Scegliere il materiale per il top del bagno non è mai un’impresa facile. Data la molteplicità di soluzioni offerte dal mercato, stabilire quale sia la migliore per il piano del proprio bagno può risultare molto difficile, a maggior ragione se non si possiedono le conoscenze adeguate.

Questo è il motivo per cui abbiamo voluto dedicare una guida all’argomento, realizzando una vera e propria “top 5” di quelli che riteniamo essere i materiali più idonei per il piano del bagno. E, alla fine, sarai tu a stabilire quale di queste soluzioni si presta meglio alle tue esigenze!

– Gres: il connubio perfetto tra estetica e resistenza

Sempre più apprezzato e richiesto, il gres è uno dei materiali maggiormente impiegati per i piani dei lavabi del bagno. Presenta un’estetica molto diversificata, motivo per cui la sua superficie può essere sia lucida che satinata, mantenendo inalterata la proverbiale resistenza che la caratterizza.

Il gres è infatti uno dei materiali più robusti che si possano trovare: noto per la sua longevità, è in grado di resistere efficacemente all’acqua, all’umidità e alla muffa, il che lo rende anche estremamente igienico. Lo svantaggio, tuttavia, è che non è ripristinabile nel caso in cui dovesse danneggiarsi e, rispetto ad altre soluzioni, è leggermente più costoso.

materiali top bagno gres

– Marmo: per un top all’insegna dell’eleganza

Tra tutti i materiali per il bagno, il marmo è sicuramente quello più elegante in assoluto. Usato sin dall’antichità, è in grado di conferire all’ambiente un tocco di charme e raffinatezza, valorizzando enormemente l’estetica generale della stanza. E questo è proprio il motivo per cui viene così tanto richiesto.

Alla sua grande bellezza, tuttavia, corrisponde una scarsa resistenza ai graffi e all’usura. Per quanto sia indubbiamente robusto, infatti, il marmo si scheggia con grande facilità, non è impermeabile come il gres e necessita di cure e attenzioni costanti, per non parlare poi del suo prezzo elevato. In conclusione: non è un materiale adatto a tutti.

marmo

– Quarzo: bellezza e praticità

Il quarzo è un altro materiale particolarmente apprezzato per rivestire il piano del bagno. Presenta una superficie piacevolmente liscia e priva di giunture, in grado di mantenere inalterata la propria estetica nonostante l’utilizzo quotidiano.

Oltre a questo, è un materiale igienico e resistente, in grado di contrastare efficacemente l’azione di macchie, graffi e liquidi. Di contro, tuttavia, è molto sensibile agli agenti acidi, che alla lunga potrebbero danneggiarlo. Ciò significa che occorre prestare grande attenzione nella sua pulizia, utilizzando detergenti naturali o espressamente pensati per la manutenzione del quarzo.

quarzo

– Resina: una soluzione moderna

La resina è un materiale che si è affermato di recente, conquistando immediatamente un posto di tutto rispetto tra i materiali per il top del bagno. Esteticamente, presenta anch’essa una superficie piacevolmente liscia e continua, priva di fughe e/o punti di giunzione. Ma la caratteristica che ha contribuito a renderla famosa è stata senz’altro la sua proverbiale resistenza.

Sottoposto a diverse prove, questo rivestimento ha infatti dimostrato di resistere efficacemente a svariati prodotti chimici, molti dei quali usati regolarmente in bagno. Oltretutto non s’ingiallisce con il passare del tempo, mantenendo la propria estetica perfettamente inalterata. Gli unici difetti riscontrati riguardano invece l’usura da graffi e urti che, alla lunga, potrebbero danneggiare il materiale.

resina

– Legno: per una resa 100% naturale

Se ami i materiali naturali, in grado di creare un’atmosfera intima e accogliente, allora il legno massello è esattamente la soluzione che fa per te. La sua bellissima estetica, pari soltanto a quella del marmo, si presta a innumerevoli forme di personalizzazione, sposandosi con qualsiasi colore e accostamento.

Quando viene usato come rivestimento per il top del bagno, il legno viene sottoposto a uno speciale trattamento di impermeabilizzazione, così da renderlo adeguatamente resistente all’acqua. A parte questo dettaglio, tuttavia, per il resto si conferma essere un materiale molto sensibile, che si scheggia con facilità e dimostra una scarsa resistenza agli agenti chimici e aggressivi.

legno

– Conclusione: come scegliere i materiali per il bagno

La top 5 di materiali che ti abbiamo presentato non è assolutamente da intendersi in ordine di preferenza. In realtà, li abbiamo elencati in maniera del tutto casuale, lasciando a te il compito di stabilire, in totale neutralità, quale rivestimento ritieni più idoneo alle tue esigenze.

Come hai potuto vedere tu stesso, si tratta di materiali in grado di assicurarti una stupenda resa estetica, sebbene alcuni di essi pecchino un po’ in resistenza e funzionalità.

Ecco perché la decisione finale, in merito a quale di essi adottare per il piano del bagno, spetta soltanto a te. Solo tu, infatti, puoi decidere se privilegiare l’estetica o la resistenza o, in alternativa, optare per una soluzione che ti offra un buon mix di entrambe.

Scarica la guida gratuita di Abitativo®

Eliana Tagliabue