende i pannelli in ghisa per camini una scelta tanto apprezzata è da attribuire agli innumerevoli vantaggi che sono in grado di assicurare, anche sotto l’aspetto estetico. Come ti abbiamo già anticipato, infatti, queste piastre non sono tutte uguali ed è possibile trovarle in diversi formati: rettangolari, quadrati, circolari e molti altri ancora, fermo restando che puoi decidere di personalizzarle per adattarle alle dimensioni e allo stile del tuo camino.

piastre in ghisa per camino

La ghisa, oltretutto, è composta da una lega di ferro contenente una quantità significativa di carbonio (solitamente tra il 2% e il 4%), meritevole di conferire alla ghisa quelle proprietà di robustezza e resistenza al calore che la rendono tanto apprezzata.

La ghisa utilizzata per le piastre del camino, spesso chiamata “ghisa da caminetto”, è infatti specificamente progettata per resistere alle temperature elevate e alle variazioni termiche. Optare per una lastra in ghisa per camino significa pertanto assicurarsi una serie di vantaggi interessanti, che includono:

  • distribuzione uniforme del calore: la ghisa ha la capacità di accumulare calore e rilasciarlo gradualmente nel tempo. Quando il fuoco nel camino è acceso, la piastra in ghisa assorbe il calore e lo irradia lentamente nell’ambiente circostante, anche dopo che il fuoco si è spento. Ciò contribuisce a mantenere una temperatura più costante nella stanza e a ridurre (se non a eliminare del tutto) la necessità di un riscaldamento aggiuntivo.
  • Protezione del pavimento: Le piastre in ghisa sono posizionate sotto il camino per proteggere il pavimento circostante da scintille, cenere e calore eccessivo. Questo è particolarmente importante per prevenire danni ai pavimenti in legno o ad altri materiali sensibili al calore.
  • Aumento dell’efficienza energetica: posizionando una piastra in ghisa nella parte posteriore o sui lati del camino, è possibile catturare il calore che altrimenti sarebbe disperso attraverso la canna fumaria. La piastra riflette il calore nella stanza, migliorando l’efficienza del riscaldamento e riducendo il consumo di combustibile.
  • Riduzione del rischio di incendi: le piastre in ghisa contribuiscono a prevenire la caduta di scintille o braci ardenti sul pavimento o sul tappeto, riducendo così il rischio di incendi accidentali.
  • Estetica: oltre alle loro funzioni pratiche, le piastre in ghisa per camini possono essere decorative e aggiungere un tocco estetico all’ambiente del camino. Sono disponibili in una varietà di design e finiture diverse, al fine di abbinarsi ai diversi stili di arredamento.
  • Durabilità: la ghisa è un materiale noto per la sua durabilità e resistenza. Le piastre in ghisa sono progettate per durare a lungo senza subire deformazioni o danni significativi a causa del calore.

piastre in ghisa per camino vantaggi

Per godere appieno di tutti questi vantaggi, tuttavia, è d’importanza fondamentale scegliere piastre in ghisa idonee al tuo camino e, per poterlo fare, devi conoscere le tipologie di lastre che ti offre il mercato.

– Tipologie di piastre in ghisa

Nell’ambito delle piastre di ghisa per camini, è possibile identificare tre tipologie differenti:

  • piastre in ghisa realizzate su misura;
  • piastre in ghisa lisce;
  • piastre in ghisa ornate.

Le prime, essendo su misura, sono progettate per adattarsi perfettamente alle dimensioni e alla struttura del tuo camino. Questo ti garantisce un’installazione precisa e un’estetica perfettamente armoniosa, proprio grazie alla possibilità di personalizzare la piastra in base alle tue preferenze e necessità, coordinandola con l’arredamento della stanza.

Oltre a questo, sei libero di dotarla dello spessore che preferisci e perfino di una resistenza extra per massimizzarne la durabilità nel tempo: vantaggi che, per quanto apprezzabili, prevedono inevitabilmente di pagare costi più elevati.

piastre in ghisa per camini su misura

In alternativa, se non hai particolari esigenze e possiedi un budget ridotto, l’alternativa è quella di buttarti sulle piastre in ghisa standard, che possono presentare un design liscio o elaborato. Nel primo caso, si tratta di lastre con uno scopo perlopiù funzionale e caratterizzate da una struttura molto basica.

Se, invece, apprezzi l’idea di un interno del camino in ghisa finemente decorato, allora dovresti optare per un’elegante piastra ornata. Questa terza tipologia si caratterizza infatti per la presenza di intagli e motivi ornamentali: una caratteristica che, se da un lato la rende esteticamente molto bella, dall’altro potrebbe renderti la sua pulizia un po’ più difficoltosa.

piastre in ghisa per camino decorate

A prescindere da quale sarà la tua decisione finale, ad ogni modo, è importante tenere conto di una serie di fattori, dai quali dipende la futura funzionalità della tua piastra in ghisa per camino.

– Come scegliere la piastra giusta

La scelta delle piastre in ghisa per caminetti dipende principalmente da due parametri fondamentali:

  • dimensioni
  • design ed estetica.

Il calcolo delle dimensioni esatte del tuo caminetto è d’importanza fondamentale, poiché da esse dipenderanno anche quelle della tua futura piastra in ghisa. Ciò che devi fare, pertanto, consiste nel misurare attentamente il camino, calcolando le dimensioni di ogni lato: altezza, larghezza e profondità.

Per farlo senza sbagliare, il consiglio è quello di effettuare la misurazione solo a seguito di una minuziosa pulizia, così da ottenere una visione chiara e precisa dell’intera area. Se hai la fortuna di possedere un camino dal design particolarmente decorato, sarebbe bene che misurassi anche i dettagli ornamentali, poiché potrebbero influenzare le misure della tua futura lastra in ghisa.

E questo ci porta a parlare dell’altro importante fattore di cui è bene tenere conto: il design e l’estetica del caminetto. Come recita un vecchio adagio, infatti “Anche l’occhio vuole la sua parte”: ciò significa che dovresti scegliere una piastra in ghisa in grado di sposarsi armoniosamente con il tuo camino. Se esso fosse caratterizzato da un design moderno e minimalista, per esempio, sarebbe bene che optassi per una lastra dalla struttura liscia ed essenziale.

piastre camini design

 

Viceversa, se il tuo caminetto si presenta invece particolarmente ricco di decorazioni, allora anche la sua futura piastra in ghisa dovrebbe adeguarsi a questa estetica “barocca”.

– Conclusione: manutenzione e cura delle piastre in ghisa

Per mantenere le piastre in ghisa in buone condizioni e prolungarne la durata nel tempo, è importante prestare attenzione alla manutenzione e alla pulizia regolare. Ecco alcuni consigli su come prendersi cura delle lastre in ghisa per camini:

  • dopo ogni utilizzo, assicurati di pulire la piastra in ghisa. Rimuovi i residui di cibo bruciato, le ceneri o altre particelle dalla superficie della piastra. Puoi farlo con una spazzola per barbecue o una spazzola in nylon resistente.
  • Periodicamente, puoi lavare la piastra con acqua calda e un detergente delicato. Assicurati di asciugare accuratamente la piastra dopo il lavaggio per prevenire la formazione di ruggine.
  • Se noti la formazione di piccole macchie di ruggine sulla piastra, puoi rimuoverle con una spugna abrasiva o carta vetrata a grana fine. Dopo aver rimosso la ruggine, asciuga bene la piastra e applica uno strato sottile di olio vegetale sulla superficie per prevenire ulteriori corrosioni.
  • Se non utilizzi la piastra in ghisa per un periodo prolungato, assicurati di conservarla in un luogo asciutto e al riparo dall’umidità. Puoi anche coprirla con un panno o una custodia per proteggerla dalla polvere.
  • Controlla periodicamente la piastra per verificare la presenza di danni o segni di usura. Eventuali segni di deterioramento dovrebbero essere affrontati tempestivamente onde evitare danni peggiori.

Seguendo queste semplici pratiche di manutenzione, potrai prolungare nel tempo la vita delle tue piastre in ghisa. Per quanto si tratti di un materiale resistente, infatti, per preservare le proprie condizioni richiede comunque delle cure adeguate e, se t’impegnerai a garantirgliele, in cambio otterrai un camino pulito, funzionale e bellissimo da vedere.

Luca Padoin