Se il vostro obiettivo è quello di avere pavimenti sempre splendenti, allora ciò che vi serve è una lucidatrice per i pavimenti di marmo che, per questo tipo di lavori, rappresenta l’alleata migliore in assoluto.

Scopo di questa nostra guida, infatti, non è semplicemente quello di presentare le migliori macchine lucidapavimenti, bensì quelle che sono espressamente progettate per la lucidatura del marmo.

IMMAGINEPRODOTTODETTAGLI
  • ✔ Potenza: 800W
  • ✔ Peso: 7Kg
  • ✔ Capienza: 4L
Controlla Prezzo
  • ✔ Potenza: 800W
  • ✔ Peso: 7Kg
  • ✔ Capienza: 3,5L
Controlla Prezzo
  • ✔ Potenza: 600W
  • ✔ Peso: 6,60Kg
  • ✔ Capienza: 4L
Controlla Prezzo
  • ✔ Potenza: 600W
  • ✔ Peso: 7Kg
  • ✔ Capienza: 3,5L
Controlla Prezzo

Se siete curiosi di scoprire subito quali sono questi fantastici elettrodomestici, v’invitiamo ad andarvi a vedere la tabella che trovate qui sotto, nella quale è riportato l’elenco di tutti e quattro. Se invece preferite approfondire meglio la questione con la recensione di ciascun prodotto, allora non dovete fare altro che proseguire con la lettura. 

– LE MIGLIORI LUCIDATRICI PER PAVIMENTI IN MARMO OFFERTE DAL MERCATO

Quelle che ci accingiamo a recensire rappresentano le quattro migliori lucidatrici professionali per pavimenti, le cui caratteristiche tecniche sono state espressamente progettate per rendere il marmo il più splendente e brillante possibile.

A onor del vero, le prime tre recensioni figurano già in un altro articolo incentrato sulle lucidatrici in generale, che v’invitiamo ad andarvi a leggere sul nostro portale per approfondire ulteriormente l’argomento. Data l’eccezionale qualità di questi prodotti, tuttavia, siamo lieti di presentarli anche in questa sede.

1. Lucidatrice per pavimenti Hoover Polisher

Hoover Polisher F38PQ Lucidatrice con...
  • Lucidatrice con funzione aspirapolvere integrata
  • Potenza massima 800 W
  • 3 Feltrini grigi e 3 Feltrini bianchi
  • Set di spazzole "parquet"
  • Filtrazione a 2 livelli con sacco

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2020-03-20 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Questa prima lucidatrice offre il merito di presentare una struttura classica unita però a un design particolarmente gradevole. Il suo grosso sacco raccoglipolvere è stato infatti dipinto di un delicato color rosa cipria, che contribuisce a donare all’elettrodomestico un aspetto più elegante e curato, quasi da soprammobile.

Dal punto di vista puramente strutturale, invece, la lucidatrice Hoover Polisher si presenta composta da un lungo bastone portante, terminante nell’immancabile testa aspirante ricoperta da una grossa coppa argentata. L’impugnatura del bastone si compone di un manico nero, caratterizzato da una lieve curvatura allo scopo di facilitarne la presa.

La caratteristica maggiormente degna di nota di questo modello è data dalla sua capacità di funzionare anche come aspirapolvere. Grazie ai suoi 800 watt di potenza, infatti, questa lucidatrice inizia il lavoro con un’efficace operazione di pulizia del pavimento, liberandolo così da tutta la polvere presente.

Successivamente, per merito della sua particolare testina a tripla azione, procede con l’applicazione della cera, creando così un valido strato protettivo. Tutto questo senza rischiare minimamente di danneggiare i mobili della stanza in cui viene passata: ciò è possibile grazie alla presenza di un morbido paraurti in gomma, che permette alla macchina di lavorare senza arrecare alcun tipo di danno.

Parlando un attimo delle sue misure, è giusto sottolineare che questa lucidatrice non è affatto ingombrante: con i suoi 7 Kg di peso è, tutto sommato, facilmente trasportabile, consentendoci così di sfruttarla con maggiore facilità.

A questa sua compattezza corrisponde però una capienza di ben 4 litri: un valore davvero notevole, che consente all’elettrodomestico di raccoglie un grande quantitativo di polvere, svolgendo così un efficacissimo lavoro di pulizia.

Se a tutto questo aggiungiamo anche il fatto che il suo costo non risulta nemmeno troppo elevato, allora possiamo affermare con certezza di trovarci di fronte a un prodotto realmente meritevole di essere acquistato.

2. Lucidatrice per pavimenti Hoover F

Offerta
Hoover F 3880 Lucidatrice Polisher,...
  • Interamente Made in Italy: una lucidatrice con...
  • Potenza massima 800 W
  • 3 set di spazzole per: rimuovere la cera, passare...
  • Filtrazione a 2 livelli con sacco
  • Luce frontale

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2020-03-20 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Anche questa seconda lucidatrice, di cui proponiamo la recensione, presenta una struttura decisamente classica, seppure esteticamente meno gradevole rispetto a quella del modello precedente. I colori che la contraddistinguono sono infatti quelli relativi alle tonalità del grigio, che ritroviamo pressoché in ogni parte della lucidatrice.

A livello strutturale, ad ogni modo, questa macchina si compone del solito bastone portante terminante nella testina aspirante ricoperta dalla consueta coppa argentata. L’impugnatura del bastone è di tipo standard, caratterizzata cioè dalla presenza di un manico nero leggermente ricurvo, progettato per semplificare la presa alle persone.

Come tutti i modelli a marchio Hoover, anche in questa lucidatrice si segnala la presenza di un pratico avvolgicavo situato nella parte posteriore del bastone: si tratta di un ottimo escamotage per consentirci di tenere il filo dell’alimentazione sempre in perfetto ordine, evitandoci fastidiosi aggrovigliamenti.

Per quanto riguarda invece il sacco raccoglipolvere, notiamo che esso offre una capienza leggermente inferiore rispetto a quella della precedente lucidatrice: in questo caso, infatti, essa arriva a tre litri e mezzo, un valore che non è certamente da buttare, ma nemmeno particolarmente elevato.

Degno di nota, tuttavia, è il fatto che questa lucidatrice possieda un eccellente sistema di filtrazione a due livelli: del resto non potrebbe essere altrimenti se si considera che, oltre a funzionare come un’eccellente macchina lucida pavimenti, funge anche da perfetto aspirapolvere.

Il lavoro che svolge risulta pertanto doppio: comincia liberando il pavimento da tutta la polvere presente e prosegue con l’applicazione della cera, operazione eseguita in maniera impeccabile grazie alla presenza della testina a tripla azione.

Segnaliamo inoltre che, nonostante le sue innumerevoli qualità tecniche, la lucidatrice Hoover F presenta comunque un costo abbordabile: un motivo ulteriore per tenerla in considerazione in vista di un eventuale acquisto.

3. Lucidatrice per pavimenti Karcher

Offerta
Kärcher FP 303 - Lucidatrice,...
  • Impugnatura ergonomica
  • Testa lucidante piatta, per lucidare sotto mobili...
  • Interruttore a pedale per rimuovere il manico

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2020-03-20 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Con questo terzo modello entriamo ufficialmente in una fascia un po’ più alta (anche sotto l’aspetto del costo), presentando cioè una lucidatrice dalla struttura più piccola e compatta, progettata per semplificare al massimo il lavoro di lucidatura dei pavimenti.

Pesante poco più di sei chili e mezzo, questo modello mostra una struttura abbastanza standard, caratterizzata cioè dal solito bastone portante terminante nella testina aspirante ricoperta dalla coppa.

La prima differenza importante che notiamo, tuttavia, sta proprio nell’impugnatura del bastone: essa assume infatti le fattezze di una vera e propria maniglia, consentendo così un’impugnatura perfetta.

Scendendo troviamo poi il sacchetto raccoglipolvere da 4 litri, posto lungo la parte anteriore del bastone: il suo aspetto è piuttosto peculiare, in quanto ricorda molto da vicino la forma di una custodia, piuttosto che quella di un sacco vero e proprio.

Subito sotto è posta la testina aspirante che, in questo caso, è ricoperta da una coppa di un insolito colore giallo: ciò che colpisce maggiormente, tuttavia, è il suo presentarsi piccola e compatta, qualità che le consente d’infilarsi facilmente sotto i mobili, lucidando alla perfezione anche nelle zone più difficili.

Come ogni lucidatrice che si rispetti, inoltre, anche la nostra Karcher è progettata per ottenere i migliori risultati non solo sui pavimenti in marmo, ma anche su quelli di linoleum, sul parquet e sui laminati.

Grazie al suo peso leggero e al suo aspetto compatto, questa macchina per lucidare i pavimenti  riesce a garantire risultati davvero soddisfacenti, ripulendo completamente le superfici da qualsivoglia residuo lasciato dalla lucidatura: un extra per il quale bisogna ringraziare la sua funzione di aspirazione.

L’acquisto di questo prodotto è dunque consigliato a tutti coloro in cerca di un alleato che prometta non solo di svolgere un lavoro di pulizia ineccepibile ma, soprattutto, che consenta di ottenerlo minimizzando al massimo la fatica. Se questo è il vostro obiettivo principale, allora, avete appena trovato il modello che fa per voi.

4. Lucidatrice per pavimenti Hoover Polisher PU

Hoover Polisher PU F3860 011 Lucidatrice...
  • Interamente Made in Italy: lucidatrice con...
  • Potenza massima 600 W
  • 3 set di spazzole per: rimuovere la cera, passare...
  • Filtrazione a 2 livelli con sacco
  • Sacco riutilizzabile in cotone lavabile

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2020-03-19 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Con la recensione di questa quarta e ultima lucidatrice per pavimenti chiudiamo ufficialmente la classifica dei quattro migliori modelli offerti dal mercato e lo facciamo tonando nuovamente in casa Hoover, per presentare uno dei modelli più validi e consigliati del brand.

La Polisher PU si contraddistingue infatti per offrire tutti i principali vantaggi della lucidatrici facenti parte di questo marchio, godendo però di un costo particolarmente basso: il suo prezzo di vendita arriva infatti a sfiorare appena i 100 euro, il che le permette di classificarsi come il prodotto più economico della serie.

Questo suo vantaggio, tuttavia, non va certamente a penalizzarla sotto l’aspetto tecnico e strutturale. La sua struttura è infatti quella classica di tutte le lucidatrici Hoover, contraddistinta però da un simpatico colore blu puffo, che contribuisce sicuramente ad attirare l’attenzione.

Il pratico sacchetto raccoglipolvere offre una capienza di 3,5 litri e, come ogni lucidatrice Hoover che si rispetti, anche questa è provvista della funzione aspirapolvere. L’unico piccolo difetto che è giusto far presente riguarda la sua potenza, che è pari a 600 watt: un valore effettivamente un po’ basso, seppure non certo da buttare.

Grazie alla presenza della testina a tripla azione e del prezioso set di spazzole compreso all’interno della confezione, questa lucidatrice è in grado di svolgere un efficace lavoro di lucidatura su tutti i principali tipi di pavimenti duri, curandosi anche di liberarli dalla polvere in eccesso.

L’acquirente ideale di questo prodotto, pertanto, è una persona che sceglie consapevolmente di mettere in secondo piano la bassa potenza di cui dispone questa lucidatrice, concentrandosi piuttosto sulle sue restanti qualità, prezzo economico in primis.

Queste che abbiamo presentato rappresentano dunque le migliori lucidatrici per pavimenti in marmo attualmente in commercio.

Nel prossimo paragrafo ci concentreremo invece sulle caratteristiche generali che ci permettono di distinguere una lucidatrice top di gamma da una scarsa, fornendo al contempo qualche consiglio ulteriore in merito alla pulizia del marmo.

– Pavimenti in marmo: quale lucidatrice scegliere e le strategie da adottare

Nel paragrafo precedente abbiamo soddisfatto la curiosità di voi lettori, proponendovi le recensioni dei quattro prodotti top di gamma attualmente offerti dal mercato nel settore della lucidatura dei pavimenti in marmo.

In questo, invece, andremo a fare un piccolo riassunto delle caratteristiche generali che deve possedere una lucidatrice per potersi definire meritevole di un acquisto.

Alcune di esse possono naturalmente variare a seconda delle esigenze del consumatore, motivo per cui devono essere interpretate come semplici linee guida tenere a mente durante l’acquisto della lucidatrice.

Come scegliere la lucidatrice: le linee guida da tenere a mente in fase di acquisto

Di seguito proponiamo l’elenco delle tre linee guida principali che sarebbe bene tenere a mente al momento dell’acquisto. Il loro scopo è infatti quello di semplificarci la scelta del modello, consentendoci di riconoscere i migliori e di puntare su quelli.

Struttura e praticità

Una delle prime questioni cui occorre prestare attenzione è relativa alla struttura e alla praticità della lucidatrice. Si tratta di un aspetto che abbiamo evidenziato anche nel corso delle recensioni, fornendo dati relativi al peso del singolo prodotto e all’impugnatura del bastone.

Lucidare un pavimento di marmo, infatti, è un’operazione che richiede tempo ed energia: l’ideale sarebbe quindi quello di dotarci di uno strumento il più pratico e leggero possibile, capace di semplificarci al massimo il compito, minimizzando la fatica.

La lucidatrice ideale, infatti, dovrebbe risultare comoda da impugnare, facile da trasportare e leggera da manovrare. Dovrebbe inoltre presentare una testina aspirante in grado d’infilarsi ovunque, soprattutto sotto i mobili e nelle zone più difficilmente raggiungibili: tutto questo senza indurci a compiere movimenti strani o sconsiderati.

Oltre a questo, dovrebbe anche essere provvista di un comodo avvolgicavo, così da tenerlo sempre in perfetto ordine e non rischiare di ritrovarcelo tra i piedi nel momento sbagliato.

Prestazioni

Sapere con esattezza che tipo di prestazioni è in grado di fornire il modello di lucidatrice di nostro interesse è d’importanza fondamentale, al fine di compiere una scelta azzeccata e della quale non ci pentiremo.

Le quattro lucidatrici da noi proposte possiedono tutte le caratteristiche tipiche dei modelli facenti parte di una fascia medio – alta: parliamo cioè di prodotti ideati per una pulizia esclusivamente di tipo domestico, da svolgere però con la massima accuratezza.

Cosa rende questi modelli dei top di gamma? In primis la loro funzionalità: essi sono infatti in grado tanto di lucidare il pavimento quanto di liberarlo dai residui di polvere, funzionando anche come aspirapolvere.

Un’altra cosa a cui occorre prestare attenzione è ovviamente la potenza dell’elettrodomestico: una lucidatrice degna di questo nome dev’essere infatti in grado di lavorare a una potenza compresa tra i 600 e gli 800 watt.

Maggiore sarà questo valore e migliori saranno di conseguenza le sue prestazioni. Questo, naturalmente, non significa certo che dobbiamo puntare per forza al modello più potente trascurando tutte le altre caratteristiche: la lucidatrice ideale, infatti, è quella in grado di mediare perfettamente tra tutti questi parametri, sforzandosi di offrire il meglio sotto tutti gli aspetti.

Costo

L’ultima questione che è impossibile non tenere in considerazione è quella relativa al prezzo di vendita, un punto sempre un po’ dolente, ma anche estremamente soggettivo, poiché dipende dalle possibilità economiche del singolo acquirente.

La regola da tenere a mente è ovviamente sempre una, che vale pressoché per qualsiasi tipo di prodotto presente sul mercato: maggiore sarà il suo costo, migliore sarà la qualità. Le lucidatrici per i pavimenti di marmo non fanno purtroppo eccezione, sebbene sia altrettanto vero che spendere un patrimonio non sia affatto necessario.

I modelli da noi proposti presentano tutti un costo inferiore ai 200 euro, mentre uno si attesta addirittura sotto ai 100, seppure di pochissimo: essi sono dunque la testimonianza che è possibile dotarsi di una valida lucidatrice senza dover per questo richiedere un finanziamento.

Quello a cui occorre prestare attenzione, ovviamente, è di non lasciarsi tentare dai prodotti in super offerta, quelli che presentano dei costi bassissimi. Spesso e volentieri, infatti, il prezzo basso è uno specchietto per le allodole, dietro al quale si cela una sicura truffa.

Pulire il pavimento in marmo: le strategie da adottare insieme alla lucidatrice

Una volta esserci procurati la nostra efficientissima lucidatrice top di gamma, potremo finalmente usarla per lucidare i nostri amati pavimenti di marmo, rendendoli così brillanti e splendenti.

La macchina lucida pavimenti, tuttavia, non è in grado di fare miracoli e, se i pavimenti dovessero risultare particolarmente sporchi e macchiati, il suo utilizzo potrebbe anche non bastare.

Di seguito proponiamo quindi qualche piccola strategia da adottare insieme all’uso della lucidatrice, allo scopo di preparare la superficie da lucidare in maniera adeguata. Vediamole insieme.

  • La prima cosa da fare per smacchiare un pavimento opaco e prepararlo alla successiva lucidatura consiste nel sottoporlo a un lavaggio a base di acqua e altri ingredienti, che sono: due cucchiai di bicarbonato, mezzo bicchiere di sale e un tappo di sapone di Marsiglia.
  • Eseguito questo primo lavaggio, è consigliabile risciacquare il pavimento con l’aiuto di un po’ di acqua distillata e asciugarlo definitivamente con un panno di lana (magari un vecchio maglione che non si usa più).
  • Nel caso in cui i pavimenti non risultino eccessivamente rovinati, è invece sufficiente lavarli con della semplice acqua mescolata con un po’ di alcool e, dopo aver fatto asciugare il tutto, procedere con la lucidatura vera e propria.

Sfruttando questi semplici e veloci accorgimenti potenzieremo il lavoro della nostra lucidatrice, ottenendo in cambio dei pavimenti perfettamente igienizzati e brillanti, in grado di lasciare i nostri ospiti letteralmente a bocca aperta.

– Conclusione

Siamo ufficialmente giunti al termine di questa nostra guida dedicata alla presentazione delle migliori lucidatrici per i pavimenti in marmo, un materiale che richiede molte cure e attenzioni.

Come abbiamo avuto modo di scoprire, la scelta di una buona macchina lucida pavimenti si basa essenzialmente su alcuni parametri molto semplici, di cui è bene tenere conto all’atto dell’acquisto.

La lucidatura di una superficie marmorea passa innanzitutto dalla sua pulizia: questo è il motivo per cui le migliori lucidatrici sono provviste anche della funzione 2 in 1, che consente loro di funzionare come dei perfetti aspirapolvere.

Ciò, tuttavia, potrebbe non risultare sufficiente per i pavimenti particolarmente rovinati, motivo per cui abbiamo voluto suggerire anche qualche piccola strategia preventiva da sfruttare prima della lucidatura vera e propria.

A questo punto, possiamo quindi essere certi di aver spiegato tutto quello che c’era da sapere in merito alla pulizia dei pavimenti in marmo, augurandoci che abbiate l’opportunità di mettere in pratica i nostri preziosi consigli.

LEAVE A REPLY

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.