Tra tutti i lavori di bricolage, dipingere i mobili vecchi rientra senz’altro tra quelli in grado di riservare le migliori soddisfazioni. Vedere un mobile antico, magari un po’ usurato, rivivere di colpo grazie alle tue mani e all’esplosione di colore che gli hanno donato è motivo di grande emozione, a patto ovviamente di sapere come fare.

Obiettivo della nostra guida è dunque quello di svelarti i segreti della verniciatura dei mobili, illustrandoti le tecniche migliori e i risultati fantastici che ti permettono di ottenere. Pertanto, se l’idea di verniciare un mobile antico inizia a stuzzicarti, prosegui con la lettura e scopri come si fa!

– Perché dipingere i mobili vecchi?

I motivi che ti portano a verniciare i vecchi mobili sono molto vari, spaziando da quelli legati all’estetica, a quelli di natura più pratica. La pittura può infatti offrire una protezione aggiuntiva ai mobili, creando uno strato protettivo sulla loro superficie e prevedendo così i danni da usura, macchie o umidità.

D’altro canto, dipingere i mobili vecchi rappresenta anche una vera e propria opera di restauro volta a riportarli all’antico splendore o, più semplicemente, può anche essere un modo di valorizzarli sotto il lato estetico, magari con l’aiuto di un nuovo e più accattivante colore.

dipingere i mobili vecchi

In aggiunta a questo, occorre poi sottolineare che il riciclare mobili antichi o usati attraverso la pittura può rappresentare anche una scelta sostenibile, che punta al recupero e alla valorizzazione di oggetti già usati, anziché acquistarne di nuovi: una soluzione oculata in grado di assicurarti un ingente risparmio.

A prescindere da quale sia il motivo che ti spinge a voler dipingere vecchi mobili in legno, è importante che tu sappia farlo nel modo giusto, individuando la tecnica che si addice meglio all’obiettivo che intendi perseguire.

– Preparazione dei mobili per la verniciatura

La preparazione di un mobile alla verniciatura è una parte importante del processo, fondamentale per ottenere un risultato di alta qualità. Per molti versi, si tratta di un procedimento non dissimile da quello usato per colorare una parete, motivo per cui potrebbe suonarti familiare. Ecco quindi i primi passi che dovresti compiere:

  • Pulizia: inizia rimuovendo polvere, sporco, grasso o qualsiasi altra contaminazione presente sulla superficie del mobile. Puoi utilizzare un panno umido o una soluzione detergente delicata, assicurandoti di asciugare bene quando avrai finito.
  • Carteggiatura: questa è una fase cruciale che ti permetterà di ottenere una superficie perfettamente liscia e uniforme. Usa carta vetrata a grana fine o media per levigarla tutta, incluse anche le zone più difficili. Dopo averlo fatto, pulisci accuratamente il mobile per rimuovere i residui di polvere.

In aggiunta a questi due step fondamentali, dovresti poi applicare una mano di primer. Il primer aiuta infatti la vernice ad aderire meglio al legno, garantendo così una finitura uniforme. Ricordati di lasciarlo asciugare bene, dopodiché è consigliabile carteggiare nuovamente per rimuovere le eventuali imperfezioni.

dipingere mobili vecchi carteggiatura

Per quanto lunghe e noiose, queste operazioni preliminari sono fondamentali se desideri ottenere un risultato realmente soddisfacente. E, dato che ne hai sicuramente compreso l’importanza, sei finalmente pronto a sapere come verniciare un mobile antico.

– Tecniche e stili di verniciatura

La prima cosa che devi fare, quando intendi pitturare i mobili vecchi, consiste ovviamente nello scegliere la vernice giusta. Per farlo, occorre valutare fattori quali le tue preferenze personali e il tipo di legno con cui è realizzato il mobile ma, in linea di massima, puoi optare per una delle seguenti tipologie di vernice:

  • Vernice a base d’acqua: questa prima tipologia risulta particolarmente apprezzata per la sua facilità d’uso, per la bassa emissione di odori e la semplicità di pulizia degli attrezzi. Sono vernici ideali per gli interni e possono essere utilizzate su una varietà di superfici, comprese quelle dei mobili in legno. Oltre a questo, rappresentano anche una scelta ecologica in virtù della loro bassa emissione di composti organici volatili (VOC).
  • Vernice a base di olio: le vernici a base di olio sono sicuramente più resistenti e durevoli rispetto a quelle a base d’acqua. Tuttavia, emettono odori forti e richiedono più tempo per asciugare. Sono adatte per mobili che saranno sottoposti a un uso intenso o inseriti in condizioni ambientali difficili.

dipingere mobili vecchi con vernici

Qualunque sia la tua scelta, non andrà comunque a influenzare le tecniche e gli stili della verniciatura, che ti offrono un’ampia gamma di possibilità, a seconda della resa finale che intendi ottenere. Andiamo quindi a scoprire insieme quali sono le soluzioni più gettonate.

Effetto bianco luminoso

La pittura bianco luminosa si ottiene applicando della vernice bianca, preferibilmente a effetto lucido. Per una corretta applicazione, dovrai seguire le regole che ti abbiamo precedentemente spiegato e, se punti a una resa davvero “lucente”, ti consigliamo di stendere una finitura in vernice trasparente, che contribuirà anche a proteggere la superficie del mobile.

Approccio multicolore classico

In alternativa, se preferisci dipingere i mobili vecchi con un tocco di colore, puoi optare per l’approccio multicolore classico, magari con l’aiuto di un rullo per pittura con serbatoio.

In questo caso, puoi decidere liberamente per una resa a tinta unita (basata cioè sulla stesura di un solo colore), o sbizzarrirti con pennellate di vari colori.

Presta solo attenzione a lasciare asciugare singolarmente i vari strati, prima di aggiungere gli altri. Un’idea particolarmente originale, se pensi di esserne in grado, potrebbe essere quella di pitturare a strisce.

dipingere mobili vecchi multicolori

L’effetto laccato moderno

Se il tuo obiettivo è quello di ridipingere un mobile bianco con effetto laccato, massimizzando così la lucentezza del colore, devi procurarti una vernice laccata di alta qualità. Per la sua applicazione, prediligi un pennello professionale o un rullo a pelo corto, prestando attenzione a evitare pennellate troppo spesse o irregolari che potrebbero creare segni visibili sulla superficie.

L’effetto anticato per un tocco rustico

Se desideri verniciare mobili antichi mantenendo inalterato il loro aspetto vintage, allora devi necessariamente optare per l’effetto anticato: un tipo di verniciatura che richiede qualche accortezza in più (a fronte però di un risultato spettacolare!).

Dopo aver steso il colore di fondo e averlo lasciato asciugare completamente, dovrai cospargere la superficie del mobile con una sostanza chiamata “crackle medium”, che è in grado di “vivacizzare” la vernice con crepe e scheggiature.

Quando il crackle sarà quasi del tutto asciutto (ma ancora appiccicoso), applica un colore di copertura per uniformare le crepe. Per finire, utilizza un raschietto per scrostare la vernice in maniera creativa, fino a ottenere l’effetto rustico che desideri.

dipingere mobili vecchi rustico

L’uso dei colori pastello

Rosa, azzurro, lilla, verde: se apprezzi le tonalità pastello, hai davvero l’imbarazzo della scelta. Il vantaggio di usarli per colorare i vecchi mobili è quello di arricchirli con un tocco di fantasia, dotandoli di un aspetto piacevolmente contemporaneo. Questo stile di pittura, del resto, rappresenta l’opposto di quello precedente ed è consigliato nel momento in cui desideri dare una “svecchiata” ai mobili che possiedi.

Bicolore e dettagli in contrasto

Un’idea particolarmente originale prevede di colorare i mobili vecchi con tonalità a contrasto, come ad esempio l’intramontabile bianco e nero. Si tratta di una tecnica molto simile a quella multicolore, che ti abbiamo precedentemente illustrato, con la differenza che i colori sono soltanto due e in netto contrasto tra loro. Va da sé, naturalmente, che non sei obbligato ad andare sul classico, ma puoi liberamente sbizzarrirti creando vivaci contrasti con tonalità molto più accese.

dipingere mobili vecchi con bicolore

– Consigli e trucchi per una verniciatura perfetta

Verniciare un mobile richiede una certa propensione per il fai da te ma, soprattutto, la conoscenza di tutti i possibili errori che potresti commettere e che andrebbero a pregiudicare la riuscita del tuo lavoro. Tra i più comuni troviamo:

  • un’insufficiente (o del tutto assente!) preparazione dello strato di fondo;
  • mescolare i vari strati prima che siano completamente asciutti;
  • scegliere le vernici sbagliate;
  • non dotarti degli attrezzi giusti.

Quest’ultimo punto è molto importante. Per ottenere una verniciatura a regola d’arte dovresti infatti dotarti sia dei rulli (per verniciare le aree più ampie), sia dei pennelli (per i dettagli).

LeoFla Rullo Pittura con Serbatoio Anti...
  • Capienza serbatoio: circa 1 litro.
  • Lunghezza massima asta: circa 70 cm.
  • Larghezza rullo: circa 15 cm.
  • L’estetica ed il colore dell’oggetto possono...
  • Questo prodotto viene con istruzioni in Inglese.

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2024-06-13 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)
Offerta
HARDY WORKING TOOLS Pennello Set...
  • Il set è composto da 3 penelli piatti strette con...
  • I pennelli sono progettati per funzionare con...
  • Le setole nel pennello sono elastiche e forniscono...
  • Il manico è dotato di un apposito foro per...
  • Il manico in legno è leggero, quindi non stancha...

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2024-06-13 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Ma non solo: per le operazioni preliminari di pulizia e carteggiatura ti serviranno stracci e carta vetrata, fondamentali per preparare adeguatamente il sottostrato.

Offerta
Anpro Kit da 40 Pezzi Carta...
  • 【40 Fogli di Carta Vetrata】Questo lotto di...
  • 【Carta di Alta Qualità】 Le carte abrasive...
  • 【Utilizzo a Secco e a Umido】La speciale...
  • 【Dimensioni regolabili】Ogni carta vetrata...
  • 【Ampiamente Utilizzata】La carta abrasiva Anpro...

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2024-06-13 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

In ultimo, una volta che il mobile sarà verniciato, dovrai necessariamente mantenerlo pulito, occupandoti di eventuali riparazioni o ritocchi quando necessario, così da preservare la verniciatura nel tempo.

– Idee e ispirazioni per dipingere i mobili vecchi

Concludiamo la nostra guida sulla verniciatura dei mobili vecchi con una vivace carrellata d’immagini, a testimonianza di quanto i risultati ottenuti possano rivelarsi davvero soddisfacenti!

dipingere i mobili

dipingere i mobili

dipingere i mobili

dipingere i mobili

Eliana Tagliabue