– Carrello da cucina in legno o acciaio? Quale scegliere e perché

Quando si deve scegliere il proprio carrello da cucina per prima cosa bisogna valutare quale tipologia possa essere più adatta alle proprie esigenze, sia per quanto riguarda lo stile, e quindi i materiali, sia le dimensioni.

Nella maggior parte dei casi, i carrelli sono realizzati in legno o in metallo, solitamente acciaio, ma sono disponibili sul mercato anche modelli in materiali plastici, così come carrelli misti, ossia che prevedono ad esempio la combinazione di metallo e vetro oppure di metallo e legno.

4.3
Foppapedretti: il modello Service
4.1
Carrello da cucina in bambù di SoBuy

Si può facilmente comprendere che la differente tipologia di materiale utilizzato incide molto anche sullo stile del carrello stesso. Questo, a sua volta, dovrebbe essere sempre realizzato in modo tale da inserirsi alla perfezione nello stile e nel contesto della cucina o della zona living in cui viene utilizzato.

Nelle cucine in stile rustico, in quelle etniche o in quelle che, indipendentemente dal genere vedono il legno come principale materiale di costruzione, risulta evidente che il carrello andrà scelto anche esso in legno.

Quello che può essere diverso, tuttavia, è il tipo di legno nonché il design. Parlare di carrello da cucina in legno non è infatti molto indicativo dello stile. Esistono infatti modelli in colore naturale, dalla struttura massiccia e caratterizzati da mensole fisse, perfetti ad esempio in grosse cucine rustiche. Si possono tuttavia trovare modelli in legno dal design slanciato, arricchiti di cassettini per garantire il massimo ordine, realizzati per cucine moderne e dinamiche.

Ancora, è possibile optare per modelli in legno colorato, da scegliere ancora una volta a seconda dello stile della cucina. Tra questi, ad esempio, i carrelli bianchi e dal design semplice e vagamente vissuto possono essere una soluzione perfetta per una cucina shabby chic. Un ambiente moderno, invece, oltre a scegliere il legno come principale costituente del carrello, può optare anche per modelli in metallo, in plastica o misti.

carrelli da cucina in metallo devono essere caratterizzati da un’elevata qualità, ossia realizzati con materiali inossidabili e in grado di resistere nel tempo, senza rovinarsi, all’ambiente particolarmente aggressivo della cucina. In questa stanza, infatti, vapori caldi e fumo possono essere le principali cause di opacizzazione del metallo del carrello.

I carrelli da cucina in plastica sono una soluzione moderna e pratica ma vanno scelti in modo da avere la certezza di materiali resistenti, in grado di sostenere pesi di bottiglie o altro. Scegliere un carrello in plastica significa avere una maggiore versatilità e leggerezza nella struttura. Attenzione, però, a non cadere in un facile inganno; i modelli in plastica non sono necessariamente più economici di quelli in legno o in metallo.

Quando si tratta di puntare a modelli di qualità o di design, infatti, anche le soluzioni in plastica possono avere costi elevati. Come si può facilmente comprendere oltre a valutare lo stile più adatto alla propria cucina è necessario prendere in considerazione i modelli, le caratteristiche singole dei diversi carrelli e, soprattutto, le dimensioni. Bisogna ricordare che i carrelli da cucina possono suddividersi in due tipologie principali, ossia fissi e con ruote.

Il problema delle dimensioni è sicuramente fondamentale quando si opta per un modello fisso. Per questo tipo di carrello, infatti, vanno considerate bene le misure visto che esso dovrà essere inserito in uno spazio ben definito. Per quanto riguarda invece i carrelli da cucina con rotelle, essi potranno essere tranquillamente spostati a seconda delle necessità quindi è importante che presentino dimensioni tali da non ingombrare l’ambiente ma non è necessario che siano caratterizzati da misure precise.

I modelli con rotelle, inoltre, possono essere facilmente portati da una stanza all’altra quando sia necessario. Essi, ad esempio, possono essere utilizzati come pratici vassoi per appoggiare pietanze da trasportare dalla cucina alla sala da pranzo oppure come elemento d’appoggio per i piatti sporchi da portare verso la lavastoviglie. Per assicurare movimenti semplici e sicuri, i carrelli da cucina con rotelle sono solitamente dotati di un pratico manico per la spinta del carrello stesso.

Inoltre, per avere la certezza che le pietanze o gli accessori che vengono portati sul carrello non scivolino a terra è importante assicurarsi che i diversi piani d’appoggio siano dotati di sponde di protezione. Infine, va sottolineato che i modelli più avanzati di carrello presentano anche dei blocchi per le ruote, per assicurarsi la massima stabilità quando non viene trasportato da una parte all’altra.

– Modalità d’uso dei carrelli e pulizia

Esistono diversi modi per utilizzare un carrello da cucina che dipendono sia dallo stile di vita di chi usa il carrello sia dalle caratteristiche del carrello stesso, ossia dal materiale, dalle dimensioni e dal fatto che sia o meno fisso o con rotelle. Oltre all’uso classico, ossia quello di posizionarvi su elementi e accessori di uso comune, eventualmente da trasportare facilmente da una posizione a un’altra in caso di presenza di ruote, vanno evidenziati anche alcuni utilizzi che possono essere definiti soprattutto estetici.

Questi sono facilmente realizzabili quando si hanno cucine ampie e si ha quindi la possibilità di optare per carrelli molto grandi. Gli appassionati di vini, di birre o di liquori, ad esempio, possono utilizzare il proprio carrello da cucina come postazione bar, avendo cura di sistemarlo in una zona della stanza dove non batta il sole e la temperatura resti sempre omogenea. In questo caso il carrello diventerebbe un vero e proprio espositore di bottiglie da tenere fisse in esposizione oppure da allestire in concomitanza di particolari eventi.

Chi ha una cucina non molto ampia e ama uno stile di vita dinamico e innovativo, può scegliere di utilizzare un grosso carrello da cucina al posto del tavolo principale. In tal modo avrebbe la possibilità di avere a disposizione un piano d’appoggio con più livelli, tra mensole e cassettini, per avere sempre tutto a portata di mano, sia per la preparazione dei pasti che per la loro consumazione.

Questa soluzione, come si può immaginare, è particolarmente indicata a quanti vivono intensamente la cucina pur non disponendo di ampi spazi. Optare per un modello con le rotelle, inoltre, permetterebbe di assicurare un maggiore spazio quando non si deve lavorare al tavolo spostandolo contro una parete e potendo, in questo modo, rendere più agili anche le pulizie della stanza.

E a proposito di pulizie è importante anche ricordare che per garantire una perfetta conservazione nel tempo al carrello è necessario assicurare una buona manutenzione e una regolare pulizia delle superfici. Questa dovrà essere differente a seconda del materiale con cui è realizzato il carrello stesso. I carrelli in legno, ad esempio, possono essere lavati con un panno umido in caso di sporcizia e trattati regolarmente con creme o prodotti specifici per il legno.

In tal modo si potrà garantire non solo una pulizia adeguata, ma anche una perfetta conservazione della lucentezza del legno. I carrelli in metallo, invece, andranno puliti e trattati con altri prodotti, facendo sempre molta attenzione a evitare detergenti aggressivi o spugne abrasive che potrebbero intaccare la lucentezza del metallo.

I carrelli delle migliori marche solitamente riportano, all’interno della scheda tecnica, anche le indicazioni necessarie a una corretta pulizia a manutenzione, che possono andare dal lavaggio con acqua e aceto all’utilizzo di prodotti specifici. Leggere con attenzione queste indicazioni permetterà di assicurare una maggiore vita alla bellezza del carrello.

Infine, quando si scelgono modelli in plastica valgono le stesse regole e raccomandazioni dei carrelli in metallo. I materiali plastici che vengono utilizzati per la realizzazione di carrelli possono essere molto differenti tra di loro, sia per qualità che per resistenza. In molti casi può bastare una spugna con dell’acqua per eliminare sporcizia superficiale e polvere. In caso di unto, si può scegliere di passare un detergente sgrassante, purché non aggressivo.

– MIGLIORE CARRELLO DA CUCINA: QUALE DESIGN SCEGLIERE

Prima di suggerire una serie di carrelli da cucina caratterizzati dall’essere tra i migliori modelli sul mercato, è importante sottolineare ancora una volta le differenze tra i diversi stili e le varie funzionalità di questi accessori. I modelli classici, rustici, etnici o moderni, infatti, non si differenziano solo per lo stile e per i materiali utilizzati ma anche per le possibilità d’uso. I carrelli in stile rustico o etnico, ad esempio, presentano solitamente strutture massicce, poco idonee ad essere trasportate da un ambiente all’altro.

Anche quando dotati di rotelle, quindi, essi risultano poco pratici da movimentare. Viceversa i carrelli in stile moderno presentano una maggiore versatilità, soprattutto quando sono realizzati in metallo o in metallo e vetro. Oltre ad essere più facili da spostare, essi si pongono come soluzione sfruttabile in più contesti, dalla cucina alla zona living, dalla camera da letto allo studio.

Non bisogna infatti dimenticare che i carrelli da cucina più essenziali e moderni possono trovare ampio utilizzo anche in altre stanze, dove possono essere re-inventati in base alle proprie esigenze specifiche. Molti carrelli da cucina, infatti, possono essere collocati anche in altri ambienti living, come il soggiorno, un patio coperto oppure una camera da studio. In altri casi, invece, a seconda del design del carrello stesso e delle caratteristiche tecniche, possono essere un valido accessorio in una camera da letto o in bagno.

Naturalmente, tutto dipende dal tipo di carrello, dai materiali e dal contesto in cui si inserisce il carrello stesso. In molti casi, un carrello può avere scopo espositivo per un servizio da the o da caffè ed essere sempre pronto per l’uso. In altre situazioni, soprattutto quando si vive in un contesto dall’arredo più classico, può essere posizionato in ingresso o in un corridoio come elemento d’arredo ed essere utilizzato in base alle esigenze nelle diverse occasioni.

1. Carrello da cucina Foppapedretti: il modello Service

Offerta
Foppapedretti Carrello Service...
31 Reviews
Foppapedretti Carrello Service...
  • Ogni ripiano può sostenere un peso massimo di 5...
  • Chiuso rimane in piedi e mantiene bottiglie e...
  • Dotato di 2 ampi vassoi portavivande con pratiche...
  • Ruote piroettanti
  • Struttura in legno massiccio di faggio, piani in...

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2019-03-23 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Questo modello della Foppapedretti è molto più di un semplice carrello da cucina: si tratta, infatti, di un vero e proprio elemento d’arredo dallo stile dinamico e moderno, perfetto per essere inserito in un gran numero di contesti living, dalla cucina al soggiorno, dallo studio al patio.

Disponibile in tre differenti colori, ossia ciliegio, legno naturale e wengè, è caratterizzato da due ampi ripiani con sponde che assicurano la massima sicurezza e stabilità agli elementi poggiati, anche durante il trasporto. Su un lato sono inoltre realizzati degli spazi appositi per bottiglie e bicchieri, delimitati da un elemento in materiale plastico per la massima stabilità degli oggetti inseriti.

Il trasporto del carrello è molto semplice, grazie alla presenza di quattro ruote piroettanti in grado di muoversi a 360° e assicurare la massima ampiezza di movimento. Il peso del carrello è di poco più di 13 chili ma sembra molto più leggero al trasporto proprio grazie alla presenza di queste rotelline molto ben strutturate e girevoli. Le ruote vanno inserite al momento dell’acquisto, seguendo quanto riportato nelle istruzioni del montaggio.

Una particolarità di questo carrello è che esso è pieghevole. Le dimensioni da aperto sono di 75x49x76 centimetri, ma quando non deve essere utilizzato può essere facilmente chiuso dando vita a un elemento dalle dimensioni di 27x49x76 centimetri. Si tratta quindi di una soluzione molto compatta e, soprattutto, in grado di reggersi autonomamente in piedi assicurando il perfetto mantenimento di bottiglie e bicchieri posizionati negli appositi scomparti.

A seconda degli spazi a disposizione, quindi, sia che venga lasciato sempre aperto che venga chiuso quando non è utilizzato, resta sempre un elemento per il quale non ci si deve preoccupare di trovare un elemento d’appoggio per la conservazione. Da aperto, il carrello Service di Foppapedretti si può apprezzare in tutta la sua eleganza e praticità.

Realizzato con legni di ottima qualità, è studiato in ogni dettaglio per assicurare un’elevata resistenza nel tempo e un’estetica essenziale, elegante e moderna. Ogni piano del carrello è omologato per portare un peso massimo di 5 chili.

2. Carrello da cucina in legno di Bambù Bamboo di Bakaji

BAKAJI Carrello Cucina in Legno di...
40 Reviews
BAKAJI Carrello Cucina in Legno di...
  • La serie dei carrelli da cucina in bamboo si...
  • Possono essere usati per trasportare piatti,...
  • Il bambù utilizzato è bello e nel contempo...
  • Il carrello è dotato di 2 ante con serratura, un...
  • Materiale: 100% di bambù, cesto in acciaio...

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2019-03-23 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Questo carrello è una soluzione perfetta per quanti hanno una cucina in stile etnico o rustico. Si tratta di un carrello super-accessoriato, dotato di ripiani, ante, elemento porta-bottiglie e porta-frutta e, soprattutto, dotato di pratiche rotelle per uno spostamento rapido e semplice. Il legno di bambù utilizzato per la realizzazione di questo carrello è caratterizzato da un’ottima qualità, essendo robusto e resistente.

In tal modo si può avere la garanzia di un gran numero di utilizzo per questo elemento d’arredo che può essere posizionato in diversi ambienti, sia in cucina che in una zona living o su un terrazzo coperto. Nonostante l’elevata resistenza è qualità, infatti, questo elemento d’arredo non idoneo ad essere utilizzato in ambienti aperti.

Dal punto di vista delle caratteristiche tecniche, il Carrello da cucina in legno di Bambù Bamboo di Bakaji è veramente molto accessoriato. Presenta dimensioni di 88x60x35 centimetri, due ampi scomparti chiusi da ante con maniglia, un piano con intarsi per il collocamento delle bottiglie, un cesto in rete in acciaio cromato da utilizzare come porta-frutta o altro, un cassettino e una pratica maniglia laterale per il trasporto.

La portata totale è ottima: il ripiano superiore, infatti, può sostenere fino a 30 chili mentre gli altri scomparti sono omologati per pesi fino a 10 chili. Pur essendo semplice nella struttura, questo carrello si pone come un elemento elegante e comodo proprio grazie ai numerosi scomparti che offre. Inoltre, il legno di bambù è impermeabile e può essere pulito con estrema facilità assicurando quindi una maggiore praticità d’uso al carrello.

All’acquisto il carrello viene venduto smontato e si dovrà procedere all’assemblaggio seguendo quanto riportato nelle istruzioni. Da questo punto di vita va sottolineato che molti acquirenti hanno sottolineato che il montaggio del carrello di per sé non è complesso ma le istruzioni non risultano molto chiare. Quanti non hanno praticità e dimestichezza con i lavori di bricolage e fai-da-te potrebbero quindi trovare qualche difficoltà nell’assemblaggio.

Inoltre, particolare attenzione va effettuata nel montaggio delle ruote. Queste sono piroettanti e permettono quindi un’ampia libertà di movimento: per essere bloccate quando si vuole fissare al meglio il carrello è possibile usare il freno specifico.

3. Un carrello da cucina pieghevole, elegante e pratico: Dinnet di Wenko

Offerta
Wenko 713003100 Carrello Dinett Legno di...
55 Reviews
Wenko 713003100 Carrello Dinett Legno di...
  • Ideale piano d'appoggio per la cucina, la sala da...
  • Solido telaio in metallo con ripiano in MDF con...
  • Due ripiani e un cestello offrono spazio per...
  • Con maniglia richiudibile per ridurre l'ingombro
  • Portata max. 40kg

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2019-03-23 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Il carrello Dinett di Wenko è un modello progettato per garantire la massima funzionalità nell’uso e altrettanta praticità quando il carrello non deve essere utilizzato. Si tratta infatti di un modello pieghevole, le cui dimensioni sono di 40.6x70x68 centimetri, che si riducono a uno spessore di appena 8 centimetri quando viene chiuso (restano invariate altezza e larghezza).

Il suo design è moderno, l’aspetto è essenziale: per questo motivo può essere utilizzato non solo in una cucina, ma anche in altri contesti, come un’area studio, una soggiorno o una zona living o ancora in un patio coperto. Può essere posizionato accanto a un divano, come pratico piano d’appoggio per bevande, da sorseggiare in compagnia, oppure di libri e riviste da tenere a portata di mano per i momenti di relax.

La struttura, in metallo color argento lucido, prevede due piani d’appoggio in pannello di fibra di legno pressato e rivestito in legno di noce e un cesto ampio in metallo cromato. Alla base, quattro pratiche rotelline piroettanti permettono un’ampia libertà di movimento, garantendo rotazioni complete a 360°. Il peso del carrello è di poco meno di otto chili, mentre la sua portata massima è di 40 chili.

Per come è strutturato, questo carrello assicura un’elevata praticità in ogni tipo di utilizzo: facile da aprire e chiudere, semplice da trasportare, ampio e in grado di sostenere un peso relativamente elevato, rappresenta una soluzione perfetta per quanti non hanno la possibilità di disporre di ampi piani d’appoggio. Presenta inoltre un’elevata stabilità, anche durante il trasporto, grazie anche all’ampia superficie.

Unico neo, se si vuole trovare, può essere considerato la mancanza di spondine di sicurezza sui ripiani in legno. Questo carrellino è facilmente lavabile: è tuttavia importante fare attenzione a selezionare prodotti giusti, che possano essere utilizzati sia per la cromatura che per la superficie in legno. Viceversa, meglio optare per due detergenti differenti, in grado di assicurare non solo una buona pulizia, ma anche il giusto nutrimento per il legno e una funzione lucidante per il metallo cromato.

Il carrello arriva smontato: tutta la procedura per un corretto assemblaggio è riportata all’interno del manuale d’uso. Si tratta di un’operazione molto semplice, alla portata di tutti, anche di quanti non sono pratici nel fai-da-te

4. Carrello da cucina in bambù di SoBuy

SoBuy Carrello di servizio, Carrello...
99 Reviews
SoBuy Carrello di servizio, Carrello...
  • Materiale: Legno, bianco
  • Dimensioni nella descrizione possono differire....
  • Portata fino a 30 kg, peso: 10 kg
  • ti prego di contattarci via nostro indirizzo...

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2019-03-23 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Questo carrello è la soluzione più idonea a chi non solo cerca un pratico carrello, ma anche un ampio piano d’appoggio per tagliare, impastare o organizzare al meglio i propri menu. Realizzato in bambù naturale, infatti, questo carrello è molto ampio, presentando dimensioni di 80x50x92 centimetri.

Il peso, di 24 chili, lo rende stabile e robusto, in grado di sostenere carichi fino a 60 chili. In quanto realizzato completamente in legno naturale di bambù, questo mobile è altamente resistente ai cambi di temperatura e di umidità che spesso si registrano in una cucina. Può essere considerato un ottimo prodotto non solo per la qualità dei materiali e per le dimensioni o gli spazi a disposizione, ma anche per il prezzo altamente conveniente.

Disponibile in due versioni di colore, neutro e bianco, può essere utilizzato in un gran numero di contesti, dalla cucina rustica alla zona living, dalla stanza da bagno al terrazzo coperto. Nella sua versione in bianco, poi, è particolarmente indicata per ambienti arredati in stile shabby chic. Le venature evidenti del legno rappresentano un elevato valore aggiunto all’estetica di questo carrello, semplice nell’aspetto ma altamente funzionale in quanto praticità e spazio a disposizione.

Gli spazi a disposizione sono veramente molti: presenta infatti un piano d’appoggio alla base, una cantinetta per il posizionamento dei vini in orizzontale, un pratico cassettone per gli oggetti di piccole dimensioni e un ripiano superiore apribile, perfetto quindi da sfruttare per conservare ulteriori oggetti di utilizzo quotidiano, dalla biancheria per la cucina alle posate e molto altro ancora.

Il Carrello da cucina in bambù di SoBuy va assemblato: si tratta di un lavoro non dei più semplici, soprattutto per via dei diversi elementi presenti, dai piani d’appoggio ai cassetti. In ogni caso il montaggio è semplificato dalle istruzioni, molto chiare, e dal kit di assemblaggio in dotazione che rendono questa operazione alla portata di tutti, purché armati di un poco di pazienza.

Durante il montaggio va posta particolare attenzione alle ruote. Il carrello è dotato di quattro ruote in plastica che permettono un rapido spostamento in qualsiasi direzione. Si tratta, infatti, di rotelle piroettabili, ossia che assicurano una libertà di movimento pari a 360°. Quando si vuole avere la certezza di fissare il carrello, affinché non effettui alcun tipo di movimento, basterà utilizzare il freno di cui sono dotate le rotelline. Infine, gli spostamenti sono resi altamente pratici dalla presenza di sue manici, posizionati ai due lati del carrello.

Va sottolineato che questo carrello, pur garantendo un pratico piano d’appoggio e una struttura ricca di elementi per la conservazione di diversi elementi e strumenti da cucina, non è la soluzione migliore per camere molto piccole. Si tratta infatti di un modello di medie dimensioni che in una cucina troppo piccola rischierebbe di risultare più di ingombro che di utilità, a meno di non essere utilizzato come sostituzione del tavolo centrale.

– Non solo accessorio: quando il carrello da cucina è essenziale

Molto spesso ci si rivolge ai carrelli da cucina come pratici accessori, in grado di migliorare la praticità della vita in cucina e, in molti casi, quella di altre camere, come soggiorno o studio. In realtà in molti casi il carrello da cucina non è solo un pratico accessorio, ma un elemento essenziale per garantire a quanti vivono la cucina di poterla effettivamente vivere con tutte le comodità.

Un carrello da cucina diventa quindi una struttura fondamentale soprattutto quando si dispone di una stanza molto piccola, in cui non è conveniente, per motivi di spazio, utilizzare un elevato numero di mobili da terra. In una situazione simile, ossia quando il piano cottura e il frigorifero occupano già uno spazio consistente, rinunciare ai mobili da terra a favore di uno o due ampi e pratici carrelli è sicuramente una scelta molto interessante.

Naturalmente, la scelta deve ricadere sui modelli dotati di rotelline, in modo che risultino facilmente spostabili a seconda delle esigenze. In questo modo si potranno utilizzare gli ampi piani d’appoggio dei carrelli per posizionarvi i diversi piccoli elettrodomestici di uso comune, come lo spremi-agrumi, la macchinetta del caffè elettrica, il frullatore o il fornetto a micro-onde.

Naturalmente, prima di utilizzare i carrelli per questo scopo è fondamentale valutare con attenzione i pesi degli elettrodomestici e la portata dei carrelli stessi. Se da un lato, infatti, molti piccoli elettrodomestici sono realmente molto leggeri, nel caso di fornetto elettrico o a micro-onde si può rischiare di superare la portata del carrello, soprattutto quando non si opta per un modello ad elevata resistenza.

Modelli di carrelli che dispongono di una chiusura ad ante possono essere una pratica soluzione per disporre i piatti per il quotidiano, i bicchieri o le tazzine per la colazione. Quando non si ha molto spazio in cucina, infatti, può accadere che sia complicato posizionare nella stanza piatti e bicchieri e che quindi questi vengono conservati in credenze posizionate in soggiorno o in un’altra camera.

Tuttavia, per non dover sempre andare a prendere l’essenziale per il pranzo o la cena in camere diverse, può essere un’ottima idea ritagliare uno spazio per un esiguo numero di piatti, bicchieri e posate all’interno del carrello. Già è stato evidenziato come, in determinati e particolari contesti, un carrello da cucina di ampie dimensioni e molto robusto possa essere utilizzato anche come isola, proprio quando non vi è in cucina spazio a sufficienza per organizzare un classico tavolo centrale.

Ugualmente, seguendo lo stesso tipo di idea, si può scegliere anche di posizionare uno o più carrelli contro la parete, creando una postazione che possa essere utilizzata, a seconda delle esigenze, come piano d’appoggio per eventuali elettrodomestici o come pratica mensola per la colazione, in pieno stile americano. Oltre che in cucina, i carrelli possono essere utilizzati anche nelle zone living, in studi o in altre stanze.

Posizionandoli accanto a una seduta o a una scrivania, essi diventano un elemento fondamentale dell’arredo, da utilizzare in maniera differente a seconda della stanza. Accanto al divano, possono sostituire i classici tavolini, potendo essere utilizzati per poggiare una lampada o per tenere a vista un servizio da caffè o the che potrà essere subito utilizzato in caso di visite.

Al posto di dover cercare un vassoio per portare a tavola una bevanda agli ospiti, infatti, basterà spostare il carrellino fino alla cucina, riempire le tazzine e riportare il carrello al proprio posto dove gli ospiti potranno comodamente scegliere cosa bere.

– Fissi o richiudibili?

Le dimensioni della cucina, lo stile di vita e, naturalmente, la possibilità di scegliere tra le diverse misure di carrello disponibile sul mercato, permette di valutare, in base alle esigenze, se possa essere più utile o conveniente optare per un modello fisso (con o senza ruote) o richiudibile. Entrambe le scelte presentano naturalmente dei pro e dei contro.

Il carrello fisso rappresenta una scelta perfetta per quanti hanno esigenza di avere sempre un piano d’appoggio a disposizione e per quanti sono soliti organizzare e preparare i pasti in cucina ma mangiare ad esempio nella zona living o sul terrazzo. Questi modelli permettono infatti di portare tutto a tavola in pochissimo tempo, sia i piatti che bottiglie e bicchieri.

D’altro canto, se non si ha sufficiente spazio nell’una o nell’altra stanza per poter tenere sempre aperto il proprio carrello, allora diventa quasi un obbligo rivolgersi ai modelli richiudibili. Questi sono spesso caratterizzati da dimensioni medie o piccole ma presentano l’elevato vantaggio di poter essere chiusi quando non vengono utilizzati. Un carrello chiuso può essere facilmente conservato dietro a una porta, in modo da essere sempre pronto a un nuovo utilizzo.

Un’altra interessante soluzione, per quanti sono alla ricerca di modelli di carrelli particolari, in grado di assicurare uno spazio in più per l’appoggio o il contenimento di bottiglie o stoviglie, è quella del carrello estraibile da cucina. Questo tipo di carrello può essere considerato una fusione tra i modelli fissi e quelli richiudibili. Si tratta tuttavia di un elemento inserito all’interno di un mobile, di una credenza o tra i diversi moduli di una cucina componibile.

Può essere inserito per raggiungere la giusta lunghezza di un mobile componibile, in modo da poter sfruttare al meglio tutti gli spazi creando una soluzione altamente funzionale. Naturalmente, a differenza dei carrelli da cucina standard, questi modelli non possono essere trasportati in altre stanze ma solo estratti dal mobile contenitore in tutta la loro lunghezza restando comunque sempre attaccati al mobile stesso.

La praticità di questi elementi è comunque molto elevata, soprattutto quando si ha a che fare con cucine modulari che si estendono in lunghezze e che possono ospitare, tra un modulo e l’altro, un numero diverso di carrelli da utilizzare in modo sempre differente a seconda delle esigenze.

– Fattori oggettivi e soggettivi per la scelta del carrello da cucina

Quando si deve scegliere un carrello per la propria cucina, bisogna prendere in considerazione una serie di elementi oggettivi (come qualità dei materiali e dimensioni) e soggettivi (relativi quindi all’aspetto estetico e al gusto personale).

Per quanto riguarda la qualità dei materiali, è importante prendere in considerazione anche il tipo di uso che si vuole fare del carrello stesso. Un carrello in acciaio inox e cristallo, ad esempio, per quanto elegante e bello, non potrà mai competere in resistenza e portata con un modello in legno massiccio. Viceversa, i carrelli più strutturati e robusti, non potranno mai essere agili o essenziali come quelli metallici.

Tuttavia, entrambi i materiali possono essere di ottima qualità: in questo caso diventa quindi importante valutare il tipo di utilizzo che si vuole fare del carrello stesso. Le dimensioni del carrello sono molto importanti perché, come già sottolineato, permettono di utilizzare questo accessorio in contesti più o meno ampi.

Anche in questo caso la scelta va effettuata prendendo in considerazione l’uso che si vuole fare del carrello stesso, ossia la necessità che si ha di un piano di appoggio più o meno esteso in lunghezza e di cassetti o ripiani più o meno numerosi in base all’altezza del modello. L’elemento finale, quello che a parità di misure e robustezza porterà a dirigersi verso un tipo di carrello o l’altro è chiaramente il gusto personale.

Chi ama il design moderno ed essenziale punterà sicuramente su modelli in metallo, in plastica, o in metallo e legno. Chi invece preferisce lo stile più rustico, provenzale o classico, sarà proiettato verso modelli in legno. Anche la praticità d’uso può essere considerata un fattore soggettivo. A seconda delle esigenze, infatti, alcuni utilizzatori potranno preferire carrelli fissi e altri quelli con rotelle.

Qualcuno cercherà esclusivamente modelli richiudibili mentre altri vorranno cercare soluzioni in grado di offrire caratteristiche specifiche, come ad esempio il freno alle rotelle, fondamentale quando in casa si hanno animali domestici o bambini piccoli. Va sottolineato che in quasi tutti i casi, sia per i modelli in metallo, in plastica e in legno, i carrelli da cucina si vendono quasi sempre smontati e vanno assemblati.

Bisogna allora porre la massima attenzione a scegliere brand che garantiscano la massima assistenza al montaggio, offrendo kit con viti e chiavi per procedere alle operazioni di assemblaggio e, soprattutto, un foglio illustrativo chiaro e facilmente interpretabile anche da quanti non sono esperti del fai-da-te.

– Per concludere

Come si può immaginare, sul mercato sono presenti moltissimi carrelli per la cucina, alcuni molto economici e di qualità media, altri di alto livello qualitativo e anche caratterizzati da costi maggiori. La scelta del carrello più idoneo alle proprie esigenze deve essere connessa anche alla propria disponibilità economica, ricordando sempre che a volte un buon investimento rappresenta il vero risparmio.

I carrelli da cucina, infatti, sono progettati per essere trasportati avanti e indietro da una stanza a un’altra e soprattutto per essere utilizzati in molti modi differenti. Se si acquista un carrello da utilizzare esclusivamente in cucina è importante valutare con attenzione i materiali di produzione.

L’ambiente della cucina, infatti, è spesso caratterizzato da temperature più elevate della media, da vapori di cottura e potrebbe non essere raro che schizzi di olio, di salsa o di altri generi alimentari colpiscano il carrello durante la preparazione dei cibi. Per questo motivo è importante controllare che il carrello sia facilmente lavabile con acqua o altri detergenti facilmente reperibili, sia esso in legno o in altri materiali.

In caso di modelli in acciaio, assicurare una corretta pulizia e manutenzione permetterà di mantenere più a lungo la lucidità del metallo. Per avere la sicurezza di optare per un carrello di alta qualità per prima cosa è necessario valutare il brand: meglio puntare infatti su modelli realizzati da marchi specializzati in accessori per la cucina, in grado di offrire una buona garanzia, soprattutto per quanto riguarda la durata, il carico massimo consentito e la buona qualità dei singoli elementi.

Oggi, prima di effettuare un acquisto è buona regola effettuare una ricerca online per valutare le recensioni ottenute da quel prodotto specifico. Anche nel caso dei carrelli da cucina controllare le recensioni di quanti hanno già acquistato il modello che interessa è fondamentale, in quanto permetterà di farsi un’idea sulla sua effettiva qualità e su pregi e difetti che si possono comprendere solo dopo averlo utilizzato.

Infine, quando si vuole acquistare un carrello da cucina è sempre meglio evitare modelli troppo economici, realizzati in materiali poco resistenti o scadenti. Il rischio, infatti, non è solo quello di una spesa inutile, ma anche di incidenti. Un carrello che presenti un piano d’appoggio debole o mal progettato, infatti, diventa particolarmente pericoloso perché potrebbe rompersi creando schegge e portando alla rottura di quanto era stato poggiato sopra.

Come sempre, quindi, anche per i carrelli da cucina, sempre meglio ricordare che il vero risparmio non sta nell’acquistare un prodotto economico, ma uno di elevata qualità, in grado di durare a lungo nel tempo.

Casina Mia

Casina Mia e' il portale dedicato al mondo della casa. Ogni settimana recensioni, consigli e approfondimenti per aiutarti a vivere la tua casa al 100%.

LEAVE A REPLY

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.