Alessandro Mendini è stato uno dei designer più prolifici d’Italia e del mondo. Le sue opere rientrano a tutt’oggi tra le più famose e apprezzate del settore, tanto da essersi aggiudicate un posto di rilievo in numerose esposizioni museali.

Ma chi era esattamente, questo straordinario talento milanese? Obiettivo del nostro articolo è quello di presentarti in maniera approfondita la figura di Mendini, analizzando insieme a te la sua vita e le sue opere, così da farti scoprire cos’ha prodotto per noi questo grande e compianto genio del design.

– Biografia di Alessandro Mendini: una vita consacrata al design e all’architettura

Nato a Milano il 16 agosto 1931 (la stessa città in cui si è spento il 18 febbraio 2019), Alessandro Mendini è stato un noto architetto, designer e artista italiano.

Dopo aver conseguito la Laurea in Architettura al Politecnico di Milano nel 1959, il giovane Mendini si lancia immediatamente nella carriera di designer che, già a partire dalla fine degli anni Settanta, gli vale la nomea di vero e proprio innovatore del settore: sia come intellettuale teorico, sia in qualità di membro del Gruppo Alchimia, uno dei più importanti studi milanesi di design di quegli anni.

Alessandro Mendini designer
Credits: Wikipedia

Il suo straordinario talento artistico gli ha permesso di ottenere numerosi premi, tra i quali figura anche il prestigioso Compasso d’Oro, che il designer Mendini riesce a conquistare per ben tre volte: nel 1979, nel 1981 e nel 2014. Oltre che architetto e designer, Mendini si è distinto anche per aver diretto svariate riviste del settore, tra le quali spiccano: Domus, Casabella e Modo, l’ultima delle quali fondata da lui stesso.

Parallelamente, nel 1989 fonda il celebre Atelier Mendini insieme al fratello Francesco e, a testimonianza della sua prolificità, svolge anche il ruolo di consulente per l’urbanistica di alcune amministrazioni locali in Corea del Sud e in Italia, insieme all’altrettanto noto collega Franco Summa.

Oltre al già citato Compasso d’Oro, Mendini Alessandro è stato insignito di numerosi altri premi alla carriera, i più importanti dei quali sono:

  • lo Chevalier des Arts et des Lettres, un’importante onorificenza francese;
  • l’Architectural League di New York;
  • l’European Prize for Architecture Awards;
  • una laurea honoris causa al Politecnico di Milano.

Tali premi non sono altro che il meritato riconoscimento del lavoro di un’intera vita: una vita spesa per l’architettura e il design, i due grandi amori di Alessandro Mendini che l’hanno spinto a creare una grande quantità di opere, tutt’ora apprezzate e ammirate.

– Opere e stile di Mendini

Le opere di Alessandro Mendini si caratterizzano per il fatto di appartenere a differenti campi del sapere, a testimonianza del grande eclettismo che caratterizzava lo stile di questo grande artista.

Il suo nome, infatti, può essere tranquillamente accostato a più di una disciplina, tanto che è possibile parlare tanto dell’architetto Alessandro Mendini, quanto del Mendini designer, poiché egli è stato tutto questo e molto altro ancora, come del resto testimoniano le sue inestimabili opere.

A tal proposito, infatti, è possibile suddividere il suo lavoro in due grosse macro – categorie: quella relativa all’architettura e quella afferente al settore del design. Nel primo gruppo rientrano tutti i lavori del Mendini architetto, i più importanti dei quali sono:

  • la Torre dell’Orologio a Gibellina, in Sicilia;
  • la Torre del Paradiso a Hiroshima, in Giappone;
  • il Museo della Ceramica a Incheon, in Corea;
  • la sede coreana della Triennale di Milano, sempre a Incheon;
  • la nuova piscina olimpionica a Trieste;
  • le stazioni Salvator Rosa, Università e Materdei della metropolitana di Napoli;
  • il Teatro Comunale Pietro Aretino di Arezzo;
  • il Groninger Museum nei Paesi Bassi.
Groninger Museum
Credits: Wikipedia

Se questi capolavori già non fossero sufficienti a testimoniare il grande spirito avveniristico che contraddistingueva questo geniale artista, a fornire la conferma definitiva ci hanno pensato le opere di design di Alessandro Mendini, tra le quali vale la pena menzionare:

  • il cavatappi Anna G per Alessi (1994), la cui caratteristica principale è quella di essere ispirato al volto e alla silhouette dell’amica designer Anna Gili;
  • il cavatappi Alessi di Alessandro Mendini (2003);
  • la poltrona Proust di Alessandro Mendini per Magis (2011);
  • la lampada Amuleto per Ramun (2010).
amuleto Ramun
Credits: Wikipedia

Sulla penultima opera che abbiamo citato, in particolare, è doveroso spendere due parole. Parliamo infatti della famosa poltrona di Alessandro Mendini, interamente disegnata e progettata dall’artista, che l’ha trasformata in una vera e propria icona di design. L’idea alla base di questa creazione era infatti quella di dare vita a un oggetto che racchiudesse in sé diverse correnti artistiche, più nello specifico quella della pittura puntinista e impressionista per quanto riguardava il tessuto esterno, e lo stile barocco per il resto della struttura.

Il risultato è stato per l’appunto questa bellissima poltrona, caratterizzata da un rivestimento colorato e vivacissimo, che contrasta con l’apparente “classicismo” della sua struttura, chiaramente ispirata alle forme barocche del XVIII secolo. Il connubio di stili che caratterizza la poltrona Proust è unicamente il frutto dei disegni di Alessandro Mendini, nonché la rappresentazione vivente del concetto alla base di tutte le opere di questo grande artista: il cosiddetto “RE-design”.

L’architetto Mendini riteneva infatti che, poiché tutto era già stato inventato, all’uomo moderno non restava altro da fare che reinterpretare i capolavori esistenti, conferendo loro un nuovo e più avveniristico significato. Questa filosofia, che è alla base del design di Mendini, viene perfettamente espressa nella creazione della poltrona Proust, da molti considerata il capolavoro indiscusso e l’opera più importante dell’artista.

poltrona Proust
Credits: Wikipedia

Va da sé, naturalmente, che le opere di Alessandro Mendini non si limitano certamente a quelle che abbiamo citato. Del resto, stiamo parlando di uno degli artisti più prolifici del secolo scorso, che ha collaborato con numerosi e importanti brand, tra i quali ricordiamo:

  • Alessi;
  • Venini;
  • Bisazza;
  • Cartier;
  • Hermès;
  • Vacheron;
  • Constantin;
  • Supreme;
  • Swatch;
  • Swarovski.

Tutti questi noti marchi possono quindi vantarsi di aver lavorato fianco a fianco con il grande Mendini Alessandro, il cui lavoro è stato a sua volta oggetto di numerosi studi e pubblicazioni, tra i quali ci sentiamo di segnalartene un paio nel caso in cui desiderassi ulteriori informazioni sulla vita di questo talentuoso designer.

– Design di Alessandro Mendini: scoprilo attraverso queste due opere

Tra i tanti libri e pubblicazioni che parlano della vita di Alessandro Mendini e del suo prolifico lavoro in qualità di architetto e designer, ne abbiamo scelti due particolarmente scorrevoli e ricchi di affascinanti illustrazioni.

Il primo s’intitola: Alessandro Mendini. Empatie – Un viaggio da Proust a Cattelan

Si tratta di un compendio che raccoglie, descrive e illustra oltre ottanta opere di Mendini designer, inclusa la sua famosissima poltrona Proust.

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2022-12-04 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Il secondo volume, invece, è Quarantacinque domande a Alessandro Mendini

Come il titolo stesso lascia chiaramente intuire, si tratta di una vera e propria intervista all’artista, perfetta se sei particolarmente interessato alla sua biografia.

(Dati da Amazon.it aggiornati il 2022-12-04 / Link affiliazioni / Immagini con API Amazon)

Leggendo questi libri, pertanto, avrai la possibilità di approfondire nel dettaglio la figura di Mendini, al punto che la sua vita e le sue opere non avranno più alcun segreto!

– Conclusione

Nell’articolo che hai appena letto abbiamo voluto omaggiare uno dei più grandi architetti e designer del Novecento: un talento indiscutibile che ha saputo donare al mondo alcuni tra i suoi più indimenticabili capolavori. Come tutti gli artisti, tuttavia, Alessandro Mendini è molto più di questo.

Ecco perché riassumerne la vita e le opere in un solo articolo è pressoché impossibile. L’ideale, se avverti interesse per questo affascinante personaggio, sarebbe quello di considerare quest’articolo come un semplice punto di partenza, approfondendo le informazioni su di lui con i volumi che ti abbiamo consigliato.

Simone Pierdominici