Con la bella stagione che si sta avvicinando, la propensione innata del fai da te delle persone tende ad emergere. Vuoi per dimostrare in famiglia il proprio talento o per far vedere al vicino di casa le proprie abilità, l’uomo ha il desiderio di primeggiare in questo settore.

I prossimi mesi sono quelli durante i quali la gente è più orientata a dedicare del tempo alla manutenzione della propria abitazione, trovando spazio per operare in giardino oppure per compiere qualche modifica all’interno delle abitazioni.

5
Makita DGA504Y1J cordless
4.3
Bosch PWS 1000-125
4
Bosch Professional GWS 22-230 JH

Sia che si operi in ambito professionale, che nel più ristretto mondo del fai da te, una buona smerigliatrice angolare può essere un buon acquisto in previsione di lavori da svolgere e per dimostrare le proprie abilità nel fai da te.

– Smerigliatrice angolare: a cosa serve

Spesso, quando ci si reca in un punto vendita di bricolage, l’occhio di grandi e piccini è attratto da diversi oggetti, ma uno che più di altri è in grado di catalizzare l’attenzione è la smerigliatrice angolare, chiamata anche flessibile.

Posta sullo scaffale in bella mostra, sarà la forma peculiare che la caratterizza, il colore solitamente brillante, l’impugnatura che pare quella di una moto oppure quel disco che invita ad essere toccato con l’indice della mano per coglierne la consistenza e la sua superficie rugosa, l’attrezzo riscuote sempre successo e rientra idealmente nella lista dei desideri di ciascun uomo.

La genesi del nome deriva dallo smeriglio: se per gli amanti della pesca magari è solamente un pesce, per i “fanatici” del bricolage è un materiale abrasivo. Si può definire l’attrezzo come un utensile versatile e molto utile per tutti coloro i quali apprezzano l’arte del fai da te applicato in ambiente domestico, ma anche per chi svolge determinate opere in maniera professionale.

Grazie alla smerigliatrice angolare è possibile tagliare, lucidare, smerigliare, affilare, levigare, molare, smussare, eliminare bave. Uno strumento tutto fare che consente di semplificare molto i lavori. Con questo strumento è possibile tagliare ferro, acciaio e altri metalli, interi blocchi di pietra, lavorare per sagomare e rifinire piastrelle o blocchi di marmo, cemento, calcestruzzo, legno.

Un disco abrasivo viene montato in un’apposita sede dotata di una protezione, mentre la parte più pesante dell’attrezzo è composta dal motore (con funzionamento elettrico oppure a batteria) e da una solida impugnatura solitamente regolabile e perpendicolare all’attrezzo, per utilizzare entrambe le mani. Un tasto di accensione permette al motore di azionarsi e di far ruotare ad altissime velocità il disco, realizzato in materiale abrasivo.

L’impiego della smerigliatrice angolare può essere indicato per molti materiali, ma quello che cambia è il disco, il quale, una volta scelto il flessibile, diviene la componente più tecnica da decidere. Una caratteristica importante dello strumento è la dimensione: smerigliatrice angolare 115 o 125 oppure 230 sono indicazioni che possono far variare la tipologia di elettroutensile acquistato. Il numero è l’indicazione del diametro (espresso in millimetri) del disco da installare.

– Come scegliere la migliore smerigliatrice angolare

Sono diverse le variabili che dovrebbero orientare la scelta di una smerigliatrice angolare.
Come accade per qualsiasi acquisto (anche per una lavatrice o per una macchina del caffè), le esigenze d’uso e le possibilità economiche rappresentano già una prima discriminante.
Poi bisogna considerare le dimensioni, la potenza, la velocità massima di rotazione, il comfort di utilizzo e la sicurezza.

– Uso domestico o professionale

Si registra una differenza abissale tra le due tipologie di strumenti. Se viene impiegata una smerigliatrice piccola prodotta per il fai da te sottoponendola all’intensità richiesta da un uso professionale, questa avrà vita breve. Per un migliore acquisto, in fase di scelta, è bene avere ben chiaro l’uso necessario.

– Potenza

Di solito la potenza va di pari passo con la finalità d’uso della smerigliatrice angolare. Più il valore espresso in Watt è alto e più l’attrezzo è pensato per un mercato che si avvicina sempre più a quello professionale.

Il funzionamento è elettrico o a batteria e la potenza mediamente può variare da 400 a 2500 Watt.

Ovviamente un prodotto con potenza minima è destinato ad un impiego occasionale e per lavorazioni minime di normale amministrazione, mentre salendo di wattaggio si possono richiedere all’utensile prestazioni più impegnative. Un buon consiglio è di affidare i lavori domestici ad una potenza di almeno 800-1.100 Watt.

Un ottimo compromesso, tra una smerigliatrice angolare che possa soddisfare le normali esigenze ma che non soffra lavorazioni più gravose, è rappresentato da un motore da 1.800-2.000 Watt, ma siamo già nel campo di uno strumento semi-professionale. Mentre con oltre 2.000 Watt si trova un flessibile da taglio professionale, adatto anche a sopportare gli sforzi per operare con materiali ostici da lavorare.

– Funzionamento:

A batteria o a filo? Tecnicamente è meglio la seconda ipotesi perché non si hanno vincoli di funzionamento e soprattutto ne sono dotate smerigliatrici angolari in grado di garantire solitamente una potenza maggiore. Per un impiego occasionale e poco impegnativo, oppure lontano da prese di corrente (ad esempio una lavorazione in un angolo distante di un giardino o di un cortile), l’alimentazione a batteria ricaricabile è l’ideale.

– Diametro del disco da lavoro:

Il disco è realizzato con materiali diversi e con dimensioni differenti. I diametri standard sono 115, 125 e 230 mm. Se i primi due sono destinati ad un mercato consumer, quello più grande soddisfa il settore professionale.

– Velocità di rotazione:

Vige il principio generale che più giri al minuto l’utensile è in grado di sostenere, più la lavorazione è efficace e precisa. Detto questo non è automatico che si debba scegliere sempre la smerigliatrice che abbia la velocità più elevata, soprattutto se non si ha dimestichezza con l’arnese.

Esistono anche modelli che hanno una doppia velocità. Se si è alla ricerca di una smerigliatrice legno (nel senso che verrà utilizzata prevalentemente per questo materiale), la velocità di rotazione non dovrà essere eccessiva, al contrario invece per un prodotto acquistato per lavorare nella maggior parte dei casi altri componenti.

L’indicazione è riportata sulla confezione, con un numero espresso in rpm (giri al minuto) calcolato a vuoto, senza che il disco rotativo sia a contatto con la superficie di lavoro. È una metodologia universale per poter confrontare più modelli. Indicativamente un buon valore di riferimento è compreso tra gli 8.500 e i 10.000 giri/minuto, ma ve ne sono anche che vanno oltre questo valore.

– Dimensioni e peso: la dimensione di una smerigliatrice angolare è direttamente proporzionale al diametro del disco e al suo motore. Più questo è potente, più la sua dimensione è grande e più l’attrezzo diventa ingombrante e pesante. Risulta inutile dare in mano un flessibile eccessivo a chi non ha ancora la pratica necessaria per gestire la lavorazione. Con una piccola smerigliatrice ci si affatica di meno e si ha maggior facilità di controllo. Il contrario avviene con una più grande e impegnativa.

– Comfort:

Il comfort di una smerigliatrice angolare è dato prevalentemente dall’impugnatura, oltre che da dimensioni e peso. Durante la lavorazione è fondamentale saper gestire l’elettro-utensile e per farlo al meglio deve essere impugnato nel miglior modo possibile con entrambe le mani: una sostiene il mezzo e l’altra guida e offre stabilità.

Solitamente l’attrezzo richiede un utilizzo continuativo, soprattutto in ambito professionale.

Questa condizione suggerisce la scelta di un modello che possa garantire una presa confortevole e possibilmente antiscivolo. Solitamente l’impugnatura viene realizzata in plastica dura, ma vi sono modelli che presentano un inserto di materiale più morbido che garantisce più grip e maggior assorbimento del sudore, creando un feeling migliore.

Meglio ancora se fosse un materiale isolante. Una cosa importante è verificare che l’impugnatura sia smontabile, regolabile nella sua inclinazione e applicabile anche dalla parte opposta, nel caso in cui la debba maneggiare una persona mancina che ha nell’arto sinistro la sua mano dominante.

– Sicurezza:

La smerigliatrice è quel classico utensile che “spara le scintille“, come spesso si vede con occhi curiosi. La sicurezza è determinante non tanto per queste minuscole particelle incandescenti, ma soprattutto per il resto. All’altezza del disco vi è una protezione solitamente metallica che evita che questo, in caso di anomalia, venga direzionato verso l’operatore.

La stessa paratia impedisce a scintille e schegge di colpire gli abiti e le parti scoperte dell’utilizzatore e molti motori sono provvisti di arresto automatico in caso di surriscaldamento.

È importante conoscere il tipo di materiale con cui viene realizzata la cover: la plastica impiegata deve essere dotata di particolari caratteristiche tecniche e antifiamma (solitamente PA rinforzato Fibra Vetro con proprietà V0).

In generale per avere una smerigliatrice angolare provvista di buona sicurezza bisogna verificare che sia corredata di un carter protettivo (meglio se metallico), una protezione contro il riavvio accidentale, un sistema di bloccaggio albero motore e avvio graduale. Per quanto riguarda il resto (cuffie, occhiali protettivi, guanti e abbigliamento adeguato) deve essere compito dell’utilizzatore procurarseli.

– Prezzo:

Prima di scegliere la smerigliatrice angolare è importante stabilire anche un limite di spesa. Il prezzo di prodotti professionali è decisamente superiore a quello di attrezzi consumer. Negli ultimi anni il costo è sceso rispetto a qualche tempo fa e con circa 90 euro euro già è possibile trovare sul mercato un ottimo prodotto da destinare ad un impiego hobbystico.

In generale è possibile affermare che bastano 50-70 euro per avere in mano un buon prodotto di fascia media, più che sufficiente per un utilizzo saltuario e occasionale. Il prezzo sale se l’orientamento verte verso smerigliatici angolari a batteria. Una buona smerigliatrice grande destinata a impieghi professionali, può costare mediamente 130-150 euro, al netto di offerte speciali.

– I 5 MIGLIORI MODELLI DI SMERIGLIATRICE ANGOLARE

Il mercato offre moltissime scelte in tema di smerigliatrici angolari. Marchi diversi, tipologie differenti, modelli tra loro simili come sigle e nomi. Di seguito consiglieremo 5 tra i migliori prodotti del settore per un utilizzo prevalentemente hobbystico indicato per gli amanti del fai da te, sviscerando gli aspetti positivi e quelli negativi che emergono anche dalle recensioni dei clienti che hanno acquistato e lavorato con gli strumenti analizzati.

1. Bosch PWS 1000-125

Offerta
Bosch PWS 1000-125 CE Smerigliatrice...
40 Reviews
Bosch PWS 1000-125 CE Smerigliatrice...
  • Smerigliatrice angolare da 1000 Watt
  • Diametro disco 125 mm, 2800-11000 giri/minuto,...
  • Bloccaggio dell'alberino, copertura di protezione,...
  • Dust Protection System (guarnizione di protezione...
  • In dotazione: impugnatura Antivibration, cuffia di...

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2020-03-19 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Il modello si presenta completo nella sua pratica valigetta. La smerigliatrice Bosch 1000-125 alimentata a corrente riesce a soddisfare molte necessità di lavorazione, rispondendo con grande versatilità alle richieste degli operatori. Il prodotto è destinato ad un mercato domestico, ma grazie ai suoi 1.000 Watt di potenza è possibile avere grandi soddisfazioni sia nella realizzazione di piccoli lavori in casa che anche per un utilizzo più continuativo.

Le caratteristiche e la struttura robusta con cui è costruita la smerigliatrice, consentono di lavorare anche a progetti di media estensione, come la levigatura di superfici più ampie oppure il taglio di lastre metalliche anche di spessore elevato. La PWS 1000-125 appartiene alla gamma Compact Expert di Bosch e favorisce operazioni come il taglio, la sgrossatura, l’eliminazione della ruggine ed è impiegabile anche come levigatrice angolare, sapendo dare una buona resa in totale sicurezza e comfort.

I colori verde e nero sono poco sporchevoli e l’attrezzo appare ben costruito anche dal punto di vista estetico, con una forma snella e un design semplice e compatto. Questa colorazione è tipica della linea di Bosch dedicata all’hobbystica. Il prodotto, dotato del sistema DPS (Dust Protection System) che protegge le parti elettriche e meccaniche dalla polvere, riesce a durare a lungo nel tempo, preservando i movimenti e minimizzando le vibrazioni: infatti il cuscinetto a sfere è protetto da una speciale guarnizione.

Le dimensioni appaiono abbastanza contenute grazie a 38 x 33 x 13,5 cm e un peso di pochissimo superiore a 2 Kg. Ottimo compromesso, quindi, tra funzionalità e praticità d’uso.

Il diametro del disco applicabile è di 125 mm, misura che aiuta a capire la vocazione domestica dell’utensile, dotato però di un regime rotativo massimo di 11.500 giri/minuto.
Bosch PWS 1000-125 è dotata del blocco dell’alberino e presenta una testa ad ingranaggi realizzata in alluminio.

Ottima la manopola che caratterizza l’impugnatura (regolabile e ruotabile) con incluso un sistema anti vibrazione, che favorisce una presa solida e comoda dello strumento di lavoro: si ottengono in questo modo più comfort e più sicurezza. Alimentata con normale corrente da 240 Volt, l’attacco avviene mediante una spina C-2 pin Europlug, perfettamente compatibile con le prese di uso comune e con eventuali adattatori.

Una peculiarità di questo flessibile è il Kick Back Stop: capita infatti che durante la normale lavorazione il disco possa bloccarsi perché trova un intoppo e in tale situazione anche il motore si arresta. Il bloccaggio dell’albero permette una pratica sostituzione del disco di taglio. Come smerigliatrice angolare 125, questo modello Bosch è uno dei migliori in assoluto relativamente alla fascia di mercato considerata (piccole smerigliatrici angolari 125).

Riconosciuta come dotata di buona potenza e di buona velocità di rotazione, riesce a fornire prestazioni, maneggevolezza e sicurezza, rispondendo alle più svariate esigenze domestiche, senza disdegnare gli occasionali impieghi a gravosità medio-alta, favoriti anche da un sistema di impugnatura davvero pratico ed ergonomico, in grado di smorzare le vibrazioni.

Inoltre presenta sul retro una rotella che regola la velocità di rotazione del disco.

Scheda Tecnica:
Potenza Motore: 1000 Watt.
Regime di rotazione: 11500 giri/min.
Dimensioni disco: diametro 125 mm.
Dimensioni: 38 x 33 x 13,5 cm.
Peso: 2,1 kg.
Impugnatura: in plastica morbida regolabile con sistema anti vibrazione.
Alimentazione: mediante filo elettrico con corrente a 240 Volt.

Da tener presente che della stessa linea prodotto fanno parte i modelli PWS 750-125 e PWS 850-125, sempre rimanendo in ambito fai da te. Poi esiste anche la smerigliatrice grande Bosch PWS 2000-230 anche se è il meno venduto (effettua 6.500 giri/minuto).
I due modelli precedenti ricalcano le medesime caratteristiche, anche se la PWS 1000-125 senza dubbio è la smerigliatrice angolare più completa.

Le altre, a differenza, si caratterizzano per una maggiore leggerezza e una dimensione leggermente più contenuta, ma contano entrambi ben 12.000 giri/min, mentre il peso è inferiore a 2 kg.

Il prezzo per i modelli meno potenti è molto interessante, ma grazie ad offerte speciali e promozioni commerciale anche il modello Bosch PWS 1000-125 è molto vantaggioso, anche se più impegnativo rispetto ai suoi ”fratelli” più piccoli, ma stiamo parlando sempre di un marchio top di gamma.

2. Black and Decker KG901-QS

Black and Decker - KG901-QS -...
11 Reviews
Black and Decker - KG901-QS -...
  • Black & Decker
  • Tools & Home Improvement
  • Italiano, Tedesco, Francese, Inglese, Spagnolo

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2020-03-19 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Le smerigliatrici Black and Decker sono senza dubbio un must per il fai da te e con questo modello KG901-QS l’azienda ha immesso sul mercato uno strumento interessante soprattutto sotto l’aspetto del prezzo e della maneggevolezza. Chi desidera rimuovere la ruggine dalle superfici metalliche, levigare il legno, tagliare piastrelle, lastre o tubi metallici, questo prodotto è certamente uno dei migliori in assoluto.

La piccola smerigliatrice Black and Decker KG901-QS è molto utile anche nelle operazioni di sbavatura e di smerigliatura delle saldature, rendendosi il compagno ideale per un impiego esclusivamente hobbystico. Esteticamente rispecchia la tipica cromia del brand Black and Decker, nero e arancione, con la zigrinatura sul bordo della scocca realizzata in plastica dura di buona qualità.

L’impugnatura è regolabile secondo tre posizioni per favorire così il controllo e la stabilità durante la fase di lavoro, condizioni agevolate anche da dimensioni compatte (34,8 x 14,4 x 11, 4 cm) e da un peso della smerigliatrice che si attesta a 2,4 Kg, frutto di una costruzione massiccia e solida, ma nonostante questo molto maneggevole e pratica. Il regime di rotazione è di 11.000 giri/min, con una potenza di 900 Watt e un diametro del disco di lavoro che è di 115 mm.

Tutto è adeguatamente proporzionato a quello che l’attrezzo deve asservire, anche a livello di rumorosità (la media di questi apparecchi va da circa 100 dB a 115 dB delle più rumorose).
Come altri modelli, anche questo è munito di sistema di blocco dell’alberino per facilitare il cambio del disco in maniera veloce e semplificata, favorendo ancora una volta la praticità d’uso.

Scheda Tecnica:
Potenza Motore: 900 Watt.
Regime di rotazione: 11000 giri/min.
Dimensioni disco: diametro 115 mm.
Livello acustico di rumore: 103 dB.
Dimensioni: 34,8 x 14,4 x 11,4 cm.
Peso: 2,4 kg.
Impugnatura: in plastica e regolabile su 3 posizioni.
Alimentazione: mediante filo elettrico con corrente a 220 Volt.

La smerigliatrice Black and Decker KG901-QS si presta dunque ad essere uno strumento di lavoro idoneo a soddisfare le piccole esigenze di casa, garantendo un rapporto qualità-prezzo invidiabile e difficilmente replicabile sul mercato da altri prodotti concorrenti di pari livello.

Chi volesse tenere in casa una smerigliatrice angolare da utilizzare all’occorrenza per lavori di fai da te senza carichi eccessivi, questo prodotto è l’ideale poiché ad un prezzo molto contenuto è possibile beneficiare di una smerigliatrice piccola capace di tornare utile in diverse situazioni.

3. Makita DGA504Y1J cordless

Offerta
Makita DGA504Y1J - Smerigliatrice...
11 Reviews
Makita DGA504Y1J - Smerigliatrice...
  • Pratica smerigliatrice angolare con batteria da 18...
  • Motore senza spazzole per una maggiore durata e...
  • Un particolare sistema di blocco impedisce un...
  • L'apposito LED indica eventuali cali di tensione o...
  • Protezione elettronica da sovraccarico

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2020-03-19 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Come indica la parola stessa posta accanto alla sigla del modello, la presente smerigliatrice è dotata di funzionamento a batteria. Niente corrente elettrica, col vantaggio di una maggior portabilità, rendendosi disponibile anche per lavorare in luoghi nascosti o dove non sono possibili collegamenti elettrici. Tale soluzione è ottimale per esecuzioni soprattutto all’aperto, per tagliare ad esempio pietre oppure tubetti.

La smerigliatrice angolare Makita DGA504Y1J ha il disco da 125 mm ed è destinata alla fascia di mercato orientata all’hobbystica di qualità. Le sue dimensioni sono pari a 30 x 35 x 25 cm per un peso che supera i 2,6 Kg (4 kg con l’intera dotazione e la valigetta). Abbastanza impegnativa dunque, ma è logico, dovendosi portare appresso anche il peso della batteria e il sistema di alloggiamento.

Il design è definibile slim, nel senso che di presenta allungato e tendenzialmente ristretto, ma è naturale sia così data la parte della batteria posta sul retro. I colori sono verde smeraldo scuro e nero: eleganti e pratici. Il tasto di accensione è centrale, in posizione pratica per essere mosso dal pollice della mano di sostegno posta sul retro. Sul manubrio invece si fa presa con l’altro arto grazie ad una manopola di rivestimento in gomma termoplastica ben realizzata. Il carter di protezione della lama è in solido metallo.

La batteria in dotazione nella confezione originale di acquisto ed è da 18 V e 1,5 Ah con tecnologia agli ioni di Litio, che offre la possibilità, a piena ricarica, di lavorare con un’autonomia di circa una decina di minuti (anche se sarebbe stato forse più apprezzato un amperaggio maggiore). Il motore di azionamento è di tipo brushless e non prevede quindi le classiche spazzole, riducendo così la manutenzione e salvaguardando la durata nel tempo.

Grazie a questa peculiarità tecnica l’impiego della smerigliatrice angolare Makita può essere anche prolungato limitando la preoccupazione di surriscaldamenti. La sicurezza è uno dei punti di forza di questa Makita DGA504Y1J, dotata di un interessante e prezioso meccanismo che impedisce la partenza accidentale del motore nel momento in cui è stata appena sostituita la batteria.

Durante la ricarica la presenza di un led illuminato segnala eventuali sbalzi di tensione, mettendo in atto un sistema di protezione elettronica da sovraccarico.

Scheda Tecnica:
Motore: di tipo brushless privo di spazzole.
Regime di rotazione: 8.500 giri/min.
Dimensioni disco: diametro 125 mm.
Dimensioni: 30 x 35 x 25 cm .
Peso: 2,6 kg.
Impugnatura: in gomma termoplastica soft grip.
Alimentazione: batteria da 18 Volt, 1,5 Ah ricaricabile agli ioni di Litio.

Per azioni più impegnative il consiglio è quello di acquistare una seconda batteria di ricambio in modo che si incrementa l’autonomia di lavoro. Il peso sicuramente incide sulla valutazione finale e non si ha a che fare certo con un prodotto leggero, dato che pesa il doppio di molti prodotti a corrente elettrica.

È una smerigliatrice angolare 125 ed è dunque un prodotto abbastanza versatile in grado ospitare nell’apposito alloggiamento dischi di quel diametro con grane differenti, proprio per eseguire lavori diversi, potendo anche lavorare come levigatrice angolare. Il prodotto è venduto in una pratica e solida valigetta realizzata in plastica, completa di batteria, caricatore e un disco abrasivo incluso.

4. Einhell TE-AG 125 CE

Offerta
Einhell TE-AG 125 CE Smerigliatrice...
67 Reviews
Einhell TE-AG 125 CE Smerigliatrice...
  • Smerigliatrice robusta a doppia impugnatura a...
  • Adatta ad un alta asportazione nella levigatura e...
  • Impugnatura supplementare regolabile su tre...
  • Disco troncatore non in dotazione

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2020-03-19 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Tra le migliori smerigliatrici angolari destinate ad un utilizzo domestico si trova la Einhell TE-AG 125 CE, ad alimentazione elettrica e dotata di un disco da 125 mm che consente di tagliare spessori fino a 8 cm in maniera agevole, offrendo un impiego più versatile e vario rispetto ad uno di dimensioni inferiori. Per essere un attrezzo sviluppato per il mercato consumer e non professionale sono valori di tutto rispetto.

Il motore di cui questa smerigliatrice angolare è dotata offre ottime caratteristiche che testimoniano i buoni dati tecnici di cui si avvale. La potenza è di ben 1.100 Watt, praticamente il massimo possibile per un modello di questo range di mercato con disco da 125 mm.

Potenza e robustezza costruttiva del motore sono quindi le peculiarità principali di questo prodotto, il quale vanta anche una velocità di lavoro selezionabile secondo 6 livelli, a partire da un minimo di 3.000 giri/min fino a un massimo di 11.000 giri/min e per questo può anche essere utilizzata come smerigliatrice legno. Difficilmente ci si spinge al massimo, dato che già con 10.000 giri/min si riescono a ottenere risultati di qualità in fase di taglio.

Rotazioni inferiori si selezionano per lavori di levigatura, sbavatura, affilatura o smussatura, a seconda anche dei materiali sui quali si agisce. Accettabile il livello di rumore emesso che rimane ai valori minimi della media generale del settore.

Piacevole anche l’estetica, grazie ai colori rosso fuoco, grigio argento (nella parte del disco) e agli inserti neri della gomma antiscivolo.

Un punto decisamente a favore del modello, che traspare anche dalle opinioni dei clienti, riguarda la minimizzazione delle vibrazioni.

Queste vengono misurate in m/s² e la smerigliatrice angolare Einhell TE-AG 125 CE fa segnare un valore bassissimo: 1,5 contro i 3,5 della media settoriale. Questo significa un miglior comfort durante la fase di lavoro, minore stanchezza risentita nella muscolatura delle braccia e soprattutto la possibilità di lavorare per intervalli di tempo più prolungati.

Anche per chi soffre di problemi di articolazioni, soprattutto agli arti superiori e alle spalle, impugnare questo modello di smerigliatrice angolare 125 sarà più confortevole.
L’aspetto della sicurezza è ben curato e la Einhell TE-AG 125 CE è ben dotata grazie a diversi particolari che favoriscono la protezione e la sicurezza dell’operatore durante l’esecuzione dei lavori.

Ciò però non deve dispensare l’utilizzatore dall’indossare le giuste protezioni, come anche indicato nel manuale di istruzioni.

Carter di protezione del disco realizzato in metallo, blocco dell’albero motore per facilitare il montaggio del disco abrasivo e avviamento soft-start. Quest’ultima caratteristica è molto utile soprattutto se non si è esperti nel maneggiare l’attrezzo: un avvio progressivo concede a chi impugna la smerigliatrice di prendere per pochi secondi quella confidenza necessaria stabilizzando il controllo e la partenza.

Questa funzione aiuta anche la maneggevolezza, grazie ad un peso di 2,8 Kg e a dimensioni che sono di 38,7 x 26,6 x 11,2 cm. Una pecca riscontrata è il cavo, che è lungo 3 metri, a fronte di diversi modelli che forniscono un filo che può arrivare anche a 5 metri, lasciando più agio.

L’impugnatura principale di sostegno è antiscivolo e pensata per favorire l’ergonomia grazie a degli inserti in gomma costampati con la plastica di rivestimento, mentre la manopola di stabilizzazione e direzionalità si presenta orientabile in 3 posizioni differenti agevolando anche i mancini ed è rivestita con una gomma dura che però non disturba.

Sia le parti gommate che quelle in plastica possono essere facilmente pulite semplicemente con un panno umidificato e con del sapone neutro.

Purtroppo la confezione di vendita non contempla la presenza di una valigetta e appare dunque un po’ scarna. Solo una chiave per favorire il cambio del disco e il manuale di istruzioni.

Scheda Tecnica:
Potenza Motore: 1.100 Watt.
Regime di rotazione: 11000 giri/min regolabile su 6 livelli da 3.000 giri/min.
Dimensioni disco: diametro 125 mm.
Livello acustico di rumore: 99 dB.
Dimensioni: 38,7 x 26,6 x 11,2 cm .
Peso: 2,8 kg.
Impugnatura: rivestita in gomma termoplastica e manopola regolabile su 3 posizioni.
Alimentazione: mediante filo elettrico con corrente a 230 Volt.

In definitiva la smerigliatrice angolare Einhell TE-AG 125 CE è un apparecchio che si caratterizza per una costruzione attenta, sicura e robusta, dotato di ottima potenza che rende la smerigliatrice ideale per troncare, levigare e sgrossare svariati materiali. L’impiego deve però rimanere nell’ambito domestico. La protezione del disco è regolabile in maniera sicura. Il bassissimo numero di vibrazioni che lo strumento trasmette al braccio rende migliore il comfort, mentre l’avviamento graduale favorisce il controllo.

I punti di forza principali di questo modello di smerigliatrice angolare, impiegabile anche come flessibile da taglio, sono il motore e il comfort di utilizzo. Aspetti meno graditi riguardano un packaging che risulta un pò scarno, data la mancanza della valigetta di contenimento e la presenza di un cavo forse un pò troppo corto che richiede una prolunga.
Il rapporto qualità prezzo è decisamente buono e la funzionalità garantita dall’utensile permette una discreta gamma di lavorazioni possibili.

5. De Walt DWE4056 QS

Offerta
DWE4056-QS - Mini-amoladora 115mm  800W
35 Reviews
DWE4056-QS - Mini-amoladora 115mm 800W
  • The brand in which professionals trust

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2020-03-19 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

L’ultima indicazione sulla miglior smerigliatrice angolare è questo modello De Walt DWE4056 QS che si caratterizza innanzitutto per un colore giallo vivo che consente di riconoscerla tra gli scaffali. Costruita senza troppi fronzoli, bada però al sodo e per un uso domestico il prodotto è perfettamente indicato. La potenza del motore è di 800 Watt con un numero di rotazioni che arriva fino a 11.800 giri/min.

Il peso è ridotto e raggiunge 1,8 Kg, con dimensioni di 33,7 x 13,6 x 10,9 cm: una combinata che rende la smerigliatrice angolare 115 di De Walt maneggevole e facile da dover controllare. Il tasto di accensione è posizionato sul lato, nella parte avanti in modo che possa essere azionato con entrambi i pollici della mani, sia quella di sostegno che quella di appoggio alla manopola laterale.

La costruzione è effettuata con accorgimenti tali che la smerigliatrice possa durare a lungo: il motore è composto da un sistema di spazzole autoespellenti e portaspazzole diverso e reingergnerizzato rispetto alla norma, con uno speciale posizionamento degli ingranaggi, messo in modo che si possano ridurre gli ingombri e favorire il lavoro in spazi ridotti. Lo statore è avvolto da una resina epossidica che impedisce l’ingresso della polvere, mentre la zona di alloggiamento del cuscinetto presenta una nuova configurazione capace di garantire ancor più efficienza.

La smerigliatrice De Walt DWE4056 QS è dotata di un pulsante per favorire il meccanismo di cambio disco bloccando l’alberino di rotazione. Importante il fatto che il modello sia dotato di partenza rallentata a favorire il controllo dello start. Sempre parlando di comfort, anche sotto l’aspetto acustico la smerigliatrice non sollecita l’udito più di altre, attestandosi ad un valore di 101 dB.

Scheda Tecnica:
Potenza Motore: 800 Watt.
Regime di rotazione: 11800 giri/min.
Dimensioni disco: diametro 115 mm.
Livello acustico di rumore: 101 dB.
Dimensioni: 33,7 x 13,6 x 10,9 cm .
Peso: 1,8 kg.
Impugnatura: manopola regolabile rivestita in gomma termoplastica con zigrinatura.
Alimentazione: mediante filo elettrico con corrente a 230 Volt.

Il prodotto funziona anche da levigatrice angolare e genera, in questo caso, un bassissimo numero di vibrazioni, mentre con le operazioni di taglio e smerigliatura la fatica trasmessa al sistema mano-braccio si avverte maggiormente. Nel complesso si è davanti ad un buon prodotto, completo e dal prezzo vantaggioso, che ha il suo punto di forza principale nel motore, il quale senza ombra di dubbio rappresenta una caratteristica di sicuro vantaggio, a favore della durata.

– Smerigliatrice da taglio 230

Se una smerigliatrice angolare 115 o 125 è indicata per un utilizzo hobbystico e più casalingo, una che presenta un disco da taglio da 230 mm indica un prodotto adeguato all’impiego professionale. Generalmente più grandi e più pesanti, sono più complesse da gestire e da controllare, richiedendo maggiore impegno.

La miglior smerigliatrice da taglio 230 è difficilmente identificabile in maniera assoluta, ma sicuramente tra i top di gamma rientra la Bosch Professional GWS 22-230 JH.

* Bosch Professional GWS 22-230 JH

Bosch Professional 0601882M03 GWS 22-230...
28 Reviews
Bosch Professional 0601882M03 GWS 22-230...
  • Motore Champion da 2200 W per rapido avanzamento...
  • Peso ridotto per maneggevolezza ottimale
  • Cuffia di protezione antirotazione per proteggere...
  • Protezione contro riavvio accidentale
  • Velocità di rotazione: 6500 Giri/min

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2020-03-19 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

A conferma di quanto affermato viene in aiuto anche la scheda tecnica, la quale indica una potenza di ben 2.200 Watt e un peso di 5,2 Kg per questo prodotto di alta fascia di mercato. Che sia un modello destinato all’uso professionale lo testimonia anche il colore: abbandonato il verde tipico dell’hobbystico di Bosch, si passa al blu petrolio.

Le dimensioni del disco da taglio sono di 230 mm di diametro, a testimonianza di una possibilità di lavoro per grandi superfici e per spessori di taglio che possono superare i 12-15 cm, anche di metallo. Il motore è solido e ben strutturato, dotato di 4 feritoie anteriori per raffreddare l’interno, mentre l’alimentazione elettrica con cavo regala la possibilità di un lavoro continuativo e prolungato, che l’attrezzo regge alla grande.

Il regime massimo di rotazione è fissato a 6.500 giri/min, ma vi è il dispositivo di regolazione che consente anche un lavoro a velocità più basse. Apparecchi di questo genere presentano comunque una velocità rotativa inferiore rispetto alle macchine di uso domestico, perché “compensano” con la potenza maggiore e con un diametro del disco più grande, pur essendo, questo nello specifico, un valore non tra i più elevati, seppure perfettamente in media col tipo di utensile.

Quello che stupisce è il livello di rumore, che rimane molto basso: considerando la maggior potenza, il disco maggiorato e la diversità progettuale dell’intero attrezzo, il valore massimo acustico percepibile è di 93 dB. Davvero strabiliante. Ciò significa che è possibile lavorare a lungo senza stressare l’udito.

Da segnalare anche un valore di rilievo per le vibrazioni, che si attestano a 3,5 m/s²: poco se si pensa alla mole e alla potenza erogata dalla smerigliatrice angolare Bosch Professional GWS 22-230 JH.

Essendo un prodotto altamente professionale, la sicurezza garantita è massima e vi sono tutti i dispositivi possibili. Protezione del disco, blocco dell’albero motore, dispositivo di impedimentodel riavvio automatico (in caso di black out o di cali di tensione) e soft start alla partenza, per favorire il controllo e limitare il classico “strattone” tipico dell’avviamento.

Nonostante il peso e l’impiego di tipo “Professional” (come anche il nome indica), la maneggevolezza appare decisamente buona, anche se l’impiego del modello richiede esperienza e praticità, oltre che attenzione. Sia dal punto di vista ergonomico che della distribuzione dei pesi, la smerigliatrice professionale Bosch in questione risulta essere molto ben bilanciata ed equilibrata, a tutto vantaggio di un miglior controllo.

L’impugnatura presenta una manopola regolabile abbastanza semplice e molto pratica, ma non provvista di superficie antiscivolo (consigliabile quindi indossare i guanti prima di impugnare l’attrezzo). Altro punto che ha lasciato scontenti alcuni utilizzatori, come si percepisce dalle recensioni prodotto, è il cavo di alimentazione: la lunghezza è di soli 3 metri.

Scheda Tecnica:
Potenza Motore: 2.200 Watt.
Regime di rotazione: 6500 giri/min.
Dimensioni disco: diametro 230 mm.
Livello acustico di rumore: 93 dB (nelle peggiori condizioni 104 dB).
Dimensioni: 33,7 x 13,6 x 10,9 cm .
Peso: 5,2 kg.
Impugnatura: manopola regolabile rivestita in gomma termoplastica liscia.
Alimentazione: mediante filo elettrico con corrente a 240 Volt.

In sintesi è un modello di smerigliatrice angolare professionale dotato di tante funzionalità e attenzioni in fase di costruzione. Ideale per resistere a sforzi prolungati nel tempo, dotata di tutte le sicurezze ammissibili e in grado di regalare tanta versatilità in fase applicativa. Non mancano però i punti a sfavore, identificati soprattutto nell’assenza di un rivestimento antiscivolo nella presa, in un cavo che appare piuttosto limitativo in termini di lunghezza e una confezione di acquisto che non prevede la custodia.

Tra i plus non si possono dimenticare la bassa rumorosità che si percepisce durante il regime di lavoro (anche alla massima velocità) e un buon equilibrio nella distribuzione dei pesi. Inoltre la maneggevolezza è ottimale poiché questo modello risulta tra i più leggeri in assoluto della categoria.

L’utilizzo della smerigliatrice Bosch Professional GWS 22-230 JH è indicato unicamente a chi opera in cantiere o comunque a livello professionale e non a chi si approccia per la prima volta al mondo degli elettroutensili da taglio o a chi desidera utilizzare lo strumento per uso domestico.

– Conclusioni

Il flessibile si presenta come uno strumento versatile che può essere indicato sia per l’ambito domestico e hobbystico, che per quello professionale: una smerigliatrice angolare 115 o 125 è più idonea per il primo, mentre una da 230 mm è decisamente orientata al secondo. Le differenze esistono anche sotto l’aspetto della maneggevolezza e del comfort d’uso.

Quelle domestiche si caratterizzano per essere più leggere e meno impegnative, mentre una smerigliatrice grande richiede maggiore esperienza, anche se dotata di avviamento graduale. Per scegliere la migliore smerigliatrice del mercato è importante definire il tipo di utilizzo per poi valutare le caratteristiche in termini prestazionali e di praticità, soprattutto da parte di coloro i quali per la prima volta si approcciano all’utensile.

Tra un’alimentazione a batteria e un’altra a filo è meglio quasi sempre la seconda, a meno che non si verifichi l’esigenza di lavorare lontano da prese di corrente. Nel settore delle smerigliatrici angolari è determinate la sicurezza e molti prodotti sono attrezzati con sistemi atti a preservare una condizione di lavoro idonea.

LEAVE A REPLY

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.