Pulire il materasso è d’importanza fondamentale se vuoi mantenerlo in buone condizioni e farlo durare nel tempo. Trattandosi della superficie sulla quale ti accoccoli per dormire, dovresti fare il possibile per renderla confortevole e pulita, garantendo così la tua igiene personale.

Durante la notte, il corpo può infatti rilasciare sudore, oli, cellule morte della pelle e altri scarti. Questi materiali finiscono per accumularsi sul materasso nel corso del tempo, creando così un ambiente poco igienico. La pulizia regolare aiuta quindi a rimuovere questi detriti e a mantenere un ambiente di sonno più pulito e salutare.

In questa guida ti sveleremo quali sono i migliori pulisci materasso che puoi trovare in commercio, illustrandoti anche i sistemi di pulizia più efficaci. Se il tuo obiettivo è quello di dormire in un letto salubre e pulito, pertanto, devi soltanto proseguire la lettura e scoprire come fare.

– L’importanza di un materasso pulito

Sapere come pulire il materasso è importante per diverse ragioni. Questo supporto può infatti facilmente essere preda degli acari della polvere e di svariati tipi di allergeni, rischiando così di procurare gravi malesseri alle persone allergiche o a quelle più fragili.

Ma non solo: con il passare del tempo, il materasso può assorbire odori sgradevoli derivanti dal sudore corporeo, dai residui di cibo, dalla presenza di animali sul letto e da tutto ciò che può potenzialmente contaminarlo. La pulizia regolare del materasso può quindi aiutare a eliminarli, rendendo il tuo sonno molto più piacevole.

pulisci materasso

Pulire il materasso in maniera rigorosa può quindi portarti a godere di una serie d’interessanti benefici, vale a dire:

  • il miglioramento della tua igiene personale;
  • la riduzione degli allergeni;
  • l’eliminazione degli odori sgradevoli;
  • una maggiore durabilità nel tempo;
  • un comfort migliore;
  • la preservazione dell’estetica del letto.

Per usufruire di tutti questi importanti vantaggi, è tuttavia importante conoscere con precisione gli strumenti più idonei alla pulizia del materasso che, come scoprirai a breve, sono numerosi e diversificati.

– Strumenti e prodotti per la pulizia del materasso

Per eseguire una rigorosa pulizia dei materassi, in linea di massima ti serviranno:

  • aspirapolvere;
  • detergenti specifici per il tessuto del materasso e/o detergenti naturali;
  • pulitrice a vapore;
  • panni per asciugare;
  • spazzole e spugne per strofinare.

L’aspirapolvere, in particolare, è uno strumento essenziale per eseguire una corretta pulizia del materasso. Non solo risulta efficace per la rimozione dei detriti più superficiali, ma è utile anche per l’eliminazione degli acari della polvere, soprattutto se userai un modello dotato di filtro HEPA (High Efficiency Particulate Air), perfetto per catturare anche i granelli più infinitesimali.

pulisci materasso con aspirapolvere

In aggiunta all’aspirapolvere, puoi anche servirti di uno specifico battimaterasso. Questo oggetto può infatti aiutarti a sollevare e a rimuovere la polvere e i detriti più superficiali, migliorando al contempo l’aerazione del materasso stesso. Detto questo, occorre però specificare che gli strumenti da soli non sono sufficienti e che è quindi importante servirsi anche di detergenti espressamente progetti per la pulizia dei materassi o, in alternativa, dei rimedi naturali.

Prodotti chimici e naturali

Sapere come pulire il materasso implica anche di la conoscenza dei prodotti più idonei per la sua igienizzazione, che possono essere sia chimici che naturali. Tra i prodotti chimici, per esempio, figurano i detergenti per i tessuti delicati, progettati per pulire il materasso in profondità senza danneggiarne i tessuti.

In alternativa, sono ottimi anche i detergenti per la pulizia a secco, che ti permettono di eseguire una buona igienizzazione senza dover per forza lavare il materasso. Per eliminare le macchie più difficili e ostinate, infine, puoi servirti dei cosiddetti “detergenti enzimatici”: grazie agli enzimi in essi contenuti, infatti, riescono a scomporre le proteine presenti nelle macchie, eliminandole in maniera definitiva.

pulisci il materasso con i detergenti

In alternativa, puoi servirti anche dei detergenti naturali, uno su tutti il bicarbonato di sodio. Pulire il materasso con il bicarbonato, del resto, è davvero molto semplice: ti basterà spargerne una leggera quantità sul materasso, lasciandola agire per circa 15 – 30 minuti, per poi aspirarla via.

Il bicarbonato sul materasso non rappresenta tuttavia l’unica soluzione. Un rimedio altrettanto ottimale è dato dall’aceto bianco, che puoi spruzzare direttamente sulla superficie con l’aiuto di un flacone spray, dopo averlo mescolato con un po’ d’acqua. Analogamente, puoi servirti anche del sapone di Marsiglia, impregnando una spugnetta e strofinandola con vigore.

– Tecniche di pulizia del materasso

Ora che ti sei fatto una panoramica precisa degli strumenti e dei prodotti da usare come pulisci materasso, è tempo di concentrarci sulla tecnica, esaminando i metodi principali: la pulizia a secco e la pulizia a vapore.

Pulizia a secco

La pulizia a secco del materasso è un metodo che coinvolge l’uso di prodotti chimici o detergenti appositamente formulati per pulire il materasso senza utilizzare acqua. Questo metodo risulta molto utile nella rimozione di macchie e odori senza inumidire eccessivamente il materasso.

Per eseguirla, devi innanzitutto rimuovere i detriti più superficiali dalla sua superficie, per poi spruzzare il prodotto a secco e lasciarlo agire per il tempo indicato dal produttore. Questo sistema è vivamente consigliato nel caso in cui tu abbia la necessità di eliminare macchie visibili e odori sgradevoli, nonché per la pulizia di routine.

Pulizia a vapore

La pulizia a vapore dev’essere eseguita con l’aiuto di un’apposita pulitrice, dotata dell’ugello per spruzzare il vapore. Anche in questo caso, dovrai rimuovere preventivamente la polvere e i detriti superficiali, per poi cospargere di vapore l’intera superficie del materasso.

Una volta che avrai igienizzato il materasso, dovrai farlo asciugare molto bene, possibilmente spalancando la finestra ed esponendolo all’aria. Tieni conto che questo tipo di pulizia è vivamente consigliata in caso nel caso in cui siano presenti persone fragili e/o sofferenti di allergia, proprio in virtù dei risultati ottimali che è in grado di assicurare.

pulisci il materasso a vapore

– Prevenzione e manutenzione

Sapere come lavare i materassi è indubbiamente importante, ma lo è altrettanto il fatto di attuare opportune strategie di manutenzione e prevenzione, semplificandoti così la successiva pulizia. Di seguito, pertanto, ti lasciamo qualche utile suggerimento per garantire e preservare correttamente l’igiene dei materassi di casa:

  • Utilizza un coprimaterasso o protettore del materasso: coprimaterassi o protettori del materasso sono strati sottili di tessuto impermeabile e resistenti alle macchie, che vengono posizionati sopra il materasso. L’obiettivo è quello di tutelarlo da versamenti accidentali, sudore, oli corporei e altri liquidi che possono causare macchie e odori.
  • Lava la biancheria da letto regolarmente: lavare regolarmente la biancheria da letto, come lenzuola e federe per cuscini, contribuirà a mantenere il materasso più pulito. Sudore, cellule morte della pelle e oli corporei possono infatti accumularsi sulla biancheria da letto e trasferirsi al materasso.
  • Gira e ruota il materasso: periodicamente, ruota e gira il materasso per garantire un’usura uniforme. Questa pratica può anche aiutare a evitare che il materasso sviluppi depressioni o grumi in un’unica zona, che potrebbero trattenere l’umidità e causare odori.
  • Aspira il materasso: usa un aspirapolvere con un accessorio per tessuti o un ugello per tappezzeria per aspirare il materasso regolarmente. Questo aiuterà a rimuovere detriti superficiali e allergeni, riducendo il rischio di macchie e odori.
  • Aria e luce solare: esponi il materasso alla luce solare naturale quando possibile. La luce del sole e l’aria fresca possono infatti aiutare a uccidere batteri e acari della polvere, prevenendo al contempo la formazione degli odori.
  • Evita di mangiare o bere a letto: evita di consumare cibo o bevande sul letto per prevenire versamenti accidentali. Se desideri comunque farlo, usa piuttosto un vassoio o un supporto stabile per evitare incidenti.
  • Utilizza cuscini e coperte aggiuntive: se hai la tendenza a sudare molto durante la notte, considera l’uso di cuscini o coperte aggiuntive per assorbire l’umidità e proteggere il materasso.
  • Igiene personale: mantieni una buona igiene personale per ridurre il rischio di trasferire sudore e oli corporei al materasso. Lavarsi prima di andare a letto può contribuire a mantenere il materasso più pulito.
  • Controlla l’umidità nella camera da letto: un livello eccessivo di umidità nella camera da letto può favorire la formazione di muffa e odori sgradevoli. Utilizza quindi un deumidificatore per mantenere l’umidità a livelli accettabili.

pulisci materasso manutenzione

– Conclusione: un materasso pulito per un sonno di qualità

Mantenere il tuo materasso pulito è, o dovrebbe essere, una parte essenziale della cura della tua camera da letto, ai fini di promuovere un sonno sano. Rimuovendo polvere e allergeni otterrai infatti un’aria molto più salubre, che ti garantirà un riposo notturno molto più salutare.

Pulire il materasso può inoltre esserti utile per massimizzarne la durata nel tempo, ottenendo al contempo un supporto stabile e confortevole: un vantaggio che andrà tutto a beneficio della salute della tua schiena.

In conclusione, pertanto, la pulizia regolare del materasso, unitamente alla messa in pratica di una corretta manutenzione, ti garantiranno una qualità del sonno più ottimale, con conseguente miglioramento generale della tua vita.

Eliana Tagliabue