La sicurezza è un problema piuttosto sentito nella società moderna ed è decisamente importante pensare di potersi sentire sicuri e protetti, almeno quando ci si trova all’interno delle proprie quattro mura domestiche!

Per questa ragione un impianto di sicurezza domestico oggi davvero non si nega a nessuno e ce n’è per tutti i gusti!

Detto ciò, il sistema meno invasivo e più comunemente utilizzato per proteggere le abitazioni da intrusioni indesiderate è l’antifurto perimetrale esterno.

Vediamo allora di capire come funziona, se ne esistono diverse varianti ed in cosa differiscono, se garantisce livelli di sicurezza sufficientemente elevati e quali sono le opinioni di chi già ne possiede uno per la propria casa.

Antifurto perimetrale esterno: di cosa si tratta e come funziona

Un antifurto perimetrale esterno è un sistema d’allarme che previene i furti sul nascere, dato che serve a bloccare i malintenzionati quando ancora si trovano all’esterno della vostra casa, ben prima che possano entrare.

A dispetto di quanto molte persone possano pensare, indubbiamente si ha a che fare con una tipologia di antifurto che va più che bene per ville, villette ed abitazioni dotate di un bel giardino, ma in realtà l’antifurto perimetrale esterno non è destinato esclusivamente a queste tipologie abitative e può benissimo servire anche singoli appartamenti o interi condomini, proteggendo in particolare terrazzi e balconi, che possono rappresentare facili accessi per i malintenzionati.

Chiaramente i sensori da esterno, sono dotati di un grado di protezione adeguato e sono in grado di resistere tutte le varie condizioni climatiche, all’esposizione a varie temperature ed intemperie.

Di fatto, un impianto perimetrale esterno si basa sulla presenza di barriere invisibili, siano esse a microonde o ad infrarossi, con sensori multi fascio e multi area che rilevano la presenza di intrusi e segnalano prontamente il pericolo, prima che sia troppo tardi!

Allarme perimetrale esterno senza fili

Oggi, grazie alla tecnologia wi-fi ed alla riduzione del consumo energetico dei sensori, è possibile pensare di installare un impianto perimetrale esterno anche se non si dispone di un’apposita predisposizione, sostanzialmente senza fili.

Ovviamente se si opta per un allarme perimetrale esterno senza fili è necessario tenere monitorati i livelli di batteria dei sensori senza fili e di conseguenza i costi di manutenzione rispetto ad uno tradizionale sono leggermente più alti, ma l’efficacia è la medesima.

Ricorrere ad un allarme perimetrale esterno opinioni di chi già lo utilizza

Se dovessimo valutare l’efficienza e la validità di un antifurto perimetrale esterno basandoci sui feedback e le opinioni di chi l’ha già installato nella propria abitazione ci troveremmo di fronte o a commenti super positivi o a riscontri decisamente negativi. In genere è un tipo d’impianto che o si ama o si odia, ma la discriminante sta solo nella qualità dell’impianto che uno ha.

Un buon allarme perimetrale esterno progettato, realizzato ed installato da una ditta specializzata è praticamente impossibile da eludere, poichè rileva la presenza di intrusi già quando questi sono ancora a molti metri dal cuore dal cuore dell’allarme.

La scelta del tipo e del numero di sensori da esterno è importantissima, ma tenete presente che anche il miglior sensore esistente sul mercato, se non viene correttamente installato e tarato, o viene posizionato nel punto sbagliato, può generare falsi allarmi o ancora peggio, in alcuni punti, potrebbe finire per non rilevare il passaggio dei ladri.

Oggi in commercio esistono vari tipi di allarme perimetrale esterno, tutti a loro modo validi, ma ovviamente diversi, non solo per il marchio che li contraddistingue, ma proprio per le caratteristiche intrinseche di ognuno. Tutto sta a capire cosa si richiede ad un impianto di questo tipo, quanto si è disposti a spendere, di quali e quanti componenti è costituito e come e da chi questi vengono prima progettati e poi installati.

Ricordate, in questi casi sarebbe sempre meglio affidarsi a dei professionisti ed evitare il fai da te, proprio per riuscire a garantirsi il massimo livello di sicurezza possibile.

Qualche euro speso in più sarà ampiamente ripagato dai risultati e di certo, in questo modo, anche voi non rimarrete delusi e potrete rientrare tra i sostenitori dell’antifurto perimetrale da esterno.

Sara Raggi

Ingegnere per tradizione di famiglia, dopo la prima laurea specialistica conseguita nel 2004 al Politecnico di Milano, ho deciso di assecondare il mio spirito creativo e diventare anche architetto. Così, da oramai più di 10 anni, il mio mestiere principale, nonché la mia passione, è proprio quello di progettare ed arredare le case. L’amore per la scrittura però mi accompagna da sempre e per questo, oramai da diverso tempo, scrivo per il web, soprattutto occupandomi di arredamento ed edilizia.
Sara Raggi

LEAVE A REPLY

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.