Chi ha detto che per separare due stanze bisogna per forza erigere un muro? Il nostro obiettivo è quello di dimostrarti che è possibile separare gli ambienti in tutt’altro modo, svelandoti 6 soluzioni creative per dividere gli spazi senza i muri.

Con l’avvento degli open space, del resto, il bisogno di vivere in ambienti aperti e luminosi si è fatto via via sempre più pressante, motivo per cui si è reso indispensabile studiare sistemi di separazione che non includessero i claustrofobici muri.

Tali sistemi, oltretutto, risultano ottimali anche per i piccoli appartamenti: quelli in cui lo spazio a disposizione è molto poco e, erigendo ulteriori muri, finirebbe per diventare ancora meno. Quindi, senza ulteriori indugi, ti consigliamo di proseguire con la lettura, scoprendo insieme a noi come realizzare la perfetta divisione degli spazi senza i muri.

Utilizzo di librerie e scaffalature aperte

Uno dei sistemi più creativi e ingegnosi per dividere gli spazi di casa prevede di servirsi del cosiddetto “arredamento multifunzionale”. Questa espressione si riferisce infatti a tutti quei mobili e complementi d’arredo che svolgono più di una funzione contemporaneamente, permettendoti così di “prendere due piccioni con una fava”.

Un esempio su tutti è quello dei mobili dotati di scaffali o, più semplicemente, dalle librerie. Questi arredi, contrariamente a quanto molti pensino, non si limitano a una mera funzione di stoccaggio, ma possono esser sfruttati anche come pratici e strategici divisori degli ambienti.

dividere spazi senza muri
xr:d:DAGCM11CXrk:25,j:4846297844881137908,t:24041214

Il consiglio, in questo caso, è quello di optare per librerie e/o scaffalature aperte, all’insegna di un design leggero e minimalista, perfetto per garantire luminosità e non soffocare lo spazio.

Un’idea particolarmente congeniale e specifica per questa soluzione, invece, potrebbe essere quella di sfruttarla per “isolare” una zona studio o dedicata allo smartworking. Così facendo, infatti, potresti contare su una parete divisoria e un prezioso porta – oggetti da lavoro compresi in un unico mobile.

6 soluzioni creative per dividere gli spazi senza i muri: le porte scorrevoli e i pannelli

Se prediligi una soluzione più classica, tra le idee per separare gli ambienti figurano anche le porte scorrevoli e/o i pannelli. Le prime possono essere realizzate in vari materiali, come vetro, legno o perfino tessuto, e sono perfette per dividere gli ambienti importanti della casa, come la cucina dal living o, più semplicemente, la zona giorno dalla zona notte.

Le porte scorrevoli in vetro garantiscono il passaggio della luce e creano una sensazione di apertura pur mantenendo la separazione degli spazi. Di contro, quelle realizzate in legno o in altri materiali opachi offrono una privacy maggiore e sono perfette per separare, per esempio, la camera da letto dal bagno.

dividere spazi senza muri con porta scorrevole
xr:d:DAGCM11CXrk:25,j:4846297844881137908,t:24041214

Per quanto riguarda invece i pannelli, è possibile distinguerne due tipologie:

  • pannelli scorrevoli o a soffietto;
  • pannelli fissi.

I primi possono essere utilizzati per dividere grandi spazi o per creare nuove stanze temporanee. Sono facilmente rimovibili e riposizionabili, il che li rende una soluzione versatile in grado di adattarsi a diverse necessità.

Alcuni pannelli possono invece essere fissi, come quelli in legno intagliato o in materiali compositi, e vengono quindi utilizzati per creare una divisione decorativa e semi -permanente.

Impiego di tende e stoffe decorative

Un’idea particolarmente originale per dividere gli spazi senza i muri prevede di separare gli ambienti con le tende o, in alternativa, con stoffe decorative da sfruttare come veri e propri divisori. A tal proposito, è possibile mettere in atto una serie di soluzioni creative, che includono:

  • tende dal soffitto al pavimento: queste tende possono essere sospese da binari o anelli installati sul soffitto. Riescono a scorrere facilmente, permettendoti di aprire o chiudere gli spazi secondo necessità;
  • tessuti traslucidi o opachi: i tessuti traslucidi, come il voile o l’organza, lasciano passare la luce e creano una separazione leggera e ariosa, mentre i tessuti più spessi e opachi, come il velluto o il broccato, offrono una privacy maggiore e un migliore isolamento acustico;
  • pannelli divisori in tessuto: al posto delle tradizionali tende, puoi usare pannelli in tessuto che si appendono a una cornice leggera e rimovibile. Questi possono essere utilizzati per creare “pareti” temporanee flessibili, e sono l’ideale se punti a realizzare un design d’interni flessibile;
  • doppio strato di tende: per una maggiore funzionalità, puoi utilizzare un doppio strato di tende, con uno strato traslucido e uno opaco. Ciò permette di controllare meglio il passaggio della luce e i livelli di privacy, offrendo la possibilità di cambiare l’aspetto e la funzionalità dello spazio durante il giorno.
dividere spazi senza muri con tende
xr:d:DAGCM11CXrk:25,j:4846297844881137908,t:24041214

Va da sé naturalmente che, per garantire una resa estetica adeguata, è necessario tenere conto del fatto che le tende rappresentano anche un forte elemento decorativo. Il consiglio è quindi quello di scegliere toni e motivi che si intonino con l’arredamento preesistente o che aggiungano un accento di colore.

Dividere gli spazi senza i muri, ma con piante e separatori verdi

Se possiedi il pollice verde e ti piace l’idea di una casa all’insegna della bellezza della natura, puoi dividere gli spazi sfruttando il potere decorativo delle piante. Anche in questo caso puoi rifarti a diverse idee, che dipendono molto dalla resa finale che intendi creare.

Una soluzione molto “banale”, ma comunque a effetto, prevede di sistemare dei semplici vasi tra un ambiente e l’altro, sfruttandoli appunto come divisori naturali. Il problema, tuttavia, è che potresti trovarli poco pratici, in quanto finirebbero con il limitarti parzialmente il passaggio.

L’ideale, pertanto, sarebbe quello di unire questa idea con quella delle scaffalature, sfruttando i vani e le mensoline del mobile divisore per ospitare vasi di piantine, da sistemare in maniera creativa.

In alternativa, puoi realizzare anche un vero e proprio “pannello verde”, ossia una parete composta da piante coltivate verticalmente su una struttura appositamente progettata, e in grado di fungere da divisorio in ambienti come balconi, terrazze, o all’interno di grandi stanze.

dividere spazi con piante
xr:d:DAGCM11CXrk:25,j:4846297844881137908,t:24041214

Per una resa meno impegnativa, infine, puoi utilizzare le piante rampicanti, appendendole sul soffitto e sfruttando i loro lunghi steli come una vera e propria “tenda divisoria”.

Utilizzo di mobili divisori bifacciali

I mobili divisori bifacciali sono elementi di arredo progettati per essere sfruttati da entrambi i lati, offrendo quindi doppia funzionalità e doppia estetica. Questi mobili risultano quindi particolarmente utili negli ambienti in cui si desidera dividere gli spazi senza i muri. Vediamo insieme alcune delle loro caratteristiche:

  • funzionalità “dual – side”: diversamente dai mobili tradizionali, i mobili divisori bifacciali non possiedono una parte posteriore e sono progettati per risultare accessibili e attraenti da entrambi i lati. Questo permette loro di essere posizionati al centro di una stanza, fungendo da punto di divisione;
  • versatilità: questi mobili offrono grande versatilità in termini di design interno. Possono essere utilizzati per dividere gli spazi in grandi stanze, come salotti, cucine aperte, o uffici. Permettono infatti di creare zone distinte mantenendo un senso di apertura e flusso nello spazio;
  • materiali e stili: i mobili bifacciali possono essere realizzati in una gran varietà di materiali, inclusi legno, metallo, vetro, o combinazioni di questi. Lo stile può variare da moderno a tradizionale, con finiture che si adattano all’arredamento preesistente.
dividere spazi con mobili bifacciali
xr:d:DAGCM11CXrk:25,j:4846297844881137908,t:24041214

I mobili divisori bifacciali rappresentano quindi una scelta eccellente per chi cerca soluzioni flessibili ed esteticamente piacevoli per gestire e definire gli spazi interni, senza compromettere la funzionalità e lo stile.

Dividere gli spazi con l’uso creativo del colore

Se punti a dividere gli spazi di casa con una soluzione il più possibile aperta e minimalista, puoi puntare sui colori e le texture. Il vantaggio di questo sistema è infatti quello di non necessitare di alcun mobile o scaffalatura aggiuntiva, in quanto si basa sul semplice uso strategico delle varie tonalità di colore, nonché sull’adozione di texture differenti.

A tal proposito, un tappeto morbido e spesso può delimitare l’area salotto, mentre pavimenti in legno o piastrelle possono definire la zona cucina o la sala da pranzo. Anche tessuti come tende, cuscini e copridivani possono contribuire a definire ulteriormente le diverse zone.

Ma la vera abilità consiste nel saper sfruttare efficacemente i colori. Dipingendo le pareti di spazi adiacenti con colori contrastanti o ad effetto, può contribuire ad aggiungere interesse visivo, ampliare visivamente lo spazio e creare dei veri e propri “blocchi” separati senza la necessità di alcun tipo di muro.

dividere spazi con i colori
xr:d:DAGCM11CXrk:25,j:4846297844881137908,t:24041214

Del resto, suddividere gli spazi con colori e texture non solo migliora l’estetica della casa, ma può anche influenzare il modo in cui le diverse aree vengono percepite e utilizzate, migliorando la funzionalità complessiva degli ambienti.

Conclusione

Quelle che ti abbiamo presentato sono 6 soluzioni creative per dividere gli spazi senza i muri. Come hai potuto constatare tu stesso, hanno tutte il vantaggio di essere piuttosto semplici e di non necessitare di alcuna opera di ristrutturazione. A te il compito di stabilire, in totale libertà, quale di esse si adatta meglio alla tua casa!

Eliana Tagliabue