Mentre fino a qualche tempo fa i proiettori erano oggetti utilizzati quasi esclusivamente in ambito lavorativo e scolastico, per realizzare proiezioni di lezioni, conferenze, video o filmati, rivolte ad un pubblico piuttosto ampio,  oggi, non è infrequente che si ricorra all’acquisto di un proiettore full HD per un utilizzo prettamente personale e domestico, in modo da potersi creare il proprio impianto home theatre ad hoc e godere della visione di un bel film come se si fosse al cinema, ma comodamente seduti sul proprio divano.

I proiettori attualmente in commercio, però, sono tantissimi ed il problema non è solo quello di avere l’imbarazzo della scelta: non tutti, infatti, si prestano al medesimo utilizzo ed anche tra prodotti che appartengono alla stessa categoria bisogna saper distinguere sulla base delle specifiche tecniche e sempre in relazione alle proprie esigenze e al luogo in cui si pensa di utilizzare il proiettore.

Vediamo dunque di capire come fare a scegliere il modello perfetto, a quali fattori è bene prestare maggior attenzione e quali sono i migliori proiettori attualmente in commercio.

5
iOCHOW IO4 Mini Proiettore
4.8
Benq MS524 DMD/DLP
4.6
Epson EH-TW5350 LCD

Un proietttore per ogni utilizzo

La primissima considerazione da fare, ancor prima di mettersi alla ricerca del proiettore che fa al caso vostro, riguarda l’utilizzo che di questo oggetto intendete farne.

Perché a seconda del motivo che vi spinge ad acquistarlo dovrete orientarvi verso prodotti con determinate caratteristiche tecniche, escludendone invece altri a priori, che pur essendo ottimi proiettori, magari non sono l’ideale per i vostri scopi.

In particolar modo bisogna distinguere tra proiettori perfetti per un utilizzo didattico e lavorativo, che possono servire anche per la visione di brevi filmati, ma che generalmente vengono impiegati per mostrare, slides, presentazioni in power point, o per vedere fotografie e quelli invece destinati alla visione dei film, che accoppiati ad un adeguato impianto audio consentono di costruirsi in casa il proprio personale spazio cinema. Noi in questa guida concentriamo la nostra attenzione proprio su quei modelli di proiettore Full HD, che sono quelli più utilizzati, specie in accoppiamento a sistemi audio home theatre 5.1.

In generale comunque sono il contrasto e la luminosità che fungono da discriminante primaria e vi permettono di capire per che genere di utilizzo è stato pensato un dato proiettore.

La luminosità

La luminosità è un parametro fondamentale da valutare nella scelta del proiettore e di fatto determina quanto sarà visibile e nitida l’immagine proiettata, specie qualora ci si trovi in presenza di luce ambientale naturale.

La luminosità di un proiettore, è quella emessa dal fascio di luce proveniente dalla lampada presente all’interno dello strumento e si misura in lumen (lm): una minor luminosità farà apparire immagini più fioche, specie se proiettate in un ambiente non completamente buio, ma che risulta anche solo parzialmente illuminato.

Al contempo però con una luminosità inferiore la resa, al buio completo, a livello di definizione è migliore. Bisogna dunque capire dove si pensa di collocare il proiettore ed in che condizioni di luce si intende impiegarlo. I film in genere, come al cinema, si guardano al buio o quasi, mentre se si utilizza il proiettore anche per giocare con video games almeno un pó di luce è necessaria, mentre per conferenze o proiezioni di lezioni è bene che in sala vi sia abbastanza luce da poter anche scrivere e prendere appunti.

In generale, dunque, per i proiettori si individuano tre diverse fasce di luminosità:

  • I proiettori da home theater, che per la visione richiedono un ambiente completamente buio, sono caratterizzati da valori di luminosità di 1500-2500 lm;
  • I proiettori per un utilizzo generico, che richiedono un ambiente comunque parzialmente oscurato hanno una luminosità compresa tra i 2500 ed i 4000 lm:
  • Mentre i proiettori da ufficio, che si devono vedere bene anche in ambienti illuminati sono caratterizzati da una luminosità maggiore, dai 4000 lm in sù.

La luminosità incide anche sulle dimensioni effettive dell’immagine proiettata, ma questo argomento lo affronteremo tra poco.

Il contrasto

In genere un proiettore con maggior luminosità implica una resa dell’immagine più scadente.

In particolar modo avere un proiettore molto luminoso comporta perdite a livello di contrasto: la gamma dei colori risulterà più limitata e potrete notare un minore senso di profondità delle immagini rispetto ad un proiettore meno luminoso.

La motivazione tecnica è piuttosto semplice: più luce emette la lampada del proiettore e più è difficile riuscire a conservare le zone scure delle immagini.
La differenza è facilmente percepibile soprattutto durante la visione dei film. Per questa ragione, i proiettori destinati agli impianti home theater sono dotati di una bassa luminosità e, per una resa ottimale, hanno bisogno di un ambiente completamente buio.

Normalmente, anche per ciò che concerne i valori tipici del contrasto si distinguono tre categorie di proiettori, che si identificano con uno specifico utilizzo:

  • I proiettori da home theater di alta fascia arrivano ad un contrasto pari a 600000:1
  • I proiettori per home theater più versatili e perfetti anche per un uso più generico hanno un contrasto tipicamente da 50000:1
  • Mentre i proiettori generici ed adatti ad un uso lavorativo si aggirano attorno a valori di contrasto pari a 10000-25000:1.

È bene però che teniate presente che le lampade dei proiettori, ad esclusione di quelli che utilizzano la tecnologia LED, hanno una durata di vita massima (espressa in ore di utilizzo), oltre la quale vanno sostituite e la loro luminosità va via via diminuendo con l’uso.

In via del tutto generale la longevità di una lampada può andare dalle 3000 alle 10000 ore, ma dipende anche della modalità con cui si utilizza il proiettore.

La qualità delle immagini proiettate

Una volta che avrete deciso per quale tipo di proiettore desiderate orientarvi, la seconda cosa da valutare riguarda la qualità dell’immagine proiettata. Fondamentalmente sono due i fattori che incidono su questo parametro: la risoluzione supportata dal proiettore e le dimensioni minime e massime dell’immagine proiettata sullo schermo.

La risoluzione

Normalmente la risoluzione di un proiettore è pari a quella dei monitor per pc.

I modelli più performanti, dai prezzi inaccessibili ai più possono arribare ad una risoluzione Ultra HD (pari a 3840 × 2160 p), ma oggi sono davvero pochissimi i modelli capaci di garantire queste performance e dovranno trascorrere ancora diversi anni prima che questa risoluzione diventi uno standard di mercato.
Sono sempre più numerosi invece i proiettori appositamente pensati per l’home theatre e capaci di supportare la risoluzione Full HD, pari a 1920 x 1080 p, cosi come ancor più numerosi sono i modelli HD, pari a 1280 x 720 p.

Chiaramente se siete alla ricerca di un proiettore che vi consenta di vedere film bisognerà che puntiate a modelli Full HD a più alta risoluzione, mentre per un utilizzo didattico e lavorativo ci si può certamente accontentare di risoluzioni inferiori.

Le dimensioni dell’immagine sullo schermo

La dimensione dell’immagine che viene proiettata sullo schermo (o su una parete bianca)  è un’altra discriminante che influisce sulla scelta del proiettore perfetto; normalmente questa grandezza viene espressa in pollici ed altro non è che la misura della diagonale del rettangolo luminoso proiettato.

Anche la luminosità della lampada incide sulle suddette dimensioni: più luminosa è la lampada, più grande sarà  lo schermo.

In genere le dimensioni minime dell’immagine proiettata partono dai 30-40” ed in questi casi tra i modelli più luminosi e quelli meno non vi è molta differenza; il divario si accentua quando invece si parla di dimensioni massime possibili: si arriva infatti a circa 150” di diagonale ideale con i proiettori dotati di lampada più debole per arrivare fino a 300” ed oltre per i modelli più luminosi.

La tecnologia di visualizzazione e qualità dell’immagine

Tra i parametri principali da tenere in considerazione nella scelta del miglior proiettore dovete, senza ombra di dubbio, considerare anche quali sono le tecnologie impiegate dall’apparecchio che intendete acquistare, ovvero quali sono le caratteristiche che contribuiscono a far sì che l’immagine proiettata risulti ben definita e di qualità, senza tralasciare il fatto che alcuni modelli di proiettore sono  compatibili con la tecnologia 3D ed altri no e bisogna che capiate se per voi questa cosa è importante.

Oltre alla risoluzione, alla luminosità ed al contrasto, ci sono anche altre caratteristiche che possono contribuire a rendere un’immagine proiettata di buona qualità e delle quali dunque non ci si può esimere dal tenerne conto, specie se si desidera acquistare un proiettore per godere della visione di film; vediamo di analizzarle assieme ad una ad una.

La gamma di colori

Assieme al contrasto, l’ampiezza della gamma di colori che un  determinato proiettore è in grado di riprodurre ne sancisce la ricchezza di sfumature visibili. In genere tenete conto che i proiettori da home theater arrivano fino a 1,07 miliardi di colori, mentre i modelli d’uso generico spesso hanno una gamma più limitata che di arresta a 16,7 milioni di colori.

La frequenza di aggiornamento

Al pari di televisori e monitor, anche per i proiettori ci sono alcune applicazioni per le quali la frequenza di aggiornamento è molto importante, tipicamente per la resa dei film in 3D  o per giocare ai videogiochi di ultima generazione. Se decidete di comprare un proiettore proprio per questi due scopi sarà bene che vi assicuriate di optare per un modello di fascia medio-alta, che abbia una frequenza di aggiornamento fino a 144 Hz.

Correzioni dell’immagine

Spesso il rettangolo proiettato sul telo o sul muro potrebbe risultare deformato, assumendo la forma di un trapezio più o meno accentuato; questo dipende dal fatto che non sempre si riesce a collocare il proiettore in modo tale che la lente risulti perfettamente parallela alla superficie di proiezione. I migliori proiettori però prevedono la possibilità di rettificare questa deformazione verticale, regolando l’inclinazione dell’apparecchio.

3D

La terza dimensione non è ancora uno standard di mercato, pertanto se siete interessati alla visione di film in 3D, o desiderate giocare con dei video games dotati dell’opzione 3D, è bene che valutiate la compatibilità o meno del proiettore che desiderate acquistare con questo tipo di tecnolodia.

La connettività: ingressi ed uscite

Un altro fattore fondamentale da non trascurare assolutamente quando ci si accinge a scegliere quale proiettore acquistare è la quantità, la qualità  e la tipologia degli ingressi e delle uscite presenti sull’apparecchio, sia video, che audio e di rete, che generalmente sono collocati sul retro dell’apparecchio.

Ovviamente di quanti e quali accessi avrete bisogno dipende strettamente da quanti e dispositivi desiderate collegare, anche simultaneamente al vostro proiettore. Vediamo dunque brevemente di quali ingressi e uscite normalmente è dotato un buon proiettore.

Ingressi video

Ovviamente, tra tutti gli ingressi quelli di fondamentale importanza sono quelli video. Un buon proiettore dovrebbe essere in grado di ricevere il segnale da tutti i dispositivi, dai più moderni (come i lettori blu-ray) a quelli più obsoleti (come il vecchio VHS) e per assolvere a questa funzione deve essere dotato di almeno un ingresso per tipo: HDMI, a D-Sub, a S-Video, a DVI, oltre a un ingresso per il cavo coassiale.

I migliori proiettori, in special modo quelli dedicati all’home entertainment, offrono questo ventaglio di ingressi, ma con maggior ricchezza, tipicamente si può contare su almeno due ingressi HDMI ed in aggiunta almeno una porta USB.

Ingressi audio

Per quanto concerne invece l’audio a seconda del tipo di proiettore che si acquista si trova una dotazione dedicata assolutamente diversa caso per caso.

In genere i proiettori espressamente ideati per l’home theater, sono completamente sprovvisti sia di altoparlanti integrati, che di ingressi o uscite audio, proprio perché si suppone che l’audio venga affidato ad un impianto stereo a parte, surround oppure no.

Al contrario, invece, i modelli più generici o  quelli da ufficio, sono pensati per gestire anche la componente audio, per cui spesso sono direttamente equipaggiati con uno o due altoparlanti frontali, oppure con un ingresso ed anche un’uscita audio, qualora si vogliano usare delle casse esterne.

Connettività wireless

La presenza di una connessione WiFi per i proiettori non è ancora molto diffusa, soprattutto perché la trasmissione dei dati video su frequenze radio non è ancora così stabile e fluida come lo quella via cavo.

Nonostante ciò, alcuni modelli prevedono anche la possibilità di connettersi via WiFi ad un pc, ma questo, ad onor del vero, avviene soprattutto per i proiettori pensati per un utilizzo lavorativo.

Marca e prezzo di un proiettore

Come accade quasi sempre, specie quando si ha a che fare con prodotti elettronici e tecnologici, optare per un produttore piuttosto che per un altro può fare la sua differenza, non solo perché il marchio inevitabilmente influenza, almeno in parte, la qualità del prodotto ed i brand più specializzati riescono a mantenere standard più elevati; ma non è da sottovalutare neppure l’aspetto che concerne l’assistenza post-vendita, se doveste aver bisogno di riparazioni, consigli o quant’altro scegliendo un marchio leader non avrete alcuna difficoltà.

Il prezzo come sempre suddivide i prodoti in fasce: tutto dipende da cosa volete acquistare e da quel’è il budget di cui disponete, chiaramente se questo è illimitato per acquistare un proiettore Full HD da home theatre potrete arrivare a spendere anche 1000 euro o più.

In commercio però esistono modelli basici al di sotto dei 120 euro; modelli da ufficio, con prezzo compreso tra 200 e 400 euro e proiettori più versatili di fascia media, che vanno benissimo anche per la visione dei film il cui costo si aggira tra i 500 e i 700 euro.

I migliori proiettori full-hd in commercio

Benq MS524 DMD/DLP: qualità ad un prezzo contenuto

Il proiettore Benq MS524 DMD/DLP, per quanto concerne la visione dei film non è di certo, in assoluto, il più performante attualmente sul mercato, ma vanta un ottimo rapporto qualità prezzo ed è decisamente versatile, risultando perfetto sia per il tempo libero che per il lavoro.

benq.it

Questo proiettore BenQ visivamente appare piuttosto compatto, leggero e maneggevole: pesa meno di 2 kg e ha un design minimale e moderno, pertanto è comodo sia se in casa non avete una posizione fissa da dedicargli, sia qualora dobbiate portarlo in giro o in ufficio.

La combinazione tra contrasto di 13.000:1 e luminosità da 3200 ANSI Lumen consente di ottenere prestazioni elevate per quanto riguarda la qualità delle immagini e la precisione nei dettagli e lo fa indipendentemente dalle condizioni di luce ambientale. La potenza della lampada viene regolata automaticamente, grazie alla funzione LampSave, in modo tale da allungarne la durata di vita.

benq.it

Questo modello di proiettore BenQ utilizza la moderna tecnologia DLP che comporta due vantaggi: innanzitutto tiene lontani dal motore la polvere e il calore e poi può contare su specchi molto resistenti nel tempo, il che garantisce un’alta qualità delle immagini per lungo tempo, senza bisogno di dover spendere altri soldi per sostituire periodicamente il filtro antipolvere.

Per quanto riguarda la connettività, questo strumento, grazie alla presenza dell’interfaccia HDMI permette di godere dei contenuti in alta definizione; inoltre supporta supporta Blu-ray, Full HD e 3D.

benq.it

L’unica piccola pecca di questo proiettore sta nello zoom, che non sembra essere non all’altezza delle altre caratteristiche del prodotto, ma a conti fatti si tratta di un prodotto molto valido ad un prezzo competitivo e che peraltro si presta ad un utilizzo piuttosto vario.

Essenziale, ma di grande qualità, è l’ideale per chi non vuole rinunciare a nulla ma ha a disposizione un budget limitato.

Epson EH-TW5350 LCD (PSI o TFT): un Videoproiettore di fascia alta

epson.it

Il videoproiettore EH-TW5350 di Epson è un prodotto di fascia alta, che è stato appositamente ideato per l’Home Cinema, sia 3D che 2D; è un modello Full HD ad alte prestazioni, dotato dell’innovativa tecnologia 3LCD, con rapporto di contrasto elevato, per immagini più performanti che mai e per poter goder comodamente della visione di un film a casa, con la qualità del cinema.

Godrete di immagini nitide e brillanti  grazie al Full HD da 1080p e, con questo proiettore, anche le scene più buie e suggestive risulteranno ben visibili grazie ai neri intensi ed al rapporto di contrasto dinamico di 35.000:1;  senza contare la luminosità da ben 2.200 lumen e la dimensione massima dello schermo che  arriva fino a 300 pollici. Grazie al EH-TW5350 potrete godere di una vera esperienza cinematografica, con immagini nitide, neri intensi e movimenti fluidi.

epson.it

Questo videoproiettore di Epson è dotato anche di tecnologie Miracast, Wi-Fi e Wi-Fi Direct che consentono di condividere facilmente film ed immagini sul grande schermo, inviandoli da tutti i dispositivi Android tramite connessione wireless. L’app iProjection Smart consente di controllare il videoproiettore dallo smartphone, esattamente come dal telecomando e la funzione Split Screen integrata consente di proiettare contemporaneamente due immagini diverse.

epson.it

La funzionalità Plug-and-Play facilita la configurazione e l’utilizzo del dispositivo, che è dotato di una lampada a lunga durata, grazie alla quale potrete guardare un film al giorno per i prossimi 11 anni!

Grazie agli occhiali attivi, ricaricabili tramite USB, è possibile vedere film in 3D.

In sintesi questo proiettore garantisce grandi prestazioni, ma purtroppo ad un costo di certo non alla portata di tutti.

Un proiettore supercompatto: iOCHOW IO4 Mini Proiettore

amazon.it

Se siete alla ricerca di un proiettore performante, ma al contempo decisamente compatto e portatile (misura solo 13×13 cm con uno spessore minimo pari a 3,2 cm per solo un kilogrammo di peso!), che potrete addirittura facilmente infilare in borsa per portarlo sempre con voi, allora il Mini proiettore IO4 di iOCHOW potrebbe essere quello che da al caso vostro.

Bisogna ammettere che per le caratteristiche, il prezzo non è di certo dei più contenuti, ma le dimensioni ne fanno un oggetto molto utile per quanti cerchino un prodotto in grado di seguirli ovunque, anche in vacanza!

amazon.it

Queste le specifiche tecniche di prodotto: una luminosità pari a 3000 lumen; rapporto di contrasto 10000: 1; durata della lampada superiore a 20.000 ore di visione; risoluzione nativa 720p e risoluzione massima di ingresso 1080p.

Questo mini proiettore è dotato di batteria integrata ricaricabile da 7800 mAh che garantisce un’autonomia continuativa di visione pari a più di un ora e mezza.

amazon.it

Il iOCHOW IO4 ha due 2 altoparlanti integrati da 2,5 Watt e grazie al suo sistema operativo Android ed alla connettività Wi-Fi è possibile visionare filmati, foto e video condividendo i propri contenuti in modalità wireless. Tra le porte fisiche invece figurano un uscita HDMI, una porta USB e un’uscita audio da 3,5 mm.

Questo mini proiettore non è in realtà un modello Full-HD, ma è dotato della tecnologia DLP più avanzata, che rende la visione più chiara, luminosa e realistica rispetto a quanto non riescano a fare la maggior parte dei proiettore LED, anche molti di quelli Full-HD LCD. Sembra un giocattolino, ma vi consentirà di proiettare ovunque i vostri film preferiti!

Concludendo

Ora non vi resta che capire quanto siete disposti a spendere per l’acquisto di un proiettore Full HD, magari da abbinare ad un impianto stereo per godere di un home theatre degno del cinema e scegliere quello che maggiormente fa al caso vostro! Noi vi auguriamo: buona visione!

Sara Raggi

Sara Raggi

Ingegnere per tradizione di famiglia, dopo la prima laurea specialistica conseguita nel 2004 al Politecnico di Milano, ho deciso di assecondare il mio spirito creativo e diventare anche architetto. Così, da oramai più di 10 anni, il mio mestiere principale, nonché la mia passione, è proprio quello di progettare ed arredare le case. L’amore per la scrittura però mi accompagna da sempre e per questo, oramai da diverso tempo, scrivo per il web, soprattutto occupandomi di arredamento ed edilizia.
Spero dunque di riuscire a fornirvi preziosi consigli, mettendo a vostra disposizione, non solo la mia esperienza professionale, ma anche quella di mamma di due bimbi e di moglie, che ama vivere la propria casa, ogni giorno, nel migliore dei modi.
Sara Raggi

LEAVE A REPLY