L’asciugatrice sta vivendo un vero e proprio momento di gloria. I tempi in cui eravamo soliti far asciugare il bucato all’aperto, magari dopo aver atteso per giorni uno spiraglio di sole, sono ormai lontani e, oggi come oggi, molte persone si sono definitivamente convertite all’asciugatura meccanica.

La domanda è: quale asciugatrice scegliere? Per godere dei benefici offerti da questo macchinario è infatti indispensabile dotarsi del modello giusto: quello in grado di rispondere meglio alle nostre esigenze. Tutto sta nel riuscire a individuarlo, visto e considerato il fatto che di asciugatrici ce ne sono davvero tantissime.

Scopo di questa guida è dunque quello di aiutarti a trovare l’asciugatrice perfetta, illustrandoti i fattori che devi considerare nella scelta e svelandoti quali sono i modelli che il mercato ti mette a disposizione.

– Perché scegliere un’asciugatrice?

Fermo restando il fatto che le opinioni sull’asciugatrice non sono tutte unanimi, è innegabile il fatto che si tratti di una macchina straordinariamente vantaggiosa. Ecco, nel dettaglio, cosa puoi ottenere acquistandone una:

  • Risparmio di tempo: l’asciugatrice è significativamente più veloce rispetto alla classica asciugatura all’aria aperta o all’interno della casa. Può asciugare un carico di biancheria in meno tempo, lasciandoti quindi più tempo da dedicare ad altro.
  • Asciugatura uniforme: l’asciugatrice garantisce un’asciugatura uniforme degli indumenti, riducendo la possibilità di pieghe o ammaccature.
  • Ideale per le giornate umide o piovose: in giornate umide o piovose, l’asciugatrice è particolarmente utile, poiché consente di asciugare la biancheria in modo efficiente e indipendente dalle condizioni meteo.
  • Miglior controllo della temperatura: le asciugatrici moderne offrono impostazioni di temperatura regolabili, che consentono di asciugare delicatamente i tessuti più sensibili o di asciugare rapidamente i tessuti più spessi.
  • Riduzione dell’umidità in casa: l’uso dell’asciugatrice può aiutare a ridurre l’umidità all’interno della casa, il che può essere utile in ambienti molto umidi o in periodi dell’anno in cui l’umidità è alta.
  • Risparmio energetico: le asciugatrici più recenti sono progettate per essere più efficienti dal punto di vista energetico rispetto a quelle più vecchie. Alcuni modelli offrono funzioni di risparmio energetico e sensori che fermano il ciclo quando il carico è asciutto, risparmiando così energia e soldi.

asciugatrice quale scegliere

In merito a quest’ultimo vantaggio, tuttavia, occorre precisare che, per poterne godere, è di fondamentale importanza procurarsi un’asciugatrice a elevata efficienza energetica, onde evitare di gravare troppo sui consumi domestici.

E questo è soltanto uno dei numerosi fattori da considerare quando dovrai stabilire quale asciugatrice acquistare. Prima di illustrarteli uno alla volta, ad ogni modo, cerchiamo di capire meglio come funziona l’asciugatrice e quali tipologie puoi trovare in commercio.

– Tipologie di asciugatrici

Come avrai certamente intuito, per sapere quale asciugatrice comprare, è importante che tu conosca i vari modelli che il mercato ti mette a disposizione. Più nello specifico, ce ne sono tre:

  • asciugatrice a condensazione;
  • asciugatrice a evacuazione;
  • asciugatrice a pompa di calore.

Esaminiamole una per una.

Asciugatrice a condensazione

Un’asciugatrice a condensazione è un tipo di asciugatrice che sfrutta un processo di condensazione per rimuovere l’umidità dai vestiti durante il ciclo di asciugatura. Quando viene avviata, un ventilatore fa circolare l’aria all’interno del tamburo in cui si trovano i vestiti bagnati.

A quel punto, una resistenza elettrica o una fiamma a gas riscalda l’aria all’interno del tamburo, per poi farla circolare attraverso i vestiti bagnati. L’aria riscalda quindi i vestiti e fa evaporare l’acqua contenuta nei tessuti, trasformandola in vapore acqueo. Di conseguenza, l’aria all’interno del tamburo diventa carica di umidità.

L’aria umida viene quindi convogliata attraverso un condensatore o un refrigerante. A questo punto del processo, il vapore acqueo nell’aria si raffredda e si condensa in acqua. L’acqua condensata viene raccolta in un serbatoio separato all’interno dell’asciugatrice o, in alternativa, drenata direttamente attraverso un tubo collegato al sistema idraulico di casa.

L’aria, ormai deprivata dall’umidità, viene nuovamente riscaldata e rinviata nel tamburo per continuare ad asciugare i vestiti, fermandosi automaticamente quando l’asciugatura viene completata.

asciugatrice a condensazione

Il vantaggio di questi modelli è dato dalla loro grande versatilità, in quanto non richiedono una ventola di scarico esterna e possono essere posizionate in vari ambienti, inclusi spazi chiusi come la cucina o il bagno. Di contro, richiedono di sapere come pulire il condensatore dell’asciugatrice e, in generale, devono essere oggetto di una frequente manutenzione.

Asciugatrice a evacuazione

L’asciugatrice a evacuazione, nota anche come asciugatrice a espulsione o asciugatrice a scarico, è un modello che sfrutta un tubo di scarico per espellere all’esterno dell’edificio l’aria umida prodotta durante il processo di asciugatura.

Nel momento in cui l’avvii e imposti il programma desiderato, un ventilatore fa circolare l’aria all’interno del tamburo in cui si trovano i vestiti bagnati, mentre una resistenza elettrica o una fiamma a gas riscalda l’aria all’interno del tamburo. L’aria calda viene quindi fatta circolare attraverso i vestiti bagnati.

L’aria procede quindi con il riscaldarli, facendo quindi evaporare l’acqua contenuta nei tessuti e trasformandola in vapore acqueo. L’aria umida viene poi espulsa dall’asciugatrice attraverso un tubo di scarico, solitamente collegato a una presa o a un foro sulla parete esterna dell’edificio.

Il processo di asciugatura, pertanto, non è dissimile da quello usato dall’asciugatrice a condensazione. Il problema è che un’asciugatrice di questo tipo richiede l’installazione di un sistema di scarico per l’aria umida e, in generale, può rivelarsi meno efficiente sotto l’aspetto energetico.

Asciugatrice a pompa di calore

Le asciugatrici a pompa di calore rappresentano i modelli più attuali, che sfruttano una pompa di calore interna al macchinario per generare l’aria calda. Il processo che si crea, per certi versi, è molto simile a quello adottato dai frigoriferi e dai condizionatori: la differenza è che, in questo caso, l’aria viene riscaldata.

La pompa preleva l’aria dall’ambiente circostante e la riscalda attraverso uno scambiatore di calore. A questo punto, l’aria calda viene immessa nel tamburo per mezzo di una ventola e, durante l’esecuzione del programma di asciugatura, si origina un vero e proprio “riciclo” dell’aria, riducendo così la necessità di riscaldare costantemente quella prelevata dall’esterno.

Questa tipologia di asciugatrice rappresenta pertanto il modello più attuale e conveniente, sebbene sia comunque necessario prestare molta attenzione ai consumi energetici: l’unico svantaggio di cui occorre tenere conto.

– Cosa considerare prima dell’acquisto

Scegliere un’asciugatrice significa inevitabilmente tenere conto di alcuni importanti fattori, uno su tutti quello relativo alla sua efficienza energetica. Il tuo obiettivo dovrebbe infatti essere quello di procurarti un modello in grado di assicurarti bassi consumi, permettendoti così di risparmiare energia.

Come sai, qualsiasi elettrodomestico che acquisti si caratterizza per la presenza di una specifica etichetta energetica, che ti permette di farti un’idea in merito alla sua efficienza. Tale etichetta, secondo la nuova classificazione introdotta, prevede valori che vanno dalla lettera G (che corrisponde a un livello di efficienza energetica molto basso), alla lettera A (che comprende gli elettrodomestici più performanti).

Il tuo obiettivo, pertanto, dovrebbe essere quello di puntare a un’asciugatrice di classe elevata, consapevole del fatto che i soldi che spenderai per il suo acquisto li recupererai tutti grazie ai bassi consumi energetici che sarà in grado di assicurarti.

asciugatrice quale scegliere consumi

L’etichetta presente sull’asciugatrice, ad ogni modo, non si limiterà a informarti sui soli valori energetici, ma anche sugli altri fattori a essi connessi, uno su tutti la capacità di carico.

Questo dato, espresso in chili (Kg) ti permette di capire il quantitativo massimo di indumenti che l’asciugatrice è in grado di sopportare, ed è importantissimo che tu ne tenga conto, anche e soprattutto in relazione al tuo nucleo famigliare. Per farti un’idea più precisa, puoi basarti su questo schema:

  • carico da 7 kg: adatto all’asciugatura del bucato settimanale di un adulto;
  • carico da 8 kg: indicato per i nuclei composti da due persone;
  • carico da 9 – 10 kg: pensato per i nuclei famigliari formati da quattro o più persone o per famiglie con due o più bambini.

asciugatrice quale scegliere carico

Sempre nell’ottica di ottenere un maggiore risparmio, dovresti anche tenere conto dei programmi offerti dall’asciugatrice. Accanto a quelli classici, infatti, è possibile trovare modelli in grado di offrire le seguenti funzioni extra:

  • Sensore di umidità: permette alla macchina di regolare automaticamente il proprio funzionamento sulla base delle condizioni dei panni da asciugare e del livello di asciugatura selezionato.
  • Risparmio energetico: ti permette di effettuare il ciclo di asciugatura sfruttando un quantitativo più basso di energia elettrica, a fronte però di una durata maggiore del ciclo stesso.
  • Timer: consente di programmare l’orario di attivazione e del termine del ciclo di asciugatura, ottimizzando così tempi e costi.

– Conclusione: le migliori marche di asciugatrici

Una guida dedicata all’acquisto dell’asciugatrice non può che concludersi svelandoti quali sono le migliori marche offerte dal mercato: quelle in grado di assicurarti i modelli più affidabili e performanti.

Sotto l’aspetto tecnologico, per esempio, meritano di essere menzionate le asciugatrici a marchio Miele, Samsung e LG, ma sono altrettanto degne di fiducia quelle prodotte dai brand Whirlpool, Bosch e AEG, sebbene leggermente meno innovative.

Comprare un’asciugatrice realizzata da un marchio leader del settore, del resto, ti offrirà le migliori garanzie, assicurandoti un’asciugatrice, o perfino una lavasciuga, in grado di soddisfare pienamente le tue esigenze.

Eliana Tagliabue