Almeno una volta nella vita ti sarà senz’altro capitato di camminare su un pavimento in marmette, meglio conosciuto come il “pavimento della casa della nonna”.

Nota per la sua superficie piacevolmente variegata, ricca di affascinanti disegni e punteggiature, questa pavimentazione andava molto di moda cinquant’anni fa, per poi essere abbandonata in favore di soluzioni più discrete.

Attualmente, tuttavia, sembrerebbe proprio essere tornata in auge, motivo per cui abbiamo deciso di celebrare questo suo nuovo momento di gloria con una guida a essa dedicata, nella quale ti sveleremo tutti i segreti dei pavimenti in marmette.

– Primo segreto del pavimento in marmette: la graniglia

Il primo segreto del pavimento in marmette è il materiale di cui è composto, vale a dire la graniglia. La marmetta di graniglia è infatti uno dei primi materiali nati in seguito al riciclo degli scarti di lavorazione del marmo e delle pietre, poi legati con il cemento, impastati con l’acqua e colorati con ossidi naturali.

Tutto questo veniva già fatto alla fine del 1800, presumibilmente da una comunità di frati francescani residenti a San Severino Marche, nota per essere diventata, a partire dagli anni Cinquanta del secolo scorso, il più importante centro di produzione delle marmette di cemento e graniglia.

Il pavimento in marmette, ad ogni modo, trae spunto dai classici pavimenti dei terrazzi in stile veneziano, tutt’oggi visibili nelle più belle ville d’Italia. Ecco perché la marmetta viene da molti considerata una tipologia “precostituita” di pavimento alla veneziana.

Ma Venezia non è stata l’unica fonte d’ispirazione di questi pavimenti. Già nei primi decenni del Novecento, infatti, era possibile suddividere i pavimenti in marmette di graniglia in due distinte categorie, basate sulle loro differenti decorazioni. Avevamo infatti:

  • lo stile liberty, o floreale (1910 – 1920), che prediligeva per l’appunto le decorazioni floreali;
  • lo stile futurista (1930 – 1940), che prevedeva invece decorazioni geometriche.

pavimento in marmette geometria

Come puoi vedere tu stesso, pertanto, quello che è sempre stato considerato un pavimento sorpassato presenta in realtà una storia ricca e interessante. E non deve quindi sorprendere il fatto che sia tornato improvvisamente in auge, per giunta in qualità di pavimentazione di pregio.

– La rinascita del pavimento in marmette

Il successo e la riscoperta delle marmette di graniglia di marmo e dei relativi pavimenti si devono a quest’ultimo decennio, meritevole di aver riscoperto e rivalutato questo materiale. Il motivo è da attribuire anche alla messa a punto di nuove tecniche di manutenzione e conservazione di questi pavimenti, in grado di offrire tre importanti vantaggi:

  • il trattamento con efficaci prodotti anti – macchia;
  • la possibilità di arricchirli con un’elegante finitura lucida;
  • la maggiore reperibilità del materiale.

Tutto questo ha fatto sì che il pavimento in marmette tornasse improvvisamente in auge: da un lato per restaurare vecchi pavimenti d’epoca, dall’altro anche come rivestimento vero e proprio dei pavimenti domestici, un ambito in cui sta vivendo un autentico momento di gloria.

– Come arredare con il pavimento in marmette

Grazie all’eclettica versatilità delle sue decorazioni, il pavimento in marmette è attualmente considerato un rivestimento di un certo pregio, usato per arricchire gli ambienti con un suggestivo tocco vintage.

Tra le sue destinazioni d’uso più classiche figura indubbiamente quella che lo vede come pavimento della cucina: un ambiente che si presta molto a ospitare questo rivestimento (questo, del resto, era il modo tradizionale in cui lo adottavano le nostre nonne). Gli abbinamenti ovviamente si sprecano, ma uno di quelli più eleganti prevede di abbinare il pavimento in marmette al legno, all’insegna di una resa particolarmente raffinata.

pavimento in marmette in cucina

Il bagno è un altro ambiente che si presta in modo particolare al pavimento in marmette, che può essere adottato sia come elemento di contrasto (ad esempio in contrapposizione ai sanitari bianchi), sia come piacevole continuum stilistico, riprendendo quindi le medesime tonalità della stanza.

pavimento in marmette in bagno

Data la sua raffinata eleganza, infine, il pavimento in marmette si sposa molto bene anche con il soggiorno. A tal proposito, dimentica definitivamente l’estetica “retrò” che lo caratterizzava, ormai sostituita da una versione decisamente più raffinata, magari nell’attuale finitura lucida, perfetta per trasformare il tuo living in un ambiente ricco di charme!

pavimento in marmette nel living

– Conclusione

Arredare la casa con i pavimenti in marmette significa conferirle un fascino vintage tuttora intramontabile.

Come tu stesso hai potuto appurare, del resto, il vantaggio di queste pavimentazioni è dato proprio dalla loro grande versatilità, che si traduce in un utilizzo ad ampio spettro, al punto che non vi è un solo ambiente della casa in cui la marmetta di graniglia non stia bene.

Dunque, non hai che l’imbarazzo della scelta. E l’unica domanda a cui devi rispondere è: dove vedresti meglio questo pavimento all’interno della tua casa?

Scarica la guida gratuita di Abitativo®

Eliana Tagliabue