Un termostato è un dispositivo per il controllo della temperatura. Grazie al suo funzionamento si può raggiungere il totale comfort in casa che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, è fissato a 21 gradi.

La possibilità di regolare la giusta temperatura non solo permette un risparmio sui consumi, quindi sulla bolletta, ma anche di pensare di più all’ambiente. Gli sprechi di energia, si sa, non fanno altro che creare danni al nostro pianeta.

In questo articolo vediamo come funzionano i termostati ambiente e perché è importante utilizzarli se vogliamo puntare al risparmio ed essere ecofriendly.

– Come funziona un termostato?

Prima di capirne il funzionamento è necessario sapere che esistono numerose tipologie di termostati. Il loro obiettivo è a grandi linee lo stesso, cioè quello di controllare la temperatura negli ambienti domestici, ma ognuno ha proprie funzioni e caratteristiche.

Ecco i vari tipi di dispositivi:

  • Termostato analogico. Il classico, quello caratterizzato dalla rotella per impostare la temperatura, manualmente. Si possono impostare i gradi quotidianamente o settimanalmente. Sono ancora usati, ma stanno scomparendo sempre più rapidamente.
  • Termostato digitale. Permette di regolare la temperatura con un margine di errore bassissimo, pari quasi a zero. Utile il display luminoso in cui si evidenzia non solo la temperatura presente in casa, ma anche quella che si desidera impostare.
  • Termostato wireless. Si tratta dei modelli più moderni che permettono di regolare la temperatura anche da remoto grazie alla app sullo smartphone. Questo funzionamento garantisce un risparmio del 20% rispetto agli altri tradizionali termostati. La funzione wireless è comoda e permette anche di risparmiare tempo.
  • Termostato a batteria. Non prevede l’utilizzo del cavo dell’alimentatore perché necessita delle batterie per essere alimentato.
  • Termostato da incasso. È il modello che può essere incassato al muro ed essere nascosto se si desidera.

 

– Non solo il termostato per risparmiare

Se si desidera tagliare i costi in bolletta e avere un’attenzione in più verso il pianeta optare per il termostato è molto importante, ma è necessario anche mettere in pratica dei comportamenti utili.

Ecco quali sono:

  • Fare manutenzione. Si può considerare la prima regola per il risparmio e l’ecosostenibilità. È noto, infatti, che un impianto regolato nel modo giusto consumi e inquini meno.
  • Migliorare l’isolamento termico dell’abitazione. Questo è possibile farlo adottando delle soluzioni strutturali, come il cappotto termico o soluzioni meno importanti come applicare dei pannelli isolanti dietro i termosifoni.
  • Non lasciare le finestre aperte. Quando il riscaldamento è in funzione l’ambiente deve necessariamente avere le finestre chiuse in modo che non ci sia dispersione di calore.
  • Non porre ostacoli sopra i termosifoni. Abitudine di molti è quella di mettere la biancheria a stendere davanti ai termosifoni, ma non c’è niente di più sbagliato perché questo ostacola la diffusione del calore. Anche le tende sono da evitare.
  • Spegnere i termosifoni durante la notte. Mentre si dorme non si necessita di calore oltre quello che già ci garantiscono le coperte, motivo per cui i termosifoni possono restare spenti.

Abbiamo visto che unire risparmio e soluzioni green è possibile, basta soltanto tenere presenti alcuni accorgimenti indispensabili per raggiungere l’obiettivo.

Serena - La Pimpa