Tra i materiali edilizi che stanno riscuotendo successo, il cocciopesto si piazza senza alcun dubbio alle prime posizioni. Usato principalmente come rivestimento impermeabile delle superfici orizzontali e verticali, è un materiale ecologico e riciclabile: due caratteristiche che rendono il suo utilizzo sostenibile e rispettoso dell’ambiente. Andiamo quindi a scoprire insieme quali sono i suoi impieghi, la sua storia, e i vantaggi che è in grado di assicurare.

– Caratteristiche e vantaggi del cocciopesto

Il cocciopesto è un materiale che si ottiene dal mescolamento di frammenti di laterizi, come ad esempio tegole e mattoni, con malta fine a base di calce aerea. Noto per la sua grande versatilità e i numerosi impieghi per i quali è possibile sfruttarlo, è un materiale enormemente vantaggioso, in quanto:

  • è biologico e riciclabile;
  • presenta una bassa permeabilità all’acqua;
  • resiste efficacemente all’usura del tempo e degli agenti atmosferici;
  • è leggero e traspirante;
  • sopporta spessori importanti senza rischiare di rompersi.

Queste caratteristiche del materiale, forti anche della sua estetica decisamente accattivante, hanno reso i pavimenti in cocciopesto particolarmente richiesti, sebbene questa non rappresenti certo la sua unica destinazione d’uso. L’idea di sfruttare il cocciopesto per esterni, infatti, non è niente nuova ma, al contrario, affondale le proprie radici già nell’antichità.

pavimenti in cocciopesto

– Storia del cocciopesto

La storia del cocciopesto inizia già all’epoca dei Fenici e degli Etruschi, sebbene i suoi primi utilizzi siano da far risalire ai Romani. Furono loro, infatti, i primi a cogliere l’elevato grado d’impermeabilità del materiale, che venne dapprima utilizzato come rivestimento dei condotti degli acquedotti.

Nel giro di breve tempo, tuttavia, il cocciopesto si conquistò un posto d’onore come rivestimento dei pavimenti stradali: in quel periodo veniva chiamato “opus signanum”, ossia “opera di Signa”, dal nome della città in cui veniva prodotto.

A partire dal Medioevo, e proseguendo poi nel Rinascimento, il cocciopesto divenne anche la base delle pavimentazioni in mosaico, proprio per via della sua naturale colorazione rossa, che gli conferiva un’estetica particolarmente gradevole.

– Pavimento in cocciopesto e non solo: tutti gli impieghi di questo materiale

Per quanto il pavimento in cocciopesto rappresenti la destinazione d’uso principale di questo materiale, non significa certo che sia l’unica. Proprio in virtù della sua grande versatilità è infatti possibile trovare il cocciopesto in un gran numero di campi e settori, tra i quali figura ovviamente anche quello dell’interior design.

Oltre a sfruttare il cocciopesto come rivestimento del pavimento, il settore dell’arredamento lo utilizza anche in qualità d’intonaco murale e, in generale, per il rivestimento delle pareti. La sua ottima impermeabilità, del resto, lo rende una scelta particolarmente azzeccata per quelle del bagno e della cucina.

pareti cocciopesto

Ma non solo. Alcuni dei suoi impieghi più recenti vedono il cocciopesto come uno dei materiali prediletti per la realizzazione dei top di cucina e bagno e perfino dei sanitari! Del resto, la sua gradevole colorazione rossastra gli permette di creare un’atmosfera piacevolmente calda e accogliente, arricchendo l’ambiente con un originale tocco di eleganza rustica.

cocciopesto in bagno

– Consigli finali per concludere

Nel caso in cui tu abbia intenzione di dotarti di un pavimento in cocciopesto, sappi che la sua manutenzione sarà abbastanza semplice, ma dovrai necessariamente eseguirla con l’ausilio di prodotti specifici. L’ideale sarebbe infatti quello d’impiegare olio paglierino o di lino, sia cotto che crudo.

Queste sostanze risultano infatti ottimali per la pulizia dei pavimenti realizzati con questo materiale e, in alcuni casi, possono anche essere sostituiti dalla cera in pasta. Periodicamente, tuttavia, potresti anche necessitare di una lucidatura della superficie: un compito che dev’essere necessariamente affidato a una ditta specializzata.

Per tutto il resto, invece, puoi tranquillamente agire in fai da te, a testimonianza del fatto che tra i numerosi vantaggi del cocciopesto figura anche una manutenzione facile e veloce.

Scarica la guida gratuita di Abitativo®

Eliana Tagliabue