C’è stato un tempo in cui il bagno era considerato una stanza di serie B, un semplice ambiente di servizio all’interno del quale si sostava pochissimo tempo. Praticità e funzionalità erano gli unici elementi a contare davvero: non c’era spazio per il design, l’aspetto estetico e la cura del dettaglio.

Oggi le cose sono diverse e il bagno è una delle stanze con più alto traffico della casa: si mette una cura extra nella sua progettazione e in tutto ciò che concerne l’arredamento. I dettagli, gli accessori e i complementi d’arredo tra i quali si può scegliere sono tantissimi. Molto dipende dallo stile dell’appartamento e dai colori che si vogliono impiegare per tinteggiare le pareti o nei pavimenti e rivestimenti.

Tra gli elementi d’arredo più importanti per un bagno c’è senza dubbio lo specchio, che ha sia compiti estetici che funzionali. Aiuta a giocare con la percezione dei volumi, riflettendo la luce naturale ma anche quella artificiale dei lampadari, in più consente di lavarsi, truccarsi e pettinarsi ogni giorno e a qualsiasi ora.

Nei modelli più all’avanguardia, peraltro, consente anche di ascoltare la radio o la musica oltre che di conoscere l’ora. Ma come scegliere lo specchio per il bagno e non sbagliare? Lo vediamo insieme in questo approfondimento.

– Shopping online e scelta dei dettagli

E’ impossibile anche solo immaginare un bagno sprovvisto di uno specchio. Ecco perché è così importante sceglierlo con cognizione di causa, sondando le proposte che si trovano anche online sui portali come Sognidicristallo.com. Completezza di informazioni e rapidità di consultazione hanno consentito allo shopping digitale di prendere il largo in moltissimi settori, arredamento in testa.

Lo specchio spesso viene percepito come un dettaglio di secondo piano: niente di più sbagliato, visto che valorizza mobili e piastrelle oltre a ingrandire la stanza e illuminare la zona lavabo.

consigli per scegliere specchio bagno

– Dimensioni, forma e diffusione della luce

Per prima cosa si dovranno scegliere le dimensioni, che non sempre sono collegate alla grandezza della stanza in sé o del mobile da bagno. Soluzioni asimmetriche, multiple o XXL vengono scelte con una certa ricorrenza. In un bagno piccolo spesso si sceglie di inserire uno specchio molto grande, in modo ridurre la sensazione di ambiente angusto.

Si possono inserire anche specchi realizzati su misura oppure pensili provvisti di specchio per risparmiare qualche centimetro (mobiletti con ante specchiate). Quanto alle forme, oltre a quelle classiche tonde oppure ovali si fanno strada gli specchi esagonali e quelli con forme buffe e originali. La forma spesso dialoga con lo stile del mobile sottostante, oppure porsi quale elemento di rottura ed essere del tutto diversa.

Dal momento che la luce è un importante elemento d’arredo, sarà importante abbinare allo specchio da bagno la giusta illuminazione (lampadari, lampade a terra o faretti Led).

La luce potrà essere inoltre integrata nello specchio, l’importante è che la luce diffusa sia il più possibile naturale per rendere gradevoli le operazioni di routine all’interno del bagno, specie al mattino e alla sera. Per un’esperienza emozionale, si potranno anche scegliere specchiere retroilluminate, molto belle e scenografiche.

Infine, un ultimo consiglio riguarda la presenza o meno della cornice intorno allo specchio. Essenziale è abbinare la cornice stessa al resto dell’arredamento, imprimendo un tocco di stile che saprà rendere unico e originale l’intero contesto.