Arredare le case di montagna rappresenta una vera e propria arte. Nel momento in cui decidi di concederti un soggiorno in una suggestiva baita immersa nella natura, infatti, ti aspetti di ricevere un certo tipo di accoglienza, in grado di trasmetterti calore e serenità.

Per suscitare queste piacevoli emozioni, tuttavia, è d’obbligo sistemare l’ambiente come si deve, arricchendolo con un arredamento ad hoc e appositamente progettato per un ambiente di questo tipo.

Nel nostro articolo ti forniremo quindi una serie di consigli e dritte preziose che ti aiuteranno ad arredare la tua casa in montagna con gusto e stile, trasformandola in un delizioso rifugio che farà sentire a proprio agio sia te che i tuoi ospiti.

Arredare case di montagna: introduzione e primi passi

L’arredamento di una casa di montagna ha un impatto significativo sull’accoglienza che è in grado di riservare ai propri ospiti. Elementi quali lo stile, la disposizione dei mobili e la presenza di accessori a tema possono contribuire enormemente a suscitare emozioni positive, creando un’atmosfera piacevolmente confortevole. Tale atmosfera dovrebbe idealmente coinvolgere tutti i sensi, creando quindi un senso di comfort visivo, fisico ed emotivo.

Per stimolare il comfort visivo è necessario optare per una palette di colori armonica, le cui tonalità dovrebbero idealmente essere ispirate alla natura e alla terra. Allo stesso tempo, la predisposizione di un’illuminazione adeguata, caratterizzata da una luce calda e soffusa, contribuirebbe a suscitare una piacevole sensazione di calma e serenità.

In aggiunta a questo, l’incorporazione di elementi naturali nell’arredamento, come piante, acqua, o materiali come legno e pietra, può migliorare il comfort emotivo attraverso la connessione con la natura.

arredare case di montagna

Ultime, ma non meno importanti, sono le sensazioni legate al comfort fisico. Divani morbidi, poltrone avvolgenti e letti con materassi di qualità sono tutti elementi perfetti per suscitare piacevoli sensazioni di relax, supportando il benessere fisico e garantendo un riposo adeguato.

Stili di arredamento per le baite di montagna

Per arredare le baite di montagna, ci si ispira solitamente a tre stili differenti:

  • stile rustico;
  • stile moderno;
  • stile alpino.

Lo stile rustico punta a creare un ambiente caldo, accogliente e intriso di elementi naturali che riflettano il paesaggio circostante. Si caratterizza per l’uso di materiali grezzi e naturali, oltre che per colori vivaci e texture accoglienti.

I materiali naturali in questione sono ovviamente il legno e la pietra (che ritroveremo anche negli altri stili): il legno, in particolare, rappresenta la soluzione dominante e viene preferibilmente adottato in un’essenza grezza e dall’aspetto il più genuino possibile.

I mobili dovrebbe quindi presentare un design anticato, un po’ in stile “Casa nella prateria” e dovrebbero essere accompagnati dall’uso di tessuti morbidi e confortevoli, magari caratterizzati da decorazioni dal sapore “casereccio” come quelle a quadrettoni.

arredare case di montagna rustiche

Gli elementi che ti abbiamo menzionato, in realtà, dovrebbero contraddistinguere sempre l’arredamento delle case di montagna. A cambiare sono piuttosto il design dei mobili e i dettagli delle decorazioni.

Nello stile moderno, per esempio, si osserva spesso un mix intrigante tra materiali tradizionali e contemporanei, unendo il legno e la pietra con il vetro e l’acciaio.

Diversamente dallo stile rustico, si osserva inoltre la presenza di mobili che, pur mantenendo un tema montano e naturale, presentano linee pulite e prive di fronzoli, mentre le decorazioni sono limitate a quelle più semplici ed essenziali.

arredare case di montagna minimal

Arredare le case di montagna in stile alpino significa invece adottare soluzioni molto simili a quelle dello stile rustico e i cui materiali predominanti sono nuovamente la pietra naturale e il legno. Quest’ultimo, in particolare, lo si ritrova nei mobili e nei tavoli e si tratta perlopiù di legno massiccio, noto per trasmettere un’idea di solidità e durabilità.

Anche in questo caso l’idea è sempre e comunque quella di trasmettere un’idea di calore e accoglienza ma, rispetto allo stile rustico, in quello alpino la funzionalità predomina sull’eleganza.

Materiali e tessuti

Analizzando i tre stili che ti abbiamo illustrato, avrai notato che presentano degli elementi in comune, a partire dai materiali. Come ti abbiamo già spiegato, infatti, a predominare sono quelli naturali, legno e pietra in primis, ma questo discorso vale in realtà anche per i tessuti: quelli prediletti e maggiormente adottati sono infatti la lana, il cotone e il lino.

Per quanto riguarda invece il legno, le essenze maggiormente adottate sono quelle dell’abete, del larice, del rovere e del pino, in base alla loro destinazione d’uso e alla resa estetica che si desidera ottenere. Un discorso che vale anche per la pietra naturale: arenaria, granito, ardesia e marmo rappresentano infatti le tipologie maggiormente utilizzate nell’arredamento delle case di montagna.

Arredare le case di montagna: mobili e complementi d’arredo

In una casa di montagna, alcuni mobili sono essenziali per garantire comfort, funzionalità e un’atmosfera accogliente, tipica di questi rifugi naturali. Ecco quindi una lista dei mobili che non dovrebbero mai mancare:

  • caminetto o stufa a legna: due elementi fondamentali per creare un’atmosfera calda e accogliente. Oltre a riscaldare lo spazio, il caminetto funge anche da ritrovo suggestivo per familiari e amici;
  • divani e poltrone comodi: mobili imbottiti e accoglienti che permettono di rilassarsi dopo una giornata all’aperto sono indispensabili. Tessuti caldi e morbidi come lana e pelliccia sintetica aggiungono inoltre comfort e calore;
  • tavolo da pranzo in legno massiccio: un ampio tavolo in legno, robusto e accogliente, è ideale per riunire la famiglia e gli amici per i pasti, riflettendo lo stile rustico e naturale della casa di montagna;
  • letto con struttura in legno: un letto solido con una struttura in legno non solo rispecchia l’ambiente naturale ma garantisce anche un sonno riposante, essenziale dopo le attività fisiche svolte in montagna;
  • armadi e credenze in legno: utili per lo stoccaggio e la conservazione di indumenti, attrezzature per attività all’aperto e utensili da cucina. L’uso del legno per questi mobili contribuisce a mantenere lo stile rustico coerente in tutta la casa;
  • cassapanche e bauletti: perfetti per offrire soluzioni di stoccaggio multifunzionali, ideali per riporre coperte, giochi da tavolo o attrezzature sportive, contribuendo anche all’estetica rustica;
  • libreria o scaffali in legno: da sfruttare per ospitare libri, giochi, fotografie e oggetti decorativi che raccontano la storia della casa e dei suoi abitanti, aggiungendo un tocco personale e calore all’ambiente;
  • scarpiera o mobile per attrezzatura da esterno: uno spazio dedicato per riporre scarpe, stivali, sci e altre attrezzature da esterno è essenziale per mantenere l’ordine e facilitare la gestione degli spazi.

case di montagna arredo

Per garantire la giusta atmosfera, inoltre, è bene non trascurare mai l’illuminazione. Per quanto quella del caminetto o della stufa a legna sia indubbiamente suggestiva, da sola non è ovviamente sufficiente. L’ideale sarebbe quindi quello di adottare lampade dalla luce calda e soffusa, realizzate in materiali naturali.

Infine, in una casa di montagna che si rispetti non possono certo mancare dettagli decorativi a tema, magari qualche oggetto frutto dell’artigianato locale e/o stampe e fotografie a tema da appendere alla parete. Potrebbero sembrarti dettagli irrisori, ma in realtà sono quelli che fanno la differenza, valorizzando al massimo la resa estetica finale.

Conclusione: tendenze e innovazioni

Le principali tendenze e innovazioni nell’ambito degli arredamenti di montagna si riferiscono a due tematiche paradossalmente in contrasto tra loro: la sostenibilità e la tecnologia. Mentre la prima rimanda infatti a tutto ciò che è naturale e rispettoso dell’ambiente, la seconda è invece sinonimo di progresso ed evoluzione. Ciò nonostante, se usata come si deve, la tecnologia può paradossalmente favorire la sostenibilità.

Nell’ambito dell’arredamento di una baita di montagna, per esempio, questo connubio si traduce nell’utilizzo sempre più massiccio dei materiali naturali, all’insegna di una piacevole resa rustica che però non rinuncia alle comodità moderne.

Da qui l’adozione di moderne lampade e luci a LED, elettrodomestici a elevata efficienza energetica e perfino assistenti vocali con i quali gestire l’intera casa da remoto. La sostenibilità, del resto, passa anche attraverso il controllo intelligente di luce ed energia: un obiettivo che, grazie alla tecnologia, è possibile perseguire più facilmente, senza per questo far venir meno l’atmosfera calda e accogliente tipica della montagna.

Del resto, per quanto bilanciare tradizione e innovazione possa rappresentare una vera sfida, è anche il modo migliore per riequilibrare e valorizzare questi spazi bucolici, preservandoli per le nuove generazioni.

Eliana Tagliabue