Siete dei veri appassionati di cinema? Per voi la scelta dell’impianto audio/video di casa è davvero fondamentale, più importante di qualunque altra cosa?

Soprattutto adesso che siete riusciti a comprare la TV dei vostri sogni, con schermo da 55-60 pollici ad alta definizione, o che avete acquistato uno schermo con proiettore, sentite che vi manca qualcosa per immergervi realisticamente nella visione dei film e non potete più pensare di rinunciare ad un impianto Home theatre degno di questo nome.

Fatto sta che, probabilmente, avete talmente tanto fantasticato su questo momento che, ora che è arrivato e finalmente avete deciso di creare uno spazio cinema nel salotto di casa, vi trovate impreparati ad affrontare il dilemma del momento, ovvero: quale Home Theatre è meglio acquistare?

Come fare a sceglierlo?

Vediamo dunque di venirvi in soccorso ed aiutarvi a realizzare il vostro sogno nel migliore dei modi, anche perché gli impianti home theatre attualmente in commercio sono davvero moltissimi; se da un lato è vero che non tutti sono di qualità, dall’altro non è detto che dobbiate per forza di cose svenarvi per riuscire ad acquistarne uno davvero performante.

Noi ne abbiamo scelti per voi tre, ma le alternative sono molte, l’importante è che, nella scelta, facciate attenzione a tutto ciò che ora, brevemente, vi illustreremo.

Ben presto potrete godere insieme a familiari e amici del vostro personale cinema casalingo!

4.7
Philips HTB3520G
4.5
Sony BDV-N7200W
4.5
Samsung HT-J5500

– Cos’è e come funziona un impianto Home theatre?

Si sente sempre più spesso parlare di impianti Home theatre, o Home cinema, e come si evince dal nome, chiaramente si tratta di sistemi appositamente pensati per riuscire a riprodurre dentro casa l’esperienza che solitamente si può vivere vedendo uno spettacolo a teatro o al cinema.

A grandi linee, dunque, appare chiaro a tutti a cosa possa servire un impianto di questo tipo, ma forse non tutti sanno bene di cosa si tratti davvero. Nella pratica come è fatto, di quali parti si compone e quali sono i fattori da considerate per riuscire a scegliere un buon impianto home Theatre senza che ci costi una fortuna?

Vediamo di capirlo assieme, perché la scelta non è delle più banali, ma se partite alla ricerca del modello che maggiormente fa per voi, preparati e con le idee chiare, senza dubbio riuscirete a fare un ottimo acquisto.

In generale un impianto home theatre si compone di una parte video, ovvero di una TV ad alta definizione, o in alcuni casi di un vero e proprio schermo con relativo proiettore che consente di ricreare dentro casa l’effetto cinema e di una parte audio, che è quella di cui di fatto ci occupiamo oggi, con un subwoofer ed un numero variabile di casse.

Infine, per completare le dotazioni in genere è bene disporre di un lettore di Blu-ray, meglio se 3D o uno dei nuovissimi formati 4K, che consentono di riprodurre con qualità i contenuti video e audio; inoltre può essere utile avere anche un ingresso USB o uno slot SD per poter vedere anche film e video presenti su schede, hard disk esterni e pen drive.

– Differenze tra un impianto home theatre 2.1 e uno 5.1: quale scegliere?

Iniziamo a dire che, in genere, gli impianti home theatre che attualmente si trovano in commercio si dividono in due grandi categorie: ci sono quelli denominati 2.1, che hanno in dotazione due casse e un subwoofer e quelli 5.1, che hanno invece cinque casse e un subwoofer. Queste sono le due soluzioni più frequentemente adottate, sebbene bisogna ammettere che non sono le uniche disponibili sul mercato, tanto è vero che per chi può disporre di grandi sale TV vi sono anche impianti 7.1.

Ovviamente, i sistemi 5.1, rispetto a quelli 2.1 offrono maggior coinvolgimento e realismo, poiché, potendo contare su un maggior numero di casse, queste vengono collocate sia davanti che dietro rispetto allo spettatore, e ciò consente di accrescere la sensazione di immersione nel film, dato che il suono proviene da tutte le direzioni. Di contro, chiaramente, per riuscire ad installare un impianto 5.1 c’è bisogno di poter disporre di maggiore spazio per collocare tutti i diffusori in modo adeguato e questo, in casa, non sempre è possibile.

Per questo motivo, chi ha a propria disposizione una sala TV piuttosto piccola molte volte preferisce optare per un sistema 2.1, decisamente meno voluminoso e meno costoso di uno 5.1.

In alternativa se siete in cerca di qualcosa di ancor meno ingombrante potreste orientarvi su una soundbar: alcune sono wireless ed hanno il subwoofer incorporato, pertanto risultano perfette per chi, in casa, ha davvero pochissimo spazio a disposizione, ma non per questo è disposto a rinunciare alla tecnologia!

Dolby Surround

Non è assolutamente detto che per avere un effetto davvero immersivo ed accattivante del suono sia necessario disporre di un impianto 5.1, anche un home theatre 2.1 permette un ottimo suono, inoltre tenete presente che non esistono Dolby Surround superiori ad un 2.1.

Gli home theatre da 5.1, pertanto, non sono in grado di dare un vero effetto Dolby Surround, detto ciò, il più delle volte troverete impresse, sulla confezione del vostro impianto 5.1, diciture quali Dolby Digital, o similari (ma fateci caso non leggerete mai “Dolby surround”!).

>> Scopri i migliori home theatre 2.1 su Amazon <<

Nella pratica cambia davvero poco, sia gli home theatre 2.1 che quelli 5.1 consentono un’immersione notevole nei film; i modelli 5.1. sono in grado di dare qualche effetto in più, ma normalmente lo fanno a discapito di un audio meno rifinito: la differenza però è davvero minima, percepibile solo ad un ascolto davvero attento e con orecchie fini!

In genere il fattore determinante che porta ad optare per un impianto 2.1, piuttosto che per un 5.1 sono le dimensioni e la conformazione della vostra stanza TV: se questa vi consente con agio di posizionare il subwoofer, più 2 satelliti dietro la posizione di visione e 3 davanti, allora si opta per un 5.1, che vi permetta di godere a pieno di alcuni effetti, diversamente vi conviene orientarvi su un più compatto modello 2.1 con Dolby Sourround.

– Fattori da considerare nella scelta di un impianto Home theatre

Esordiamo tranquillizzandovi: per riuscire a godere a pieno del vostro nuovo impianto video non bisogna necessariamente acquistare un Home Theater estremamente costoso.

Tutti conoscono, quanto meno di nome gli impianti Bose, che di certo sono i più cari, i più trendy e quelli con il design più ricercato.

Di fatto però, normalmente, chi si orienta su prodotti di questo tipo lo fa da un lato perché non ha alcun problema di budget e dall’altro perché, oltre alla qualità, ricerca proprio anche il nome e lo stile.

Noi oggi vogliamo invece concentrarci su quegli impianti home theatre affidabili e performanti, ma che al contempo sono in grado di garantire un ottimo rapporto qualità/prezzo e che risultino, sebbene non siano di certo la cosa più economica al mondo, quanto meno accessibili alla maggior parte degli utenti che si interessano a questa tipologia di prodotti.

Attenzione ai Watt rms e ai Watt PMPO dichiarati

Il parametro “tecnico” più importante da valutare nel momento in cui ci si accinge ad acquistare un impianto home theatre è il numero di “Watt Rms” che lo caratterizzano.

Si tratta della potenza massima erogabile dall’impianto acustico in maniera pulita, ovvero senza alcuna distorsione: se vi dicono che un dato impianto è caratterizzato da 600W Rms significa che oltre questo valore avrete una distorsione audio.

Tutt’altra cosa sono invece i PMPO, pertanto è bene far attenzione a cosa viene dichiarato dalla casa produttrice dell’home theatre che state prendendo in considerazione.

I Watt PMPO sono quelli “limite”, ovvero quelli che un dato impianto è in grado di sopportare prima di spaccarsi.

Se viene dichiarato un valore di 600Watt PMPO, tenete presente che non si tratta, come prima, di 600 Watt puliti, ma che il vostro impianto erogherà la maggior parte di questi Watt in distorsione ed andando oltre tale valore rischierete seriamente di rompere il vostro diffusore audio.

Dato che non è in alcun modo possibile calcolare quanti Watt Rms sono presenti in un impianto per il quale viene fornito il valore dei Watt PMPO, quando si acquista un sistema home theatre è fondamentale conoscere quanti Watt Rms sono erogabili, il valore dei PMPO passa un po’ in secondo piano.

Gli impianti home theatre di buona qualità sono quelli caratterizzati da alti valori di Watt Rms, poiché sono in grado di assicurare potenza e pulizia del suono e possono essere utilizzati anche ad alto volume, sempre che i vostri vicini di casa non abbiano a che ridire!

L’importanza dei cavi

Un fattore a cui generalmente si presta meno attenzione riguarda la qualità dei cavi deputati a “trasportare” il segnale audio dalla sorgente (ovvero solitamente dal lettore DVD o Blu-ray) fino all’amplificatore e poi da lì alle casse dell’home theatre.

Non commettete la leggerezza di pensare che un cavo sia solo un filo!

Migliore è la qualità dei cavi, migliore sarà la resa sonora dell’impianto, specie se si parla di sistemi di qualità elevata.

Il più delle volte assieme all’impianto home theatre vengono forniti anche i cavi in dotazione; non sempre, ma sappiate che in alcuni casi è meglio sostituirli con altri più performanti!

In genere i migliori marchi propongono prodotti di livello anche per ciò che concerne i cavi, al contrario se optate per sistemi più economici, sappiate che è più facile che risparmino sulla qualità dei collegamenti. Per questo se decidete che è il caso di sostituire i cavi in dotazione ricordatevi di prendere con cura tutte le misure necessarie tenendovi sempre un margine di una cinquantina di centimetri, così che i fili non risultino mai troppo tesi.

– Come posizionare correttamente un impianto home theatre 5.1

Ovviamente un buon impianto Home Theatre può definirsi tale quando la sua qualità è alta, sia per ciò che concerne la definizione che la potenza del suono. Detto ciò non bisogna dimenticarsi che nella visione e nell’ascolto, molto dipende anche dalla sorgente audio/video, ovvero dalla qualità del file d’origine che state riproducendo.

In un impianto home theatre 5.1, però, per riuscire a godere a pieno e nel miglior dei modi dei vari effetti audio, è importantissimo anche il posizionamento delle singole casse: non vanificate l’acquisto di un prodotto eccellente con un cattivo posizionamento, perché questo vi penalizzerà in maniera piuttosto pesante!

Un impianto Home Theatre 5.1 è composto da 5 casse audio, altrimenti dette satelliti, delle quali tre sono pensate per essere collocate frontalmente rispetto alla posizione d’ascolto, mentre le altre due vanno collocate ai lati o posteriormente.

In genere la cassa centrale va posizionata sotto il televisore o appoggiata appena sopra, l’importante è che sia centrale rispetto alla posizione d’ascolto, mentre le casse frontali laterali, vanno messe ai lati destro e sinistro della TV, rivolte verso il pubblico, ma mai troppo lontane dalla TV, altrimenti potreste avere un effetto di distacco tra quello che vedete e quello che sentite.

Il subwoofer invece, che di fatto è il pezzo forte dell’impianto, perché è quello deputato a trasmettere le frequenze più basse, ovvero quelle che regalano il massimo della suspance nei colpi di scena o negli effetti sonori, andrebbe sempre posizionato davanti all’ascoltatore, ma se possibile vicino ad una parete della stanza, così da trasmettere il suono in tutta la stanza nella maniera più uniforme possibile.

Mentre un tempo non era così oramai i subwoofer di oggi sono tutti schermati, qualora però il vostro non lo fosse, per evitare interferenze con le casse audio o con la TV, posizionatelo distante da esse.

– I migliori impianti Home Theatre con un buon rapporto qualità/prezzo

* Sony BDV-N7200W

Offerta
Sony BDV-N7200W Sistema Home Theatre 3D,...
39 Reviews
Sony BDV-N7200W Sistema Home Theatre 3D,...
  • Potenza in uscita (RMS): 1200 W
  • Sistemi file supportati: FAT32, NTFS
  • Bande del sintonizzatore: AM, FM
  • Formato audio integrato: Dolby Digital, Dolby...
  • Compatibilità 3D

Tra i tre impianti home theatre 5.1 che oggi vi presentiamo, il Sony BDV-N7200W è quello con un’uscita audio maggiore, da ben 1200 Watt Rms, che vi consente di disporre di un potente audio surround cinematografico ad alta risoluzione, perfetto anche grazie ai magnetic fluid speaker.

Con questo impianto home theatre, grazie alla modalità Live Football potrete vedere le partite di calcio assieme agli amici, comodamente seduti sul divano di casa, ma sentendovi come se foste allo stadio, grazie al suono che viene regolato in modo da poter sentire chiaramente il ruggito della folla.

Se invece siete amanti della musica, potrete assistere ai concerti, come se si trattasse di un live, grazie alla modalità Digital Music Arena, che ricrea a casa vostra l’acustica tipica della O2 London Arena.

Grazie al Wi-Fi integrato è possibile riprodurre direttamente in streaming da Internet o dalla rete wireless domestica e connettersi agli altri dispositivi certificati DLNA, anche grazie alla tecnologia Bluetooth che di certo semplifica le connessioni wireless.

Inoltre se installate sul vostro smartphone l’app SongPal di Sony potrete gestire tramite essa la riproduzione di musica e file audio.

Il lettore Blu-ray Disc 3D incluso in questo sistema Home Theatre garantisce anche la massima qualità delle immagini.

Il prezzo di questo sistema è un po’ superiore a quello degli altri due prodotti proposti, ma le performance sono di tutto riguardo ed in ottica costo/qualità rappresenta un’ottima scelta.

* Philips HTB3520G Home Theater 5.1

Philips HTB3520G Sistema Home Theater...
11 Reviews
Philips HTB3520G Sistema Home Theater...
  • La potenza di 1000 W RMS consente di riprodurre...
  • Blu-ray 3D Full HD per film 3D veramente...
  • Streaming in modalità wireless tramite Bluetooth...
  • Altoparlanti wireless posteriori opzionali per...
  • Design moderno in armonia con l'arredamento della...

Con il sistema HTB3520G home theatre 5.1 di Philips potrete disporre di un potente audio surround cinematografico da 1000 Watt Rms. Grazie alle opzioni Dolby TrueHD e DTS-HD Master Audio Essential, viene riprodotto un audio perfetto ad alta fedeltà, quasi identico a quello di uno studio di registrazione, così che possiate ascoltare l’essenza del suono esattamente come è stato creato all’origine.

Per ciò che concerne il video, se disponete di un Televisore 3D Full HD, grazie al lettore Blu-ray 3D Full HD integrato in questo sistema e con l’utilizzo di appositi occhiali, potrete godervi con il vostro sistema Home Cinema la visione super realistica di un film in 3D di alta qualità.

philips.it

Il DivX Plus HD sul lettore Blu-ray, offre le più recenti tecnologie pensate proprio per il formato DivX, così che potrete vedere senza problemi anche tutti film ed i filmati HD direttamente da Internet.

Si possono poi collegare al sistema Home Cinema Philips vari dispositivi audio, sia iPod, che iPhone, iPad, lettori MP3 o laptop, grazie al jack Music iLink così sarete in grado di ascoltare la vostra musica preferita con una qualità sonora superiore.

Senza contare che, grazie alla tecnologia NFC (Near Field Communications) one-touch, potete associare facilmente tutti I vostri dispositive tramite Bluetooth: in questo modo sarà sufficiente che tocchiate lo smartphone o il tablet abilitato NFC sull’area di un altoparlante per accenderlo e far partire lo streaming musicale.

* Samsung HT-J5500

Samsung HT-J5500 Sistema Home...
55 Reviews
Samsung HT-J5500 Sistema Home...
  • Tipi di dischi compatibili: 3D Blu-ray, Blu-ray...
  • 1000w
  • Servizio di rete intelligente BBC iPlayer,...
  • Blu-ray 3D
  • Bluetooth Streaming / Wifi

Anche grazie al sistema HT-J5500 home theatre 5.1 di Samsung potrete disporre di un potente audio surround cinematografico da 1000 Watt Rms.

samsung.com

Grazie al full HD 3D, il vostro divertimento domestico sarà più intenso, realistico ed entusiasmante. Anche in questo caso, poi, grazie alla connessione internet potrete scoprire un mondo intero di app dedicate, con il rinnovato Store Opera TV avrete infatti a disposizione oltre 250 App tra cui scegliere.

Peraltro I BDP Samsung sono dotati di Accesso wireless con funzionalità di condivisione dei contenuti DLNA, in questo modo il collegamento alla rete è molto veloce e più stabile.

Non ci sono altre funzioni particolari da segnalare, ma si tratta di un impianto che vanta un ottimo rapporto qualità prezzo pertanto ci sentiamo di segnalarlo.

– Concludendo

Ora che gli impianti home theatre per voi non hanno più segreti e tutto vi è più chiaro non vi resta che mettervi in cerca del modello che maggiormente fa al caso vostro, per godervi una visione, e soprattutto un audio, senza eguali, all’altezza di quelli di una sala cinematografica, ma con la comodità di poter stare seduti sul vostro divano!

Sara Raggi

Sara Raggi

Ingegnere per tradizione di famiglia, dopo la prima laurea specialistica conseguita nel 2004 al Politecnico di Milano, ho deciso di assecondare il mio spirito creativo e diventare anche architetto. Così, da oramai più di 10 anni, il mio mestiere principale, nonché la mia passione, è proprio quello di progettare ed arredare le case. L’amore per la scrittura però mi accompagna da sempre e per questo, oramai da diverso tempo, scrivo per il web, soprattutto occupandomi di arredamento ed edilizia.
Sara Raggi

I dati dei prodotti Amazon.it (es: prezzo e disponibilità) sono stati aggiornati il 2018-05-30 / Link affiliazioni / Immagini prelevate attraverso API Amazon

LEAVE A REPLY

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.