Se hai la fortuna di possedere un bel giardino, dovresti curarne tutti i dettagli, assicurandoti di dotarlo di un pavimento facilmente percorribile e bello da vedere. Del resto, la pavimentazione del giardino rappresenta una vera e propria arte, che prevede di tenere in considerazione numerose variabili: dai materiali di rivestimento allo stile. Nel nostro articolo esamineremo nel dettaglio tutti questi elementi, aiutandoti a individuare le soluzioni più idonee al pavimento del tuo giardino.

L’arte della pavimentazione del giardino

Sia che tu voglia installare una nuova pavimentazione, sia nel caso in cui tu preferisca rinnovare il pavimento senza sostituirlo, la scelta del materiale che userai è a dir poco cruciale. Il rivestimento influisce infatti tanto sull’estetica quanto sulla funzionalità del pavimento, motivo per cui è doveroso sceglierlo con la massima attenzione.

Alcuni materiali, per esempio, si integrano meglio con il paesaggio naturale o con l’architettura generale del giardino. I pavimenti in legno e quelli in pietra, a tal proposito, possono contribuire a creare un’atmosfera rustica e naturale, mentre i rivestimenti in cemento e quelli con le piastrelle possono offrire un aspetto più moderno e sofisticato.

pavimentazione giardino materiali

I materiali variano inoltre per colore e texture, influenzando l’estetica e la resa finale. Materiali chiari possono infatti rendere lo spazio più ampio e luminoso, mentre quelli scuri tendono a creare un senso di intimità e calore.

Ma l’estetica non rappresenta certo l’unico parametro da tenere in considerazione. La pavimentazione del giardino, infatti, dovrebbe essere tanto bella quanto funzionale, motivo per cui vi sono alcuni aspetti che dovresti sempre tenere presente nella scelta del materiale, che riguardano:

  • durabilità e resistenza alle intemperie;
  • sicurezza e comfort nel calpestio;
  • capacità di drenaggio.

Oltre a questi fattori, sarebbe bene tenere in considerazione anche la sostenibilità del materiale, così da ridurre l’impronta ecologica del giardino. Materiali riciclati, rinnovabili o estratti localmente potrebbero dunque rappresentare una buona soluzione.

Tipologie di rivestimenti per il giardino

Quando devi scegliere il materiale per il pavimento del giardino, sei libero di sfruttare anche i rivestimenti artificiali. I pavimenti in SPC (Stone Polymer Composite), per esempio, vengono usati spesso anche per le aree esterne: peccato solo che si tratti di un materiale nient’affatto sostenibile. Il nostro consiglio, pertanto, è quello di orientarti verso soluzioni più ecologiche e decisamente più belle da vedere, come ad esempio:

  • pietra naturale;
  • decking in legno;
  • piastrelle in ceramica.

Una pavimentazione del giardino in pietra naturale è perfetta per il vialetto. La sua estetica unica e dalla texture versatile la rende infatti la soluzione ideale se punti a un rivestimento in grado d’integrarsi con la natura circostante, offrendoti allo stesso tempo un camminamento sicuro e confortevole.

Oltre a questo, il pavimento in pietra ti garantisce anche una notevole resistenza agli agenti atmosferici e, in caso di danno, puoi tranquillamente ripararlo senza doverlo posare da capo.

pavimentazione del giardino in pietra

In alternativa o in aggiunta alla pavimentazione per il giardino in pietra, puoi considerare la possibilità di un decking in legno: una soluzione che infonde un senso di calore e accoglienza, nonostante richieda una discreta manutenzione per preservarne l’estetica. A necessitare di cure più leggere, invece, sono i pavimenti a effetto legno che, rispetto a quelli in legno naturale, non sono in grado di offrire la stessa piacevole sensazione quando li si calpesta a piedi nudi.

pavimentazione del giardino in legno

Per finire, una soluzione un po’ più audace (ma dall’estetica bellissima!) prevede d’installare un pavimento di piastrelle di ceramica. Il consiglio, in questo caso, è quello di scegliere quelle resistenti al gelo, così da renderle immuni agli sbalzi climatici, posandole al contempo in zone non soggette a un eccessivo calpestio che, alla lunga, potrebbe danneggiarle.

pavimentazione del giardino in piastrelle

Focus su budget, manutenzione e durabilità

Per quanto concentrarsi sull’estetica e la resa finale di un materiale sia indubbiamente appagante, se punti a una pavimentazione del giardino in grado di soddisfarti sotto tutti gli aspetti, dovrai necessariamente tenere presente anche le questioni tecniche. Tali questioni, in particolare, riguardano tre fattori d’importanza cruciale:

  • il budget di cui disponi;
  • la futura manutenzione del pavimento;
  • la sua durabilità nel tempo.

Per quanto riguarda il primo fattore, ossia il budget che intendi stanziare per il lavoro di pavimentazione, ciò che conta è il sapere con precisione cosa può contribuire a farlo lievitare.

Se, infatti, è vero che ci sono materiali più costosi di altri (come ad esempio il legno e la pietra naturale), è altrettanto assodato che la dimensione della superficie da pavimentare può letteralmente ribaltare le carte in tavola.

Tradotto: se il tuo obiettivo è quello di pavimentare in legno una piccola zona del giardino, potrebbe costarti molto meno rispetto a un lavoro che prevede sì l’impiego di materiali meno pregiati, ma posati su una superficie più ampia. Per non parlare poi degli inevitabili costi della manodopera.

pavimentazione in giardino operai

In aggiunta a tali considerazioni, dovresti poi dedicare un pensiero anche alla futura manutenzione del pavimento. Come dovresti ormai aver capito, infatti, alcuni materiali richiedono molte più cure rispetto ad altri: cure che possono necessitare, per esempio, di oli e cere da stendere sul pavimento con cadenza regolare, e che dovranno quindi essere acquistati tutte le volte che ti serviranno.

In ultimo, così come ci sono materiali forti e duraturi, ve ne sono altri un po’ più delicati. Prima di prendere la tua decisione finale, pertanto, pensa a come userai la pavimentazione del giardino: a dove verrà collocata e a quanto verrà calpestata, regolandoti di conseguenza.

Per conciliare tutte queste esigenze, pertanto, il consiglio è quello di affidarti a un’azienda di professionisti qualificati, stabilendo insieme a loro ogni singola fase del lavoro: dalla scelta del materiale al budget definitivo. Se sei indeciso, puoi sempre richiedere più preventivi a varie ditte, orientandoti verso quello che ti convince di più.

Conclusione: tendenze attuali e innovazioni nella pavimentazione del giardino

Pavimentare il giardino significa anche tenere conto delle innovazioni e delle tendenze attuali, molte delle quali non sono altro che il riflesso degli ideali che permeano la società in cui viviamo, sostenibilità in primis. E cosa c’è di più sostenibile se non un pavimento drenante in grado di far defluire l’acqua piovana?

Questo tipo di pavimentazione ti aiuta infatti a controllare il deflusso superficiale delle acque, riducendo il rischio di inondazioni e contribuendo a ricaricare le falde acquifere. Oltre a questo, rappresenta anche una soluzione ecologica per la gestione delle acque piovane, in quanto riduce il bisogno di sistemi di drenaggio convenzionali. Limitando il flusso superficiale dell’acqua, inoltre, il pavimento drenante può aiutare a prevenire l’erosione del suolo in giardino e nelle aree circostanti.

pavimentazione del giardino drenante

In aggiunta o in alternativa al pavimento drenante, puoi considerare l’adozione di una pavimentazione realizzata con materiali riciclati o riciclabili, nonché il più possibile a chilometro zero. Punta a rivolgerti ad aziende che lavorano in modo sostenibile e, nel caso in cui tu abbia deciso per una pavimentazione in legno, assicurati che provenga da foreste certificate e coltivate in maniera responsabile.

Buona pratiche di questo tipo possono davvero fare la differenza tra una pavimentazione ecologica e rispettosa dell’ambiente e una destinata a impattare in modo negativo. Come sempre, la decisione finale spetta a te, ma sappi che per fare una scelta etica basta davvero poco, a fronte però di una marea di soddisfazioni.

Eliana Tagliabue