Tra tutti i problemi casalinghi che possono capitare, il wc intasato si colloca sicuramente tra quelli più insopportabili e fastidiosi. Il water, per quanto non rientri tra i nostri oggetti d’arredo preferiti, di fatto è fondamentale ed è pertanto necessario che il suo funzionamento sia sempre impeccabile.

Sfortunatamente, talvolta può capitare che s’intasi, mettendoci in una situazione nient’affatto augurabile e che urge essere risolta nella maniera più rapida e indolore possibile.

Questa guida, dunque, nasce con lo scopo di svelare quelli che sono i migliori rimedi al water intasato: quelli fai da te, per i quali non è necessario andare a disturbare l’idraulico (con relativa spesa!), ma possiamo tranquillamente cavarcela da soli.

Se ritenete che l’argomento possa essere di vostro interesse, dunque, non vi resta che proseguire con la lettura. 

– Sturare wc: come farlo senza l’aiuto dell’idraulico

Come abbiamo anticipato nel corso dell’introduzione, il gabinetto intasato rappresenta uno dei problemi più temuti e fastidiosi che si possano presentare nell’intimità della nostra casa.

Diciamoci la verità: nessuno di noi ha voglia di avere a che fare con questo oggetto più del necessario, men che meno se si tratta di compiere un’operazione a tratti disgustosa come quella di sturarlo.

Eppure, nel momento in cui ci ritroviamo ad avere a che fare con un water ostruito, non possiamo purtroppo tirarci indietro e ci tocca anzi darci da fare per risolvere il problema.

Di seguito andremo quindi a proporre una serie di rimedi “fai da te” che potrebbero risultare molto utili in caso di bisogno, posto naturalmente che tutto dipende anche dal motivo dell’ostruzione.

Un wc intasato da oggetti, per esempio, non può certo essere paragonato a un water intasato dal calcare: si tratta infatti di problemi diversi che, in quanto tali, necessitano di soluzioni differenti. Vediamo quindi come intervenire in casi come questi e in altri ancora, andando a proporre una serie di rimedi divisi per “genere”.

Rimedi naturali

A questa prima categoria che andiamo ad analizzare, appartengono tutti quei rimedi che, oltre a non necessitare dell’intervento dell’idraulico, basano la propria efficacia sull’utilizzo d’ingredienti tipicamente casalinghi, che tutti noi teniamo in casa.

Si tratta, pertanto, di rimedi molto semplici ed economici che, contrariamente a quanto si possa pensare, spesso e volentieri si sono rivelati decisamente efficaci.

Vediamo insieme quali sono:

  • Attendere: questo primo rimedio potrebbe sembrare una presa in giro e invece non lo è. Alle volte attendere e non fare niente, lasciando che il problema si risolva da solo, può essere il rimedio più efficace e ciò vale anche nel caso del water otturato.

    Se la causa dell’ingorgo è infatti dovuta alla carta igienica in eccesso (uno dei problemi più comuni) e, azionando lo scarico, ci accorgiamo che il wc non riesce a smaltirla, possiamo infatti provare ad attendere alcune ore, meglio ancora l’intera notte.

    Potrebbe infatti accadere che l’acqua, unitamente all’azione della forza di gravità, liberi l’ingorgo in autonomia, senza che a noi tocchi fare nulla. Va da sé, naturalmente, che questo rimedio vale solo in questo caso ed è sfruttabile soltanto se si ha la possibilità di utilizzare un’altra toilette nel tempo dell’attesa.

  • Acqua calda: l’acqua calda può rivelarsi un’ottima alleata quando si tratta di liberare uno scarico ostruito. Prima di farne uso, tuttavia, sarà necessario liberare il wc dall’acqua in eccesso che si è formata in superficie e che non riesce per l’appunto a essere smaltita.

    La si può raccogliere anche con un semplice contenitore di plastica e, una volta eseguita l’operazione, si potrà versare nello scarico un secchio di acqua bollente (o anche due, se occorre): la temperatura elevata, infatti, dovrebbe sbloccare l’ingorgo, soprattutto se facilitiamo il tutto aiutandoci con lo spazzolone.

  • Bicarbonato e sale grosso: se sospettiamo che lo scarico sia pesantemente intasato, la sola acqua calda potrebbe non essere sufficiente a stappare il water.

    Per questo motivo, una buona idea potrebbe essere quella di aggiungervi una tazza di bicarbonato e una di sale grosso: questa combinazione, infatti, è un vero e proprio abrasivo naturale, dall’effetto molto più efficace rispetto alla semplice acqua bollente.

  • Bicarbonato e aceto: un altro rimedio naturale estremamente efficace consiste nel mischiare l’aceto bianco con il bicarbonato di sodio, in quanto questi due ingredienti insieme creano una reazione chimica davvero molto forte.

    Anche in questo caso è bene innanzitutto liberare lo scarico dall’acqua in eccesso, dopodiché si procederà con il versare un bicchiere di bicarbonato e due tazze di aceto. Fatto questo potremo terminare l’opera con il nostro pentolone di acqua bollente, il cui aiuto è sempre gradito. Se non funziona, si può ripetere l’operazione più volte, aiutandoci con lo spazzolone.

  • Coca cola: avreste mai pensato che la coca cola, una delle bevande più bevute e amate del mondo, costituisce anche un ottimo rimedio contro lo scarico del water intasato? Forse non è il caso di soffermarsi troppo a pensarci, rendendoci così conto che di fatto beviamo un liquido “sturascarichi”, ma tant’è. Diciamo piuttosto che si tratta di una bevanda talmente buona e versatile da riuscire a fare anche questo.

    Per poterla sfruttare in tal senso, dobbiamo però mischiarla con altri ingredienti, vale a dire gli ormai noti sale grosso e bicarbonato, entrambi nella quantità di 250 grammi.

    Quanto alla nostra amata coca cola, di essa ne basteranno due tazze. Il “beverone” andrà preparato all’interno di una bottiglia di plastica, avendo cura di aggiungere la coca come ultimo ingrediente, per poi agitare bene il tutto. Quando il composto apparirà omogeneo, potremo versarlo nel wc e attendere qualche ora: i risultati saranno sorprendenti.

Quelli sin qui elencati, dunque, sono i rimedi naturali: quelli meno inquinanti e di facile, nonché immediata, realizzazione. E se non dovessero bastare? In quel caso possiamo provare con i cosiddetti “rimedi meccanici“.

Rimedi meccanici

Questi rimedi vengono definiti “meccanici” per il fatto di servirsi di attrezzi di uso piuttosto comune, che molti di noi possiedono già nella propria casa e, se così non fosse, sono comunque molto facili ed economici da procurare.

Vediamo quali sono:

  • Sturalavandino: come si evince dal suo stesso nome, si tratta dello strumento utilizzato per liberare lo scarico del lavandino. Perché, dunque, non sfruttarlo anche per quello del water? Il procedimento è di fatto lo stesso ed è consigliabile soprattutto nel caso di un ingorgo localizzato in profondità: sarà sufficiente spingere la ventosa fino in fondo al wc ed esercitare un po’ di pressione.

    Fatto questo, dovremo verificare che l’acqua accumulatasi inizi a scendere verso il basso e, se così dovesse essere, sarà sufficiente tirare lo sciacquone e terminare così l’operazione.

  • Straccio: si tratta di un metodo piuttosto rudimentale, ma che potrebbe risultare utile nel caso di un’urgenza o dell’impossibilità di procurarsi lo sturalavandini. Muniti di guanti protettivi, possiamo infatti introdurre gli strofinacci nel wc, facendoli aderire alla parete e coprendo completamente il buco.

    Nel momento in cui l’acqua sarà al giusto livello, dovremo cercare di esercitare pressione finché lo scarico non sarà completamente liberato.

  • Gruccia per gli abiti: incredibile ma vero, anche una gruccia per gli abiti potrebbe risultare molto utile nel liberare uno scarico ostruito.

    Come?

    Molto semplicemente, modellandola fino a trasformarla in un gancio uncinato (è più facile di quel che sembra), inserirlo nel wc e sfruttare la parte appuntita per “rompere” l’ingorgo. Una volta che esso si sarà disciolto, potremo farlo defluire azionando lo scarico.

Se il problema non dovesse risolversi nemmeno utilizzando questi rimedi, allora non resta altro da fare che ricorrere a dei prodotti chimici per sturare il wc. Si tratta di un metodo che, per quanto efficace, tenderà ad agire su tutto il water, andando così a intaccarne la ceramica, rischiando di rovinarla.

Un’idea da utilizzare in extremis, prima di usare uno di questi prodotti, potrebbe essere quella di tentare con lo shampoo o, in alternativa, con il detersivo: parliamo, anche in questi casi, di prodotti chimici, il cui indice di “tossicità” è però più basso rispetto a quello dei prodotti più specifici.

Si può quindi tentare di versarne un bicchiere all’interno del water e lasciare che il solvente agisca per una mezz’ora. Con un pizzico di fortuna, potrebbe rivelarsi una soluzione vincente.

– Come mantenere lo scarico pulito: cosa NON gettare nel water

Nel paragrafo precedente abbiamo visto come intervenire in caso di scarico del water otturato. In questo, invece, ci concentreremo su ciò che bisogna fare per evitare d’incorrere in questa situazione e in un’altra ancora peggiore.

Quello che molte persone tendono a dimenticarsi, infatti, è che tutto ciò che gettiamo nel water non viene smaterializzato, bensì si limita a finire da un’altra parte, vale a dire nel sistema di fognatura.

Dalle fogne al mare è un attimo e questo ciò che dobbiamo evitare in tutti i modi, più che il semplice scarico intasato. Va da sé, naturalmente, che gli oggetti di cui fra poco parleremo possono anche provocare ostruzioni, motivo per cui non bisogna assolutamente gettarli all’interno del wc: sia per amore dell’ambiente, che del wc stesso.

I quattro oggetti che non bisogna gettare nel wc

Di seguito, la lista dei quattro oggetti che bisogna assolutamente evitare di gettare nel wc, in quanto responsabili sia di potenziali ostruzioni dello scarico che d’inquinare l’ambiente.

1. Salviettine umidificate

Le salviettine umidificate non sono tutte biodegradabili. Quelle che non lo sono (vale a dire la maggior parte), se gettate nel wc possono creare serie otturazioni a livello dello scarico, soprattutto se l’azione viene ripetuta più e più volte.

Se siamo così “fortunati” da non incorrere in questo tipo di problema o riusciamo comunque a farcele passare, esse finiranno nelle fogne, con tutto ciò che ne consegue.

2. Cotton fioc e dischetti struccanti

Anche questi oggetti di uso comune possono rivelarsi potenzialmente pericolosi se gettati nel water. Non essendo biodegradabili, infatti, una volta che sono nel wc si trasformano in una massa informe e molliccia, perfetta per creare ostruzioni allo scarico. E per inquinare l’ambiente.

3. Preservativi

Tra gli oggetti peggiori da gettare nel water, i preservativi non si sciolgono nell’acqua e finiscono così per procurare seri danni sia allo scarico del nostro wc che all’ambiente in cui vengono inevitabilmente rilasciati.

4. Assorbenti

Gli assorbenti femminili, sia quelli esterni che quelli interni, sono composti da un insieme di plastica e cotone: un assemblaggio che può rivelarsi particolarmente letale sia per la salute del nostro wc che per quella dell’ambiente.

Una volta a contatto con l’acqua, infatti, essi finiscono inevitabilmente per assorbirla, aumentando così il proprio volume e trasformandosi in perfetti “tappi” che rimuovere non è affatto semplice. Gettarli nel water, dunque, è un gesto assolutamente da evitare.

– Conclusione

Siamo giunti alla fine di questa nostra guida dedicata a uno dei problemi casalinghi maggiormente fastidiosi, vale a dire l’ostruzione dello scarico del water.

Come abbiamo visto, fortunatamente, esistono molti semplici rimedi che possono aiutarci a risolvere il problema, alcuni dei quali basati sull’utilizzo d’ingredienti sani e naturali.

Quello che conta, in questi casi, è fare della buona prevenzione, agendo spinti dal buon senso e non dalla pigrizia di volersi liberare in fretta di un oggetto particolarmente scomodo: basta davvero molto poco, infatti, per evitare da un lato d’incorrere in fastidiosi ingorghi e, dall’altro, d’inquinare l’ambiente.

Luca Padoin

Trevigiano DOC, falegname di professione, padre di 2 splendidi bambini e da sempre appassionato di fai da te. Trucchi, segreti, scorciatoie, suggerimenti, questo è quello che voglio condividere con chi mi leggerà qui su Casina Mia.

LEAVE A REPLY

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.