Hai mai riflettuto sulla possibilità di arredare casa con mobili fai da te? Questa soluzione, troppo spesso ignorata, ti garantisce in realtà una marea di soddisfazioni, nonché un apprezzato risparmio economico! Magari ritieni di non essere molto portato per questo tipo di lavori, o forse pensi che sarebbe soltanto tempo sprecato.

La verità, tuttavia, è che creare mobili fai da te significa dedicarti a un’attività fantasiosa e rilassante, in grado di arricchire la tua casa con un inedito tocco personalizzato. Dunque che cosa aspetti a metterti alla prova? Procurati tutti gli strumenti necessari e sbriglia la creatività: il risultato ottenuto potrebbe rivelarsi ben al di là delle tue aspettative!

– Introduzione ai mobili fai da te

Non te lo nascondiamo: il fai da te rappresenta una vera e propria arte, per la quale si può essere portati o negati. Ciò nonostante, costruire mobili fai da te non significa necessariamente realizzare dei capolavori di falegnameria.

Come avremo modo di spiegarti più avanti, infatti, esistono tecniche per principianti alla portata di chiunque, i cui risultati non hanno nulla da invidiare a quelli ottenuti con metodologie più sofisticate. Ma quali sono i vantaggi legati al costruirsi i mobili da soli?

Al di là dell’orgoglio personale derivante dallo sfoggiare un mobile realizzato con le proprie mani, si tratta comunque di un’attività perfetta per il tempo libero, magari quando il tempo è freddo e piovoso e non hai alcuna voglia di uscire di casa. In alternativa, è perfetta anche per le giornate di sole: del resto, cosa c’è di più bello del dedicarsi a un’attività creativa all’aria aperta?

mobili fai da te

Ma non solo. I mobili fai da te possono tranquillamente essere realizzati con materiali riciclati o di scarto, il che li rende una soluzione ecologica e sostenibile. Per non parlare poi del costo irrisorio di tali materiali: decisamente più conveniente di quello che andresti a spendere comprando mobili nuovi.

Strumenti necessari e preparazione

Prima di fare progetti sui mobili fai da te, devi necessariamente disporre di tutti gli strumenti che potrebbero servirti, vale a dire:

  • trapano elettrico;
  • martello;
  • cacciaviti di dimensioni e formati diversi;
  • seghetto;
  • squadra;
  • livella;
  • righello e/o nastro per prendere le misure;
  • morsetti;
  • carta vetrata e lima;
  • maschere di protezione, occhiali e cuffie per le orecchie;
  • kit di fissaggio, comprensivo di bulloni, viti, ecc.

A tali strumenti, volendo, puoi aggiungere anche una sega circolare, il cui utilizzo è però consigliato soltanto se hai un minimo di dimestichezza e a fronte di lavori leggermente più professionali.

Una volta che ti sarai procurato tutto l’occorrente, sarai finalmente pronto a cominciare. Il consiglio è quello di ritagliarti uno spazio comodo in cui lavorare, dove non andrai a disturbare nessuno e nessuno potrà disturbare te.

Ricorda sempre che la sicurezza dev’essere messa al primo posto: tanto la tua, quanto quella degli altri. Evita quindi di lavorare in presenza di bambini piccoli e accertati di disporre di un piano di lavoro sicuro e spazioso, inserito in un’area che ti permetta di muoverti in piena libertà.

– Tendenze recenti nel fai da te

Tra le tendenze più diffuse e apprezzate nell’ambito dei mobili fai da te in legno, ce ne sono due che vale assolutamente la pena di menzionare e che prevedono la costruzione di:

  • mobili a listelli;
  • mobili scanalati.

Come s’intuisce dal loro stesso nome, i mobili a listelli vengono realizzati utilizzando listelli di legno assemblati insieme l’uno con l’altro, che vanno così a formare la struttura portante del mobile.

Questo design viene apprezzato per la sua estetica rustica e naturale, che lo rende perfetto nell’ambito di arredamenti in stile country, shabby chic e retrò, tanto per citarne qualcuno.

Un altro motivo che rende la tecnica dei listelli molto richiesta è dovuto al fatto che con essa è possibile realizzare anche dei semplici pannelli lignei da addossare alla parete, magari per valorizzare delle aree specifiche della stanza, a fronte di una resa estetica decisamente impattante.

mobili a listelli

I mobili scanalati fai da te appaiono simili a quelli precedenti, con la differenza che le scanalature si traducono in una serie di intagli creativi nel legno, più o meno elaborati a seconda delle capacità dell’artigianato.

Apprezzati per il loro design elegante e ricco di minuziose decorazioni, possono essere utilizzati in concomitanza con vari stili di arredamento: da quello classico e un po’ anticato agli arredi contemporanei, arricchendo l’ambiente con un tocco raffinato.

mobili scanalati

In sintesi, pertanto, è possibile affermare che i mobili fai da te presentino una texture dall’impatto decisamente significativo e in grado di arricchire di personalità qualsiasi ambiente.

Fermo restando il fatto che l’esito finale dipende ovviamente dal materiale scelto, dalla tecnica di lavorazione e dalle tue abilità personali, il risultato ottenuto si tradurrà sempre e comunque in una scelta anticonformista indice di un certo carattere.

– Come iniziare a costruire i tuoi mobili

Come ti abbiamo già spiegato, far da sé i mobili può rivelarsi un’attività stimolante e creativa. Ciò nonostante, è d’importanza fondamentale seguire un iter ben preciso, del quale andiamo a elencarti le varie fasi:

  • stabilisci quale sarà il progetto che intendi realizzare, anche nel rispetto del tuo livello di esperienza con il fai da te;
  • procurati i materiali necessari con cui hai deciso di lavorare;
  • almeno le prime volte, lasciati ispirare da uno dei numerosi tutorial che si trovano su internet e che possono aiutarti a realizzare il progetto in maniera sicura ed efficace.

Per quanto riguarda la questione relativa ai materiali, il principale vantaggio dei mobili fai da te è dato dal fatto di poterli costruire con materiali di scarto e/o riciclo che, oltre a non costarti praticamente nulla, ti permetteranno di fare una scelta sostenibile e rispettosa dell’ambiente. Ma quali sono, esattamente, questi materiali?

– Progetti fai da te creativi

I materiali che stiamo per suggerirti sono alla portata di chiunque, non costano praticamente nulla e richiedono una lavorazione molto basica. Più nello specifico, ci riferiamo a:

  • cartone;
  • bancali;
  • cassette della frutta.

Come puoi osservare tu stesso, si tratta perlopiù di materiali di scarto, che non farai alcuna fatica a procurarti e, molto spesso, ti verranno letteralmente regalati! Il cartone, in particolare, è davvero semplicissimo da lavorare ed è perfetto per realizzare mobili fai da te che non dovranno sopportare pesi eccessivi. L’ideale, pertanto, sarebbe quello di sfruttarlo per “mobili di bellezza”, destinati cioè ad abbellire l’ambiente.

In alternativa, se punti a realizzare un progetto più concreto e vivibile, puoi servirti dei bancali. Tradizionalmente considerati alla stregua di materiali di scarto, nell’ambito del fai da te rappresentano invece dei veri e propri tesori. Ti sarà sufficiente assemblarne più di uno, con l’aiuto degli strumenti precedentemente elencati, per ottenere dei veri e propri complementi d’arredo per la casa, caratterizzati da una suggestiva estetica rustica!

mobili fai da te con bancali

Altri oggetti di scarto in grado di riservarti grandi soddisfazioni sono senz’altro le cassette della frutta, perfette per l’ambiente cucina e non solo. La loro lavorazione non è dissimile da quella dei bancali e, con un pizzico di creatività, puoi trasformarle in una marea di cose utili, che spaziano da eleganti tavolini da aperitivo a originali porta – oggetti.

mobili con cassette della frutta

Infine, se non ti sentissi ancora pronto a costruire un mobile in fai da te, puoi sempre optare per il recupero di quelli vecchi. Anche in questo caso, basta davvero poco: una buona pulizia, una mano di vernice, una finitura adeguata e…voilà! Avrai ottenuto uno splendido ed elegante complemento d’arredo per la tua casa, in pieno stile shabby chic.

– Montare e fissare i mobili fai da te

Nel caso in cui il tuo livello di esperienza nel fai da te fosse elevato, puoi buttarti in progetti più complessi, come ad esempio la costruzione di un armadio. Il consiglio, in questo caso, è quello di partire sempre dalle pareti laterali, che rappresentano la struttura del mobile e dovranno quindi essere montate per prime.

Dopo esserti assicurato che siano perfettamente allineate, con l’aiuto di una livella, potrai procedere al montaggio delle parti interne, vale a dire mensole, cassetti e barre appendiabiti.

Le ante andranno invece montate per ultime e, terminato quest’ultimo step, non ti resterà altro da fare se non fissare il tuo armadio contro il muro. Questa operazione è estremamente importante ai fini della sicurezza, motivo per cui devi accertarti di seguire correttamente i vari step:

  • sposta il mobile nella posizione desiderata contro il muro. Assicurati che sia posizionato correttamente, poiché una volta fissato al muro sarà difficile spostarlo;
  • localizza i punti di ancoraggio sul mobile, posti solitamente ai lati superiori o posteriori del mobile. In alcuni casi, potresti anche voler fissare le staffe alle gambe del mobile, se presenti;
  • monta le staffe di fissaggio a parete sui punti di ancoraggio precedentemente contrassegnati sul mobile. Le staffe dovrebbero essere saldamente fissate al mobile utilizzando viti resistenti;
  • rimuovi il mobile dalla posizione e posiziona le staffe sul muro, allineandole con i punti di ancoraggio contrassegnati precedentemente. Utilizza un trapano elettrico per praticare fori pilota nei punti di ancoraggio sul muro, assicurandoti che tali fori siano leggermente più lunghi rispetto alle viti di ancoraggio;
  • posiziona nuovamente il mobile contro il muro, facendo in modo che le staffe sul mobile si allineino con i fori pilota. Fissa il mobile al muro inserendo le viti di ancoraggio attraverso le staffe e nei fori, assicurandoti che le viti siano ben strette, ma non troppo strette da danneggiare il mobile o il muro;
  • assicurati che il mobile sia stabile e ben fissato al muro. Puoi esercitare una leggera pressione per accertarti che non si muova o si inclini. Se necessario, regola le staffe o le viti di ancoraggio per garantire la massima stabilità;
  • una volta che il mobile risulterà fissato in modo sicuro al muro, riposizionalo nella posizione desiderata e assicurati che sia dritto e perfettamente livellato.

Come puoi osservare tu stesso, si tratta di una costruzione fai da te decisamente più complessa delle precedenti, motivo per cui ci sentiamo di consigliartela soltanto se puoi vantare l’esperienza necessaria.

– Conclusione: costi e benefici dei mobili fai da te

Se sei arrivato a leggere fino a qui, dovresti esserti fatto un’idea chiara e precisa dei vantaggi connessi alla realizzazione dei mobili fai da te, anche sotto l’aspetto economico. Dedicarti a un’attività di questo tipo può infatti rappresentare un modo efficace per risparmiare denaro, ma è importante prendere in considerazione tutti i costi e i fattori coinvolti nel progetto.

Se hai esperienza nel fai da te e accesso ai materiali e agli strumenti necessari, potresti effettivamente essere in grado di risparmiare notevolmente rispetto all’acquisto di mobili nuovi. Tuttavia, è importante pianificare accuratamente il tuo progetto e considerare sia le tue esigenze specifiche, sia il livello di competenza di cui disponi.

Luca Padoin