Molti appartamenti sono dotati di pilastri portanti che, per ovvie ragioni strutturali, non possono essere demoliti. L’unica soluzione possibile, a quel punto, è quella di decorarli e abbellirli, trasformandoli così in una soluzione d’arredo di design.

Ma qual è il miglior rivestimento di un pilastro interno? Noi di Casina Mia abbiamo selezionato per te alcune interessanti soluzioni che arricchiranno la tua colonna di fascino ed eleganza, sebbene questa non rappresenti l’unica possibilità.

Un’alternativa altrettanto intrigante prevede infatti di mimetizzare il pilastro portante, rendendolo così meno evidente. Per sapere qual è la soluzione migliore, non devi fare altro che proseguire con la lettura!

– Come rivestire un pilastro interno e renderlo una soluzione d’arredo

Partiamo subito chiarendo un punto molto importante: se ti stai domandando come valorizzare una colonna, significa che hai implicitamente deciso di rendere la sua presenza ancora più evidente.

Il tuo obiettivo, pertanto, sarà quello di abbellire il tuo pilastro interno portante, trasformandolo in una suggestiva soluzione d’arredo. Per realizzare un progetto di questo tipo, hai a disposizione numerose possibilità e noi ne abbiamo selezionata qualcuna appositamente per te!

Rivestimento di un pilastro interno in mattone

Le superfici in mattone donano all’ambiente un’atmosfera calda e conviviale, in grado di sposarsi con una molteplicità di stili diversi: rustico, country, moderno e perfino industrial! Quindi perché non sfruttare questo suggestivo rivestimento anche per la tua colonna? Tra le varie opzioni a tua disposizione, ti segnaliamo:

  • un adesivo 3D a effetto mattone;
  • un rivestimento in pietra sottile.

Molto dipende ovviamente dal budget che hai a disposizione e dalla resa finale che vuoi ottenere. Ciò detto, l’effetto che otterrai risulterà molto simile a questo:

rivestimento pilastro interno in mattone

Esaltare un pilastro interno con le decorazioni

Un’idea altrettanto vincente e, per certi versi, opposta a quella che ti abbiamo appena suggerito, prevede di evitare qualsiasi materiale di rivestimento in favore delle decorazioni murali.

Per abbellire la tua colonna puoi infatti sfruttare accessori ad hoc, appendendoli lungo la sua superficie: una stampa, un quadretto, o qualsiasi altra cosa tu abbia voglia di vedere appeso.

rivestimento pilastro interno con decorazioni

Rendere un pilastro interno parte integrante dell’arredamento

Una soluzione piuttosto quotata prevede di uniformare la colonna portante all’arredamento preesistente, trasformandola in una soluzione d’arredo pratica e funzionale. Per farlo, ti sarà sufficiente dipingerla dello stesso colore dei mobili o delle pareti che le stanno intorno e, contemporaneamente, sfruttare la sua struttura per un fine pratico, come per esempio come base di un’originale libreria verticale!

rivestimento pilastro interno con libreria

Come puoi vedere tu stesso, pertanto, avere in casa un pilastro da arredare può rappresentare un’incredibile opportunità, che ti permetterà di valorizzare non solo la colonna portante, ma anche l’estetica generale dell’ambiente.

Con questo, tuttavia, non stiamo affatto dicendo che tu sia obbligato a rivestire il tuo pilastro interno in maniera evidente: l’alternativa è infatti quello di mimetizzarlo con il resto dell’arredamento.

– Come mimetizzare un pilastro interno

I discorsi che ti abbiamo fatto finora danno per scontato il fatto di gradire la presenza del pilastro portante. E se così non fosse? E se per te rappresentasse invece un antiestetico elemento strutturale del quale ti libereresti più che volentieri?

Come ti abbiamo anticipato, sfortunatamente, abbattere la colonna non è oggettivamente possibile. Quindi, visto che sei obbligato a tenertela in casa, puoi impegnarti a renderla molto meno evidente, dipingendola con gli stessi colori delle pareti e “mimetizzandola” con gli arredi circostanti.

Le soluzioni a tua disposizione, anche in questo caso, sono ovviamente più di una: potresti, per esempio, optare per unico colore di sfondo, possibilmente neutro, che “sfumi” il più possibile la presenza del pilastro, trasformandolo così in un elemento del tutto anonimo e insignificante.

rivestimento pilastro nascosto

In alternativa, potresti omologarlo a una specifica parte della stanza, trasformandolo in un elemento integrato e optando così per una soluzione di continuità.

Per farti un esempio, osserva l’immagine qui sotto: in questo progetto è stato realizzato un controsoffitto al fine di applicare le luci. Il pilastro ad esso collegato riprende i suoi stessi colori, fungendo così da perfetto continuum strutturale, all’insegna di una perfetta resa minimalista.

rivestimento pilastro interno celato

– Rivestimento di un pilastro interno: sì o no?

Come dovresti ormai aver capito, un pilatro interno si presta a moltissime soluzioni d’arredo, ma anche a una perfetta mimetizzazione all’interno dell’ambiente. Mentre molte persone lo vedono come un’originale risorsa da sfruttare a livello estetico, altre lo ritengono soltanto uno scomodissimo elemento strutturale.

Il lato positivo, tuttavia, è che a prescindere da come lo consideri, hai a disposizione svariate possibilità per dare un senso alla sua presenza. E, affidandoti al consiglio di un abile interior designer, troverai di sicuro la soluzione d’arredo più adatta a te.

Scarica la guida gratuita di Abitativo®

Eliana Tagliabue